laRegione
bosco-gurin-costretta-a-ridurre-l-offerta
 
11.01.21 - 14:280
Aggiornamento : 15:00

Bosco Gurin costretta a ridurre l'offerta

Ristorazione che non funziona e assenza delle scolaresche spingono a un'apertura degli impianti limitata ad alcuni giorni la settimana. Arriva la nuova App

Dopo Airolo anche la stazione sciistica di valmaggese di Bosco Gurin è costretta a rivedere le proprie strategie operative. A causa delle drastiche restrizioni legate all'emergenza sanitaria, non è infatti purtroppo possibile tenere gli impianti di risalita aperti giornalmente, come inizialmente previsto. Il fatto di non poter garantire la ristorazione come si pensava (malgrado tutti gli sforzi fatti per distanziare i tavoli e assicurare le dovute precauzioni), costituisce un grande deterrente e freno alla pratica dello sci, specie in questi giorni dalle temperature fredde (con la colonnina del mercurio che scende anche sotto i -10 gradi a 2000 metri di quota). Giovanni Frapolli, proprietario degli impianti di risalita della località della Rovana, così commenta la decisione: «Si tratta di un provvedimento inevitabile, in attesa di sapere cosa il Consiglio federale deciderà al riguardo delle stazioni sciistiche. Aspettiamo la conferenza stampa di mercoledì, poi ci regoleremo di conseguenza. Negli ultimi giorni abbiamo osservato un calo degli sciatori sulle nostre piste (fenomeno riscontrato anche altrove). Fa molto freddo e la ristorazione, con la gente costretta a mangiare fuori, sulla neve, non funziona assolutamente. Mi sembra a dir poco ridicolo, oltre che inopportuno, obbligare le famiglie con bambini piccoli a sostare al freddo durante la pausa pranzo. Dal punto di vista della salute non è certo indicato. Domenica abbiamo registrato circa 800 passaggi e questa situazione, dal punto di vista logistico, non è più assolutamente sostenibile. Molti potenziali sciatori, già preoccupati dalla chiusura di ristoranti e bar, rinunciano bellamente al fine settimana sugli sci. Basti pensare alle vacanze natalizie dove sono venute a mancare almeno l'80% delle famiglie».

“Gestire un comprensorio sciistico – si legge in un comunicato stampa della Direzione – comporta notevoli costi di gestione, dal personale a tutta l'infrastruttura per quanto concerne la preparazione delle piste. Fintantoché non si potrà riaprire la ristorazione garantendo tutte le norme igieniche di sicurezza, la pratica dello sci è estremamente limitata. Fino a fine febbraio sia il Ristorante Rossoboda che la Capanna Grossalp continueranno a offrire il servizio di cibo da asporto (piatti caldi e piatti freddi)”.

Impianti in funzione, l'informazione corre sui social e la nuova APP

A far pendere l'ago della bilancia dalla parte della riduzione dell'offerta vi è anche l'assenza delle scolaresche: «Le settimane bianche delle scuole, cancellate, portavano a Bosco Gurin tanti ragazzi e questo ci spronava a tenere aperti gli impianti tutti i giorni. Ma così non ha assolutamente senso» – conclude l'imprenditore bellinzonese.
Questa settimana, la stazione turistica della Valle Rovana aprirà dunque gli impianti di risalita unicamente nella seconda parte, vale a dire da giovedì a domenica. Per le settimane a seguire verranno forniti puntuali aggiornamenti. Farà stato anche l'evoluzione della situazione meteo. La Direzione comunicherà attaverso il sito e i canali social, di settimana in settimana, l'apertura del comprensorio. Nel corso dei prossimi giorni verrà rilasciata la nuova versione dell'APP di Bosco Gurin per smartphone, grazie alla quale si sarà sempre aggiornati in merito all'apertura degli impianti, delle piste e di tutte le infrastrutture legate alla pratica dello sci (noleggio, scuola sci ecc.). Grazie a questa nuova applicazione sarà possibile ricevere importanti aggiornamenti tramite messaggi PUSH (eventuale contingente raggiunto, stazione al completo).

