laRegione
laR
 
03.02.21 - 18:22

Bosco, sui take-away Berna non apre le terrazze

Frapolli chiede di poter mettere a disposizione,come nei Grigioni, gli spazi esterni, comodi e riparati.. Proposta respinta per via dell'ordinanza federale

bosco-sui-take-away-berna-non-apre-le-terrazze
(archivio Ti-Press)

Pranzare al freddo, seduti disordinatamente sulla neve, col rischio di qualche congestione a causa delle temperature stagionali che, non di rado, scendono ben al di sotto dei 15 gradi a duemila metri. Sì perché con ristoranti e rifugi in quota chiusi per via dell'emergenza Covid, il popolo degli sciatori non ha alternativa se non quella di portarsi il pranzo al sacco (o di consumarsi il take-away) in qualche scomodo angolo un po' riparato dall'aria fredda. Come ad esempio dentro l'auto, sul posteggio della stazione di partenza. Succede a Bosco Gurin, dove il proprietario degli impianti, Giovanni Frapolli, ha più volte criticato, nelle ultime settimane, questa soluzione che, dal punto di vista salutare, non è certo indicata. Oltre che dannosa a livello di promozione degli sport della neve.
Facile immaginare come, in alcuni casi, vada infatti a finire: soprattutto con i bambini che, a causa di un blocco digestivo dovuto al freddo, non di rado vomitano o si sentono male. Senza dimenticare anche i rifiuti abbandonati qua e là sulle piste. Spettacolo poco edificante, che genera lavoro di pulizia supplementare agli addetti.

Ticino-Grigioni, una disparità di trattamento che non si spiega

Prendendo spunto da quanto avviene nei vicini Grigioni, dove dall'inizio dell'anno sulle terrazze esterne dei ristoranti delle piste da sci è possibile pranzare (con servizio ai tavoli) e dove la situazione epidemiologica rispecchia assai quella ticinese, l'imprenditore bellinzonese ha quindi scritto alle competenti autorità cantonali (Gruppo di lavoro grandi eventi) chiedendo di seguire l'esempio retico. Permettendo cioè all'utenza di far capo almeno a pratici tavoli e sedie appositamente disposti all'aperto (come sulle terrazze, tenendo le distanze sociali e rispettando il numero massimo di persone sedute). Come previsto dalle direttive anticovid attualmente in vigore. Si eviterà così quella che Frapolli ritiene una ”discriminazione” bella e buona, che penalizza le stazioni invernali ticinesi (perché il discorso interessa tutte le località sciistiche), confrontate ultimamente, come se non bastasse, anche con le bizze del meteo (fine settimana con cieli coperti, nevicate e pericolo valanghe). Frapolli, battagliero come sempre, è determinato a non mollare la presa.

La legge la fa Berna, nessuna eccezione, finestra chiusa  

Da Bellinzona la risposta non si è fatta attendere. Dopo aver analizzato la decisione del Canton Grigioni, risalente alla fine dello scorso mese di dicembre, si ricorda al gestore degli impianti della località walser che la stessa era stata presa sulla base dell’ordinanza allora vigente, che permetteva ai Cantoni, in base alla loro particolare situazione epidemiologica, di concedere delle autorizzazioni mirate. Si trattava dunque di una “finestra di alleggerimento” concessa dall’ordinanza ai cantoni. Questa possibilità, tuttavia, è venuta a cadere a inizio gennaio, quando il Consiglio Federale si è arroccato il diritto di decidere in merito. L’attuale versione dell’ordinanza federale e le relative spiegazioni sono molto chiare: “il consumo sul posto e nelle immediate vicinanze non è permesso e dunque la sua proposta di poter utilizzare le terrazze con i relativi tavoli non rientra nel concetto attualmente in vigore per i take-away, siano essi sulle piste da sci, siano essi in centro città”. Per ora, quindi, la proposta avanzata da Giovanni Frapolli anche a nome di altre destinazioni, non è autorizzata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
31 min
Caccia alta, sei persone denunciate per gravi infrazioni
Il Dipartimento del Territorio rende noti i dati sulla stagione appena conclusa. Abbattuti più cervi rispetto al 2021, meno cinghiali e camosci
Luganese
53 min
Direttore arrestato: ‘Si crei uno sportello per genitori’
Per la Conferenza cantonale dei genitori è importante che si riduca il rischio di situazioni simili. Contrastanti, intanto, le reazioni dei genitori.
Ticino
3 ore
Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’
Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
3 ore
Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn
Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
Luganese
10 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Ticino
13 ore
‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’
Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Luganese
13 ore
Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni
Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
14 ore
A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo
Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Bellinzonese
15 ore
Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’
È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
Mendrisiotto
15 ore
‘Il palazzo reale delle menzogne’, 6 anni al principe Selassié
La Corte delle Assise criminali di Mendrisio lo ha riconosciuto colpevole e condannato per truffa per mestiere e falsità in documenti
© Regiopress, All rights reserved