laRegione
locarno-a-processo-con-l-accusa-di-stupro-su-una-70enne
(Foto Ti-Press)
01.02.21 - 19:48
Aggiornamento : 02.02.21 - 08:01

Locarno, a processo con l’accusa di stupro su una 70enne

La difesa si è battuta per l’assoluzione: ‘Falsa denuncia forse per soldi’. L'accusa chiede 4 anni e 9 mesi e l‘espulsione per il cittadino marocchino

È un ritorno in aula per il 34enne di nazionalità marocchina accusato di violenza carnale e molestie sessuali su una donna 70enne – persona fisicamente debilitata – a cui faceva da autista in qualità di volontario sia per l’organizzazione che l‘assisteva, sia su chiamata per esigenze private. L‘accusa mossa nei suoi confronti è di avere violentato la donna in un’occasione, verificatasi nel 2019, dopo essere entrato in casa sua sfruttando il contatto che si era venuto a creare nell’ambito dei precedenti trasporti. 

Nell’agosto scorso l’uomo si era già trovato davanti alla Corte delle assise criminali di Locarno in Lugano, allora presieduta da Mauro Ermani. In quella circostanza, durante la fase dibattimentale, il giudice aveva però deciso di rimandare l’incarto al Ministero pubblico per ulteriori accertamenti. A distanza di cinque mesi ecco dunque l’uomo ricomparire nella stessa sede per il processo indiziario a suo carico svolto a porte chiuse. A presiedere la Corte, stavolta, il giudice Marco Villa, con i giudici a latere Aurelio Facchi e Monica Sartori-Lombardi. 

Il 34enne, assistito dall’avvocata Sandra Xavier, ha contestato sia i fatti che le imputazioni. Durante la fase dibattimentale il giudice Marco Villa lo ha interrogato, ripercorrendo la sua versione degli eventi per valutarne la coerenza e stabilirne la veridicità. L’imputato ha dichiarato di aver consumato tre rapporti sessuali completi con la donna e uno a metà, sempre su iniziativa di lei e con il suo pieno consenso. Atti sessuali che, stando alla versione dell’uomo, sono avvenuti dopo espliciti inviti a casa da parte della donna – con cui si era instaurata una relazione di amicizia – e a cui egli stesso avrebbe messo fine nonostante altri approcci da lei tentati.

Le richieste dell’accusa pubblica e privata

In fase requisitoria il procuratore pubblico Roberto Ruggeri ha ripercorso la difficile vita della donna e i suoi problemi di salute. Ha poi definito quelle dell’imputato «dichiarazioni strategiche e strumentali, un cocktail di ‘non ricordo’ e incoerenze». In seguito si è soffermato anche sulle incoerenze e le contraddizioni evidenti nelle versioni rilasciate dalla presunta vittima, riconducendole allo stress e alla sofferenza emotiva di una persona oggetto di violenza. Secondo il procuratore pubblico, l’imputato ha cercato di ricostruire e adattare una propria realtà che cozza con le condizioni di salute della donna (affetta da una malattia degenerativa che provoca limitazioni alla deambulazione, oltre che da altre patologie). «Non è una ‘femme fatale’, ma una vittima che chiede solo di essere creduta – ha detto Ruggeri –. Oltretutto non aveva nessuna ragione di denunciare falsamente l’imputato».

Ruggeri, definendolo l’accusato un predatore sessuale che ha tradito la fiducia di una persona della quale si doveva occupare, ha chiesto 4 anni e 9 mesi di carcere da scontare, dedotto il periodo di reclusione già sofferto (l’uomo si trova in prigione dallo scorso febbraio), più l’espulsione dalla Svizzera per 10 anni.

Presa la parola, il patrocinatore dell’accustrice privata, Marco Masoni, ha pure lui sottolineato come l’imputato si sia approfittato di una donna sola e vulnerabile. A titolo di risarcimento per torto morale ha avanzato la richiesta di 15’000 franchi.

