laRegione
22.02.21 - 16:00
Aggiornamento: 16:32

Ronco s/Ascona, l'ampliamento del porto incassa due 'sì'

Commissione della gestione e opere pubbliche preavvisano favorevolmente il credito di progettazione di 100 mila franchi al vaglio del legislativo

ronco-s/ascona-l-ampliamento-del-porto-incassa-due-si

L'ampliamento del Porto Crodolo di Ronco s/Ascona, auspicato dal Municipio, incassa due "sì" prima ancora di finire all'esame del legislativo. Per quest'intervento di potenziamento e aggiornamento infrastrutturale, come noto, la richiesta finanziaria contenuta nello specifico messaggio e relativa alla progettazione dei lavori ammonta a 100mila franchi. La Coges (commissione della gestione) ha stilato un rapporto con preavviso favorevole. Tuttavia qualche osservazione qua e là, nel merito, l'ha voluta proporre. La prima riguarda l'ecologia.

Il tema dell'ambiente e dell'incentivo alle energie rinnovabili, di stretta attualità, secondo i firmatari del rapporto farebbe optare per una rinuncia tutto ciò che inquina anche in acqua (come i motoscafi). Ma questo, si legge, minerebbe la funzione stessa del piccolo porto. Dal punto di vista economico, oltrettutto, il settore della nautica produce occupazione e indotti, a beneficio di tutti. Quindi, al tirar delle somme, la Coges, seppur sensibile ai problemi ambientali, è dell'avviso che occorra procedere verso il rinnovo della struttura. Il Porto Crodolo, come noto, presenta oggi esigui spazi di manovra in rapporto alla grandezza dei natanti ospitati. Gli ormeggi e la passerella principale non sono di pratico accesso; gli sbracci che consentono al molo frangionda di contenere l'innalzamento del livello del lago hanno raggiunto una certa età e andrebbero sostituiti. Considerato come l'Azienda porto natanti si muova in buone acque dal profilo finanziario, la commissione della gestione concede luce verde all'operazione.
E un nullaosta al progetto arriva pure dalla Commissione edilizia e opere pubbliche, che tuttavia invita il Municipio a rivedere, in fase di delibera, l'onorario destinato allo studio progettisti, ritenuto eccessivamente alto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
6 ore
Grave all’ospedale una 19enne, forse dopo rave party
Quattro giovani, nel frattempo identificati, l’hanno lasciata all’ospedale San Giovanni. Venivano da una festa abusiva organizzata a Roveredo
Luganese
7 ore
Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio
Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
Grigioni
11 ore
Sindaco di Lostallo, Moreno Monticelli pronto a rinunciare
Municipio riconfermato in blocco: ‘Lavoriamo bene, se Giudicetti vuole continuare io faccio un passo indietro’. A Castaneda la novità è Salvanti
Ticino
13 ore
I Verdi approvano la lista col Ps: ‘Saremo la vera novità’
L’Assemblea ha ratificato le candidature di Samantha Bourgoin e Nara Valsangiacomo per il Consiglio di Stato. ‘Bisogna puntare al raddoppio in governo’
Video
Ticino
1 gior
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
2 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
2 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
© Regiopress, All rights reserved