laRegione
10.02.21 - 13:13
Aggiornamento: 13:29

Maggia, verso la gestione di Stato delle acque

Il governo cantonale invita il legislativo a respingere la domanda di rinnovo della concessione per l’uso delle acque del fiume presentata dall'Ofima

maggia-verso-la-gestione-di-stato-delle-acque
Diga di Robiei (Foto Ti-Press)

Il Consiglio di Stato, su proposta del Dipartimento delle finanze e dell’economia (Dfe), ha licenziato il messaggio con cui chiede al Gran Consiglio di respingere la domanda preliminare di rinnovo della concessione per l’utilizzo delle acque della Maggia e dei suoi affluenti, rispettivamente delle acque della Valle Bedretto, presentata lo scorso 1° ottobre dalle Officine Idroelettriche della Maggia Sa (Ofima).

Il governo cantonale parla di “un passo significativo nella direzione del principio di utilizzo in proprio, da parte dello Stato, delle acque pubbliche di superficie”. Come previsto dall’articolo 2 della Legge sull’autorizzazione delle acque (Lua), lo sfruttamento avviene tramite l’Azienda elettrica ticinese (Aet).

Con il messaggio licenziato, il Consiglio di Stato fa valere il diritto di riversione che lo Stato può esercitare per gli impianti le cui concessioni giungeranno a scadenza nei prossimi decenni. “L’esercizio di questo diritto è un elemento centrale della politica energetico-climatica cantonale, che consentirà di applicare i principi già decisi dal legislatore, riappropriandosi delle acque ticinesi e affidando ad Aet la loro gestione”. Il messaggio mira inoltre a “creare le condizioni quadro per l’ottimizzazione degli impianti esistenti prima della scadenza delle concessioni, ritenuto che ciò rappresenta un’importante opportunità per valorizzare la produzione indigena in ottica futura, mantenendo le competenze e il valore aggiunto in Ticino e nelle zone periferiche”.

In questo contesto, il governo chiede al parlamento di autorizzarlo ad avviare, in collaborazione con l’Aet, le trattative e le attività necessarie per definire le condizioni per la riversione degli impianti della Maggia e dei suoi affluenti.

Si tratta, per la precisione, della riversione allo scadere della concessione, il 31 dicembre 2035 degli impianti di Maggia I (tronco Sambuco-Verbano) e il 31 dicembre 2048 degli impianti di Maggia II (tronco Naret - Cavagnoli - Robiei - Bavona - Cavergno, compresa l’adduzione delle acque della valle Bedretto).

In particolare, il Consiglio di Stato chiede di determinare da subito con l’Aet gli interventi di miglioria alle installazioni tecniche, “così da assicurare un’ottimale e razionale funzionalità delle stesse, anticipando se del caso eventuali ampliamenti (vedi ad esempio innalzamento dighe) o ammodernamenti prima della scadenza della concessione. Il tutto nell’ottica di garantire la sicurezza di approvvigionamento tramite una maggiore produzione indigena (anche invernale) e, di conseguenza, una minore dipendenza dall’estero”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Video
Ticino
7 ore
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
11 ore
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
11 ore
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
11 ore
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
19 ore
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
20 ore
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
20 ore
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
21 ore
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
21 ore
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Ticino
22 ore
Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro
Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
© Regiopress, All rights reserved