laRegione
15.02.21 - 11:42
Aggiornamento: 15:45

Orselina, 10 anni di lavori al bosco di protezione

Un progetto integrale da 2,36 milioni di franchi che prevede pure una rete antincendio

orselina-10-anni-di-lavori-al-bosco-di-protezione
Il bosco della località collinare (Foto del Dipartimento del territorio)

Un progetto integrale a favore del bosco di protezione del comune di Orselina, che sarà realizzato nel corso dei prossimi dieci anni e che costerà globalmente 2,26 milioni di franchi. Recentemente il Consiglio di Stato ha approvato un messaggio per questi lavori, ricordando che “il bosco nel territorio del comune di Orselina copre circa il 68 per cento dell’intera superficie e svolge una funzione di protezione diretta, fondamentale per la salvaguardia di vite umane e beni materiali dai pericoli causati da eventi naturali quali frane, scoscendimenti, caduta sassi e altri. L’importanza del bosco di protezione è esponenzialmente aumentata nel corso dei decenni, di pari passo con l’edificazione del fondovalle e come nel caso specifico di gran parte dei pendii: di riflesso sono aumentate le aspettative nei confronti del bosco di protezione”.

Tempi e costi

Gli interventi previsti dal progetto riprendono e approfondiscono quanto pianificato nel Piano di gestione dei boschi di Orselina, approvato dal Consiglio di Stato nel 2017. “Il progetto integrale promosso dal Comune di Orselina, in stretta collaborazione con la Sezione forestale, si svilupperà sull’arco di 10 anni (2021 - 2030), con un investimento totale di 2,36 milioni di franchi e sarà finanziato da Cantone e Confederazione per un totale di 1,4 milioni – si legge in una nota stampa diffusa dal Dipartimento del territorio –. I sussidi sono pari all’80 per cento per i lavori selvicolturali e al 60 per cento per gli allacciamenti con la rete idranti; i costi restanti, in parte coperti dal ricavato della vendita del legname, saranno invece a carico dell’ente esecutore. I lavori riguardanti le infrastrutture (pista, piazzali e rete antincendio) saranno realizzati nei primi 5 anni congiuntamente agli interventi selvicolturali nei comparti più urgenti da risanare su una superficie di 62 ettari”.

Complessivamente si prevedono interventi selvicolturali su una superficie di 131 ettari con l’abbattimento di 6mila 700 metri cubi di legname. “L’esecuzione degli interventi, suddivisa su un periodo di 10 anni, è giustificata dall’importante superficie e dalla tipologia degli interventi previsti, grazie ai quali si influenzerà l’evoluzione del bosco in modo da rispondere al meglio ai pericoli naturali conosciuti. Da rilevare che la maggior parte delle attività di esbosco saranno, nel limite del possibile, effettuate tramite l’uso della teleferica forestale sfruttando al meglio le infrastrutture già presenti e quelle nuove previste dal progetto integrale”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
36 min
La Stranociada, gli altri e lo ‘scherzo’ che (non) vale
Lo spostamento e il raddoppio delle serate del carnevale di Locarno non fa felici i vicini di Maggia e Gordola, chiamati a far buon viso a cattivo gioco
Luganese
3 ore
La torre itinerante simbolo di una necessità condivisa
La Tour Vagabonde fa riflettere sugli spazi indipendenti da Friborgo, dove nasce, fino a Lugano, dove si ergerà fino al prossimo marzo
Ticino
3 ore
‘Rivitalizzare la politica di milizia, partendo dal cittadino’
Sarà uno dei temi del Simposio sui rapporti tra Cantone e Comuni. Della Santa: ‘Il coinvogimento attivo per destare l’interesse per la cosa pubblica’
Ticino
10 ore
Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’
L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
11 ore
Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia
Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
12 ore
Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale
Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
12 ore
Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente
Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
13 ore
Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’
Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
13 ore
Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio
Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
Ticino
14 ore
Pensioni, la rete ErreDiPi evolve e diventa un’associazione
La scelta, dice il portavoce Quaresmini, ha l’obiettivo di essere interlocutori solidi e di partecipare attivamente agli incontri tra governo e sindacati
© Regiopress, All rights reserved