laRegione
laR
 
01.03.21 - 22:00

Maggia, due case prefabbricate nel nucleo? C'è chi dice ‘no’

Opposizioni contro la concessione della licenza edilizia per gli stabili. ‘Non rispettano i valori storici e paesaggistici della zona’

maggia-due-case-prefabbricate-nel-nucleo-c-e-chi-dice-no
Le modine viste dalla strada

Il nucleo storico di Maggia conserva i tratti della tradizione architettonica locale, con tanti esempi di costruzioni antiche in sasso e viottoli pavimentati in pietra. Molte abitazioni sono state ristrutturate con rispetto, permettendo di conservare un'atmosfera autentica. E l'autorità locale ha vigilato, imponendo regole e norme pianificatorie chiare.
Ma ora, su un sedime dello stesso nucleo, sono spuntate delle modine che lasciano intuire l'edificazione di nuovi stabili di una certa dimensione. Alcuni confinanti si sono informati e dopo aver visionato i progetti hanno deciso d'inoltrare opposizione. Li abbiamo incontrati di fronte al caminetto accesso della loro caratteristica casa in pietra, con tetto in piode. Sono contrariati per diverse ragioni: «L'intervento previsto, proprio sulla fascia di terreno che delimita il nucleo, a nostro avviso deturpa la zona. Le due nuove abitazioni prefabbricate non si conciliano per nulla con la tradizione architettonica locale».

‘Non possiamo accettare passivamente’

Nella loro opposizione, che è attualmente sul tavolo del Municipio, chiamato a concedere la licenza edilizia, entrano nei dettagli di quella che definiscono una vera e propria speculazione: «Non vengono per nulla rispettati i valori storici e paesaggistici della zona e le nuove case nasconderanno alla vista gli edifici rurali del nucleo, alcuni dei quali risalgono al 1600 e al 1700. Non possiamo accettare passivamente». Dubbi vengono espressi anche per quanto riguarda l'allineamento dei nuovi stabili, messi in diagonale rispetto alle case esistenti, per sfruttare fino all'ultimo centimetro le possibilità edificatore del sedime.
Il fatto che le due case saranno prefabbricate suscita grandi perplessità. Gli intervistati, citando le “Linee guida cantonali: interventi nei nuclei storici. Criteri di valutazione paesaggistica nell'ambito della procedura edilizia” (Edizione Dipartimento del territorio, 2016), ricordano che “costruzioni prefabbricate o costruite in serie che presentano tipologie totalmente estranee all'identità e alla cultura del costruito locale, mal si adattano a essere parte di un tessuto edificato con caratteristiche precise e proprie”.
Di più: ci deve essere armonia con gli edifici attigui e l'inserimento deve riprendere “le regole di crescita tipiche del sistema aggregativo e gli allineamenti delle costruzioni storiche”.

Le diverse criticità osservate dai vicini

«In verità il progetto propone due nuove abitazioni monofamiliari non parallele tra loro e che si toccano in un solo punto. Una contiguità che, così come viene proposta, appare discutibile e di difficile riscontro nei nuclei tradizionali. I tetti, con pendenza dell'80 per cento (eccessiva per una copertura in tegole), presentano sporgenze importanti su gronde e frontoni (84 centimetri) e non riscontrabili in nessuna altra costruzione del nucleo, se non in presenza di balconi tradizionali. Probabilmente si tratta di uno stratagemma per poter ottenere una maggior altezza, visto che questa viene misurata da terra al canale di gronda. Così, contrariamente a quanto si riscontra nelle case vicine, potrà essere sfruttato appieno il terzo piano, che sarà abitativo. In altre parole, l'operazione immobiliare si allinea con i parametri della zona residenziale di Maggia piuttosto che con quelli imposti per il nucleo».
L'opposizione elenca pure altri aspetti. I due prefabbricati nasconderanno de facto la vista di buona parte del nucleo storico da sud e andranno a intaccare pesantemente la fascia verde che oggi fa da cuscinetto tra l'agglomerato tradizionale e i quartieri più nuovi di Maggia.
Senza dimenticare la prevista demolizione del balcone di facciata dell'antica casa retrostante, che sparirà per garantire le distanze necessarie alla nuova edificazione. In questo caso gli opponenti si chiedono se esiste la relativa licenza edilizia, che sarebbe già stata concessa: ne hanno chiesto una copia, senza ottenere riscontro.
In conclusione, secondo loro il progetto appare ingombrante e al di fuori da qualsiasi criterio di edificazione tradizionale, senza presentare aspetti di particolare valore estetico. «Per ora – annunciano – ci appelliamo al Municipio, nella speranza che la nostra istanza serva a bloccare questa speculazione. Ma ovviamente siamo disposti ad andare avanti nella nostra battaglia a difesa del nucleo storico».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
27 min
I 25 anni della Supsi secondo Gervasoni, tra successi e futuro
L’importanza della formazione professionale, i ricordi di quell’acronimo che faceva sorridere e ora è un’istituzione, gli obiettivi da raggiungere (tanti)
Ticino
27 min
‘Si allarghino le fasce di reddito per i sussidi cassa malati’
L’iniziativa del Ps e i due rapporti allestiti saranno al centro della prossima seduta della Commissione parlamentare sanità e sicurezza sociale
Bellinzonese
3 ore
Necessari 45 milioni per il nuovo Ior a Bellinzona
Studio di fattibilità concluso: oltre ai 12 laboratori sono previsti una mensa e un auditorium, e forse anche un asilo nido per i figli dei ricercatori
Luganese
3 ore
Mezzovico: lite fra giovani degenera, interviene il... papà
Condannato per vie di fatto un 57enne che, durante un alterco fra il figlio e alcuni coetanei (fra cui la ex), ha tirato quattro sberle a tre dei ragazzi
Locarno
11 ore
Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole
Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
13 ore
Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’
A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
13 ore
Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’
La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
14 ore
Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’
Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
14 ore
Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione
Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Luganese
14 ore
Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr
Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
© Regiopress, All rights reserved