L’arringa pronunciata dalla difesa

Di tutt’altro avviso la difesa che ha chiesto la completa assoluzione del 34enne. Sandra Xavier ha iniziato la sua arringa sostenendo la fragilità della tesi del procuratore pubblico. I risultati degli accertamenti richiesti ad agosto – ha detto – non hanno minimamente intaccato le argomentazioni difensive, anzi hanno screditato quelle accusatorie. In primo luogo, «i problemi fisici della donna non le precludevano la possibilità di compiere le azioni raccontate dall’imputato». Passando in rassegna in modo dettagliato le diverse audizioni, l’avvocata si è in seguito soffermata su svariate dichiarazioni della donna mettendo in luce le incoerenze, i cambiamenti di versione e le inverosimiglianze: «La signora ha mentito a più riprese – ha cercato di dimostrare Xavier –. Inoltre non esistono riscontri su tutto quanto da lei detto, al contrario di quelli che attestano l’attendibilità di ciò che ha sempre sostenuto il mio assistito». Ha poi evidenziato la confusione generale nei racconti della donna e in particolar modo nel situare l’episodio del presunto stupro – prima a luglio, poi a ottobre 2019 (la denuncia è avvenuta nel febbraio 2020) –, così come i comportamenti difficili da ricondurre a una vittima di abusi sessuali – far nuovamente entrare in casa l’imputato di cui non ha mai detto di aver avuto paura e andare a bere il caffè con lui al bar –, e altre reazioni ritenute spiazzanti. Le comprovate difficoltà economiche della donna, ha sostenuto la difesa, potrebbero essere alla base della falsa denuncia e della conseguente pretesa di risarcimento economico.

La sentenza della Corte è prevista nella giornata di martedì.

 

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
70enne locarno marco villa stupro
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Un Arcobaleno per ogni deputato? ‘Il santo non vale la candela’
L’iniziativa di Ermotti-Lepori e Berardi (Ppd) per favorire l’uso del trasporto pubblico non convince a Commissione parlamentare ‘Costituzione e leggi’
Ticino
1 ora
‘Chi propone la polizia unica non conosce la realtà ticinese’
Felice Dafond, Associazione dei comuni: non ci sono motivi per rivedere l’organizzazione attuale, le polcom garantiscono la sicurezza di prossimità
Locarnese
1 ora
‘Non rissa, ma aggressione. Dobbiamo dire basta tutti insieme’
Festa liceale interrotta, parla la vittima: ‘Quei violenti venivano da fuori. Cercavano solo un pretesto per attaccar briga. Le istituzioni reagiscano’
Grigioni
10 ore
San Vittore: audit esterno e querele archiviate dalla Procura
Coira ha firmato due Decreti d’abbandono per la sindaca e un membro della Gestione denunciatisi a vicenda. Istituto analizzerà l’Amministrazione comunale
Ticino
11 ore
Il Conservatorio: ‘Formazione musicale, la politica ora agisca’
Nel Rapporto 2021 il direttore Brenner a 10 anni dal voto popolare ‘bacchetta’ per i ritardi. Medici: ‘Offriamo un’educazione di alta valenza formativa’
Mendrisiotto
11 ore
Uno scippo e poche rapine, ma più sfratti e atti giudiziari
La sicurezza tiene nella Regione I di Polizia nel Sud del Mendrisiotto. A mettere a dura prova i cittadini sono le difficoltà effetto della pandemia
Ticino
12 ore
Capanne pronte ad accogliere gli escursionisti
L’offerta della Federazione alpinistica ticinese si è arricchita di altri ottanta posti letto
Ticino
12 ore
Il turismo rallenta, ma l’estate sarà ottima
Difficilmente si replicherà la stagione dello scorso anno, ma le prospettive restano positive per gli operatori del settore
Gallery
Bellinzonese
13 ore
Serravalle, in scena ‘Visioni di una battaglia in corso’
Il 26, 27 e 28 di maggio il Teatro Tan di Biasca ritornerà ad animare la fortezza bleniese con la pièce di Remo Binosi
Mendrisiotto
14 ore
Ospitava uno spacciatore e si faceva pagare in coca: condannato
Un 50enne del Mendrisiotto condannato per complicità all’infrazione aggravata alla Legge sugli stupefacenti. Come ‘affitto’ riceveva la sostanza.
© Regiopress, All rights reserved