laRegione
laR
 
19.02.21 - 16:18
Aggiornamento: 19:19

Casa anziani San Donato, le scuse per l'accaduto

Lo spiacevole episodio dell'anziano deriso ha scosso soprattutto le famiglie degli ospiti. Lettera dei vertici dell'istituto e precisazioni del personale

casa-anziani-san-donato-le-scuse-per-l-accaduto

Una lettera di scuse indirizzata ai famigliari degli ospiti della Casa Anziani San Donato per lo spiacevole episodio che ha visto coinvolto un anziano in cura nella struttura (ricoverato nel reparto Alzheimer).
L'ha inviata, in queste ore, il Consiglio di Fondazione (CdF), che riconosce quanto anticipato da “laRegione”. Al profondo rincrescimento per l'accaduto, il CdF, per bocca del suo presidente Ottavio Guerra, del direttore amministrativo Stefano Hefti e della direttrice sanitaria, la dottoressa Yvette Conti Rossini, fa seguire la conferma che “nessun ospite ha subito danni riguardo alla sua salute fisica e / o mentale. I residenti del reparto in questione, come pure di tutta la Casa, ricevono tutte le dovute cure e le nostre attenzioni come di consueto. Siamo coscienti e rattristati, peraltro, dell'enorme danno subito da noi tutti, e in primo luogo dagli ospiti e dai loro parenti, perché è evidente come un simile evento scalfisce profondamente il rapporto di fiducia reciproco e ci rende tutti increduli e amareggiati”.

Un intervento tempestivo per punire i colpevoli 

Nella lettera viene inoltre ribadita la tempestività con la quale Direzione dell'Istituto e CdF sono intervenuti "dimostrando in modo insindacabile di non tollerare in nessun modo comportamenti contrari all'etica professionale. I collaboratori direttamente coinvolti sono stati quindi sospesi in attesa della conclusione dell'inchiesta amministrativa interna". La bravata di cattivo gusto postata sulla chat, lo ricordiamo, è costata il posto a due dipendenti del reparto, mentre (almeno) un terzo collaboratore della struttura è stato sospeso in attesa delle verifiche in atto e potrebbe, a sua volta, finire licenziato.
Agli assistenti del team curante della casa anziani centovallina, comprensibilmente scossi e turbati, è stato intanto assicurato, su richiesta, un sostegno psicologico. Nella convinzione che "non sia una mela marcia a rovinare e screditare il lavoro di tante persone coscienziose".

Il personale curante prende posizione con alcune precisazioni

Profondamente amareggiato e incredulo per questa brutta storia lo è naturalmente anche il personale dell'istituto. Personale che, attraverso la propria Commissione interna, in una nota ai media prende posizione con delle precisazioni. Delle incongruenze sarebbero infatti contenute nei servizi giornalistici dedicati alla triste vicenda. “Le figure professionali coinvolte nei fatti non sono due assistenti geriatrici, bensì persone con ruoli professionali diversi, fra le quali due sono state assunte da soli pochi mesi. Precisiamo altresì che solo la minoranza delle persone direttamente coinvolte sono frontalieri - si legge nel testo - Estranei all’incresciosa vicenda oggetto mediatico di questi giorni, tutti noi impiegati ligi all’etica e dediti da sempre al servizio ineccepibile della presa a carico dei nostri cari residenti, vorremmo sottolineare quanto sia mortificante per noi leggere sui social e sui media commenti denigratori e accuse pesanti rivolte al personale frontaliere. Questo devia inoltre l’attenzione dal grave fatto accaduto verso un particolare del tutto irrilevante ai fini di quanto successo e che non dovrebbe mai accadere, a prescindere dalla provenienza del personale impiegato. La Commissione Interna rappresenta i dipendenti non coinvolti, in nome dei quali si dissocia dalla vicenda che ha leso profondamente residenti e i loro famigliari, come pure molto intensamente il personale curante che da anni si dedica con passione, umanità, etica e professionalità al benessere dei Residenti della Casa. Ci rendiamo tutti conto del danno d'immagine che subisce il nostro Istituto, e comprendiamo i timori e le preoccupazioni dei Famigliari che hanno riposto in noi la loro fiducia, facendoli nostri. Desideriamo riuscire a rassicurare tutti sul fatto insindacabile che continueremo nel nostro lavoro come sempre: svolgendolo con la professionalità e l’umanità che fino a oggi ci hanno contraddistinto e che continueranno a essere la nostra cifra".

 

Leggi anche:

San Donato: si filmano e deridono un ospite. Sospesi

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
22 min
Nasce a Chiasso l’associazione che promuove lo Street food
Cinque professionisti del settore uniscono le forze per organizzare eventi in tutto il Cantone a partire dalla primavera
Locarno
22 min
La città cresce. Il Municipio vuole un ‘Programma di azione’
Palazzine in costruzione e progetti per decine di appartamenti, tra rischi e opportunità. L’analisi del capo dicastero sviluppo economico e territoriale
Luganese
8 ore
A Tresa nasce un progetto di reinserimento sociale
Municipio e servizio sociale coinvolgono le aziende per creare opportunità di stage, lavori temporanei o di lunga durata per i giovani in assistenza
Ticino
11 ore
Formazione bilingue, studenti friburghesi nei licei ticinesi
Dopo i cantoni di Berna e Vaud, un nuovo progetto per rafforzare il plurilinguismo
Ticino
12 ore
Si torna a fare il pieno in Ticino
Prezzi benzina: dopo il taglio delle accise in Italia, i frontalieri, e non solo loro, riappaiono nei distributori al di qua del confine
Luganese
12 ore
Bioggio, scontro tra due auto alla rotonda
Un ferito leggero e ingenti danni materiali ai due veicoli coinvolti il bilancio del sinistro tra via Strada Regina e via Longa
Luganese
13 ore
Ricerca di persona sopra Caslano, operazione conclusa
Nelle ricognizioni era stata impegnata la Rega, intervenuta anche con un elicottero con termocamera e visore notturno
Grigioni
14 ore
Il Parco Val Calanca è realtà
Le assemblee comunali di Rossa, Calanca, Buseno e Santa Maria hanno detto di sì con rispettivamente il 100%, il 76%, il 90% e il 100% dei voti
Bellinzonese
14 ore
‘L’unico neo di una tre-giorni riuscita’
L’alterco della serata d’apertura non rovina i bagordi carnascialeschi di Cadenazzo. Bottinelli: ‘Pienone nella ‘replica’, andata liscia come l’olio’
Luganese
17 ore
Persona dispersa sul Monte Sassalto, sopra Caslano
Le operazioni di ricerca sono scattate nella serata di ieri. Impegnata la Rega, prima con il visore notturno e poi in volo a vista
© Regiopress, All rights reserved