 Il Weltu Schnee Tåg avrà una veste diversa

Era programmato per domenica 7 febbraio l’annuale appuntamento del Weltu Schnee-Tåg, purtroppo però il Comitato d’organizzazione ha dovuto, a malincuore, prendere la decisione di annullare la quarta edizione. La missione del Weltu Schnee-Tåg è mettere al centro dell’evento la famiglia e assicurare un’indimenticabile giornata da trascorrere in compagnia sulle piste. La situazione pandemica incerta non dà attualmente la possibilità di confermare il programma come da tradizione. Tuttavia grazie all’ottima collaborazione con la Centri Turistici Montani, il Comitato è riuscito a trovare un accordo per offrire comunque un weekend per le famiglie a un prezzo vantaggioso esclusivamente il 6-7 febbraio. Niente gara e animazione, ma l’occasione di allenarsi per l’edizione 2022. L’offerta è valida esclusivamente per le famiglie che hanno partecipato a una delle passate edizioni. Informazioni e prenotazioni giornaliere di sabato e domenica, consultando il seguente link www.sssboscogurin.ch/weltu oppure direttamente allo sportello dell'Ufficio Turistico Vallemaggia ad Avegno, telefono 091 759 77 26; weltu@sssboscogurin.ch, www.facebook.com/ WeltuSchneeTag. Termine mercoledì 3 febbraio.

 

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
2 ore
Chiesta più sicurezza per i pedoni a Bellinzona
In particolare nei pressi delle scuole e in alcune zone con il limite di 30 km/h. Antoine Ndombele rivolge un’interpellanza al Municipio
Mendrisiotto
3 ore
Quattro deputati si mobilitano a favore di India
In una risoluzione urgente si chiede di aprire un dibattito parlamentare e si sollecita il governo affinché sia concesso un permesso di dimora
Locarnese
3 ore
Fondazione paesaggio: oltre un milione per progetti in montagna
Da Berna aiuti ai progetti di Comologno (risanamento muri a secco) e Brione Verzasca (conservazione culturale del territorio)
Ticino
5 ore
Calano i nuovi contagi in Ticino. Ma altri quattro decessi
Nelle ultime 24 ore segnalate 1’004 persone positive. Diminuiscono pure le persone ricoverate in ospedale (-8)
Ticino
5 ore
Procuratori pubblici, non è solo una questione di numeri
‘Limitarsi ad aggiungere forze non è la soluzione. Qualche proposta: un‘età minima per diventare magistrati e audizioni pubbliche dei candidati’
Mendrisiotto
9 ore
A caccia di Pfos nella falda idrica. Fuori norma? Il Prà Tiro
Tracce dei composti della famiglia delle sostanze perfluoroalchiliche emerse nel 19% dei campioni nel cantone. A Chiasso si continua a investigare
Ticino
9 ore
Scuola, superamento dei livelli: l’emendamento domani in governo
Giorni cruciali per il destino della sperimentazione proposta dal Decs dopo il rapporto sulla consultazione. La politica discute. Il Ppd apre la porta
Locarnese
9 ore
Il (nuovo) Fevi pubblico-privato e l’ente autonomo Eventi
Grandi manovre attorno alla futura struttura, che sarà ricostruita e gestita in rete assieme agli altri spazi per il segmento congressuale (e non solo)
Bellinzonese
17 ore
Antenna 5G nel camping? A Gudo opposizione collettiva e firme
I vicini chiedono alla Città di Bellinzona e al Cantone di evitare lo ‘sfregio’. Intanto le tre compagnie hanno impugnato la variante di Pr con un ricorso
Locarnese
18 ore
Locarno, ‘non vedevo mia figlia da mesi’
Un papà in attesa di un appuntamento a Casa Santa Elisabetta. ‘Tantissime richieste in tutto il cantone. Ci siamo adoperati per migliorare il servizio’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile