laRegione
bosco-gurin-bravata-con-il-gatto-delle-nevi
foto Facebook Bosco Gurin
12.01.21 - 15:090
Aggiornamento : 16:52

Bosco Gurin, bravata con il gatto delle nevi

Rovinate le piste da sci con una scorribanda vandalica in piena notte. Forse già individuato il responsabile

Bravata notturna nel piccolo villaggio walser di Bosco Gurin. Qualcuno, senza averne le capacità, si è messo alla guida di un gatto delle nevi, che ieri sera era stato posteggiato nella zona di partenza dello skilift in paese. Risultato della scorribanda notturna: piste da sci deturpate, danni ad alberi e manufatti, ammaccature al mezzo. Per cercare di rintracciare il vandalo, i responsabili della stazione invernale hanno visionato i filmati delle videocamere, poste in alcuni luoghi chiave del comprensorio. Ed è già stata sporta denuncia contro ignoti.

La notizia è stata diffusa tramite il profilo Facebook ufficiale di Bosco Gurin. Ecco quanto viene riferito: ”Tra le 17 di ieri e le 8 di questa mattina un gatto delle nevi (Pistenbully modello 200) che era normalmente parcheggiato all’ex partenza dello skilift in paese (Casa Pindu), è stato preso ‘in affitto abusivo’ per un’avventura notturna. I vandali hanno pensato bene di salire (e scendere) fino a Rossboda, rovinando fra l'altro le piste e alzando molta terra, non avendo abbassato la fresa. Prova ne è che oltre a essere degli incoscienti, non erano in grado di mettersi alla guida del mezzo. Piste disastrate! Non solo: strada facendo hanno abbattuto alberi, piegato ringhiere e pali e ammaccato il mezzo. Le tracce lasciate dai cingoli parlano chiaro. La Polizia si trova già sul posto per i rilievi del caso. Stiamo passando al setaccio le varie webcam poste in punti strategici, in attesa di scoprire gli autori di questa triste e vergognosa bravata”.

La direzione degli impianti di risalita ha condannato fermamente questo tipo di comportamento.

Rifaremo le piste

“Non solo è una stagione molto complicata – si legge infine sul comunicato in Facebook –. Ora dobbiamo pure affrontare spiacevoli situazioni come queste e correre ai ripari. Fa solo male al cuore constatare tale incoscienza e leggerezza da parte di certe persone. Domani provvederemo a rifare tutte le piste danneggiate, a testa alta, come sempre... E sì, tutto ciò è a dir poco inquietante. Grazie a tutti sin d’ora per la solidarietà”.

Sarebbe già stato individuato il responsabile

Poche ore dopo, sullo stesso profilo Facebook, è stato pubblicato un aggiornamento: “Abbiamo individuato al 99,9 per cento la persona responsabile, grazie a segnalazioni ricevute. La Polizia sta facendo il suo lavoro, in attesa della confessione. Non solo il malcapitato ha provato l’ebbrezza del gatto, prima anche quella del quod (moto da neve). Il tutto sotto l’influsso di alcol e lasciando tracce. Possiamo solo dire che verosimilmente si tratta di una persona a noi molto nota e conosciuta, vicina agli impianti di risalita fino a una settimana fa (licenziata poi in tronco per gravi motivi). Non serve commentare ulteriormente. Ci sentiamo sollevati”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
2 ore
Chiesta più sicurezza per i pedoni a Bellinzona
In particolare nei pressi delle scuole e in alcune zone con il limite di 30 km/h. Lo chiede con un’interpellanza Antoine Ndombele
Mendrisiotto
2 ore
Quattro deputati si mobilitano a favore di India
In una risoluzione urgente si chiede di aprire un dibattito parlamentare e si sollecita il governo affinché sia concesso un permesso di dimora
Locarnese
2 ore
Fondazione paesaggio: oltre un milione per progetti in montagna
Da Berna aiuti ai progetti di Comologno (risanamento muri a secco) e Brione Verzasca (conservazione culturale del territorio)
Ticino
4 ore
Calano i nuovi contagi in Ticino. Ma altri quattro decessi
Nelle ultime 24 ore segnalate 1’004 persone positive. Diminuiscono pure le persone ricoverate in ospedale (-8)
Ticino
5 ore
Procuratori pubblici, non è solo una questione di numeri
‘Limitarsi ad aggiungere forze non è la soluzione. Qualche proposta: un‘età minima per diventare magistrati e audizioni pubbliche dei candidati’
Mendrisiotto
8 ore
A caccia di Pfos nella falda idrica. Fuori norma? Il Prà Tiro
Tracce dei composti della famiglia delle sostanze perfluoroalchiliche emerse nel 19% dei campioni nel cantone. A Chiasso si continua a investigare
Ticino
8 ore
Scuola, superamento dei livelli: l’emendamento domani in governo
Giorni cruciali per il destino della sperimentazione proposta dal Decs dopo il rapporto sulla consultazione. La politica discute. Il Ppd apre la porta
Locarnese
8 ore
Il (nuovo) Fevi pubblico-privato e l’ente autonomo Eventi
Grandi manovre attorno alla futura struttura, che sarà ricostruita e gestita in rete assieme agli altri spazi per il segmento congressuale (e non solo)
Bellinzonese
16 ore
Antenna 5G nel camping? A Gudo opposizione collettiva e firme
I vicini chiedono alla Città di Bellinzona e al Cantone di evitare lo ‘sfregio’. Intanto le tre compagnie hanno impugnato la variante di Pr con un ricorso
Locarnese
17 ore
Locarno, ‘non vedevo mia figlia da mesi’
Un papà in attesa di un appuntamento a Casa Santa Elisabetta. ‘Tantissime richieste in tutto il cantone. Ci siamo adoperati per migliorare il servizio’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile