laRegione
locarnese-condannato-per-spaccio-di-cocaina-e-riciclaggio
386 grammi venduti in tre anni (Foto Ti-Press)
15.02.21 - 15:47
Aggiornamento: 19:32

Locarnese, condannato per spaccio di cocaina e riciclaggio

All'uomo di origine dominicana è stata inflitta una pena di 26 mesi di carcere di cui 7 da scontare. Non sarà però espulso dalla Svizzera

Quasi 400 grammi di cocaina. È quanto ha ammesso di aver venduto durante l’arco di tre anni, fra novembre 2017 e settembre 2020, un cittadino dominicano di 39 anni dimorante nel Locarnese. A processo davanti alla Corte delle Assise criminali di Locarno in Lugano presieduta da Marco Villa, con i giudici a latere Monica Sartori-Lombardi e Aurelio Facchi, oltre che per il reato d'infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacenti, l’imputato ha dovuto rispondere per la contravvenzione della medesima Legge, in quanto egli stesso consumatore, e di riciclaggio di denaro per aver inviato 6’000 franchi, provento del traffico di droga, a Santo Domingo dove risiede parte della sua famiglia. Per questi capi d’imputazione, tutti ammessi, l’uomo è stato condannato a 26 mesi di prigione, di cui sette da espiare, da dedursi il periodo di esecuzione anticipata della pena già sofferto.

L’inizio dello spaccio dopo aver perso il lavoro

Durante la fase dibattimentale sono state ripercorse le dichiarazioni dell’imputato secondo cui avrebbe iniziato a spacciare dopo aver perso il lavoro a causa dello scadere del suo permesso di dimora. Essendosi ritrovato senza più entrate economiche, avrebbe preso a delinquere per sopravvivere e mantenere la famiglia creata in Svizzera dopo il suo arrivo dieci anni fa. In suo sostegno è stata citata una lettera della moglie, dalla quale nel frattempo si è separato, che attesta quanto sia sempre stato un padre presente e implicato nella cura dei loro due bambini.

‘Non è integrato’ secondo il procuratore pubblico

Nella sua rogatoria, il procuratore pubblico Pablo Fäh ha chiesto una pena di 26 mesi di carcere, di cui dieci da espiare, e si è espresso per l’espulsione del 39enne. Pur non mettendo in discussione lo stretto rapporto con i figli, non lo ha ritenuto sufficiente al fronte dell’interesse di salvaguardia dell’ordine pubblico. Ha definito inoltre scarsa la sua integrazione, provata anche dalla presenza in aula di un’interprete. Inoltre nel suo Paese di origine ha diversi familiari con cui è in contatto e un figlio avuto da una precedente relazione. Per tutti questi motivi – ha sostenuto il pp – non dovrebbero esserci le condizioni per applicare la clausola di rigore che permetta all’imputato di rimanere in Svizzera.

Per la difesa ‘espellerlo farebbe un torto anche ai suoi bambini’

Battutasi contro l’espulsione, invece, la difesa, costituita dall’avvocata Marina Gottardi. Pur ammettendo che il suo assistito non parla molto bene l’italiano e che deve fare degli sforzi per integrarsi meglio, ha però evidenziato come pochi mesi dopo il suo arrivo in Ticino abbia trovato un lavoro stabile che gli è stato tolto per una questione amministrativa. Nel cantone si è inoltre sposato e ha avuto due figli. E fino al 2017 ha condotto una vita senza commettere reati e senza maturare debiti, dando prova di rispettare le leggi. Con l’espulsione – ha detto Gottardi – si farebbe un torto anche ai suoi due bambini, uno dei quali ha tra l’altro bisognoso di cure particolari. L’avvocata ha così chiesto alla giuria di permettere all’imputato di rimanere in Svizzera e di contenere la pena a un massimo di 24 mesi sospesi a beneficio della condizionale per due anni, dato anche il comportamento collaborativo dell’imputato, che si è detto molto pentito.

Il giudice: ‘Colpa medio-grave, ma incensurato e collaborativo’

Nel pronunciare la sentenza, il giudice Villa ha elencato i fattori di cui la Corte ha tenuto conto per la commisurazione della pena: da una parte, per il quantitativo di droga spacciata (386 grammi) giudicato importante e per il lungo periodo di quasi 3 anni durante il quale è stato reiterato il reato, la colpa è medio-grave. Dall’altra, c'è la collaborazione dell’imputato incensurato nel chiarire i fatti. Escludendo, viste anche altre sentenze, una pena inferiore ai 24 mesi, la giuria ha reputato adeguata quella di 26 mesi proposta dal procuratore pubblico, ma non essendo data prognosi negativa si è espressa per una sua esecuzione ridotta rispetto alla richiesta di Fäh. L’uomo è stato così condannato a sette mesi da espiare e 19 sospesi per una durata di due anni. Sottraendo il carcere già sofferto, gli resta circa un mese e mezzo da scontare, ciò che secondo il giudice Villa si giustifica anche col fatto che il 39enne in questo momento non ha un domicilio sicuro, non ha un lavoro e non ha portato prospettive in questo senso, dunque la scarcerazione immediata potrebbe comportare il rischio di ricadere in cattive situazioni. Infine la Corte ha ritenuto di non ordinare l’espulsione dell’uomo, non solo per i figli – ha motivato Villa –, ma soprattutto perché incensurato, rispettivamente per la durata del suo soggiorno in Svizzera. È stato dunque applicato il caso di rigore.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cocaina locarnese marco villa processo riciclaggio spaccio
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
1 ora
Condanna bis al comandante della polizia William Kloter
Pena ridotta ma confermata in Appello la grave infrazione alle norme della circolazione: l’ufficiale era stato pizzicato da un radar sull’A13 a Soazza
Bellinzonese
2 ore
Scarsità di acqua, il Centro di Lumino critica l’ex Municipio
In tre interrogazioni i consiglieri comunali chiedono se vi sono perdite nelle condutture, sorgenti alternative e se l’approvvigionamento sarà garantito
Ticino
2 ore
Atti sessuali con fanciulli, 77enne rinviato a giudizio
L’uomo avrebbe abusato di sette bambini sull’arco di 20 anni, recandosi apposta anche in Thailandia. È parzialmente reo confesso.
Bellinzonese
2 ore
Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio
L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
2 ore
Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista
Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
Gallery e video
Luganese
3 ore
‘Trasloco’ di 40 metri per un edificio di 600 tonnellate
Spostamento necessario per la realizzazione del futuro sottopasso pedonale di Besso. Le operazioni sono durate tutta la mattinata
Locarnese
3 ore
Allerta meteo sul Locarnese: forti temporali
Pericolo di grandine, piogge torrenziali e raffiche burrascose. Il fronte del maltempo procede a una velocità di 25 km/h
Mendrisiotto
3 ore
A Breggia in 333 sono per il referendum sulle scuole
Il Comitato promotore consegna le firme in Cancelleria: ‘Obiettivo raggiunto’. Il nodo del problema, non i servizi didattici ma l’investimento
Locarnese
5 ore
Alta Vallemaggia, due vitelline ferite dal lupo
Accertamenti in corso all’Alpe Sfille, ma l’attacco del predatore presente da mesi in zona, è dato per certo
Ticino
5 ore
TicinoSentieri si rinnova grazie all’aiuto degli appassionati
La segnaletica lungo i sentieri è da rinnovare e con un’app gli escursionisti potranno censire i 5’470 cartelli lungo quasi 5mila chilometri di percorsi
© Regiopress, All rights reserved