laRegione
30.12.20 - 14:57
Aggiornamento: 16:12

‘Battellieri usati come arma di ricatto’

Astuti esprime preccupazione per la vicenda dei marinai locarnesi licenziati e accusa Snl di voler far pressione su Nlm con sede ad Arona

battellieri-usati-come-arma-di-ricatto

“Preoccupazione” viene espressa dalla Astuti (Associazione ticinese per la tutela degli utenti del trasporto pubblico, Sezione cantonale di Pro Bahn Svizzera) per la decisione della Società di navigazione del Lago di Lugano (Snl) di intimare la disdetta del rapporto di lavoro ai suoi dipendenti attivi sul bacino svizzero del Verbano. E “tali timori non possono essere sminuiti dal fatto che la stessa Snl ha annunciato di essere disposta a rivedere la drastica misura nell’ambito di non meglio precisate trattative in corso con la Navigazione del Lago Maggiore (Nlm) con sede ad Arona, titolare della concessione per i trasporti di linea sul Verbano e questo nell’ambito dell’accordo italo-svizzero sulla navigazione lacuale”.

Astuti non vuole fare del sindacalismo, ma “non può che esprimere piena solidarietà al personale toccato dalla misura, personale alle dirette dipendenze della sede di Locarno il cui effettivo si era già ridotto all’osso, essendo sceso dai 34 addetti del 2018 (parte a tempo indeterminato e parte con impiego a carattere stagionale) agli attuali 9 (5 fissi e 4 stagionali). Spiace dover costatare, nel caso specifico, che i battellieri siano stati trasformati in arma di ricatto per fare pressione su Nlm, il Cantone e la Confederazione, enti pubblici che fanno pure parte del Consorzio costituito nel 2017, dopo la rinuncia da parte italiana a garantire i collegamenti interni sulle tratte elvetiche”.

‘Quale futuro per la navigazione sul bacino svizzero?’

Di fronte allo scenario che si sta delineando è legittimo domandarsi, per Astuti, “quale sarà il futuro della navigazione sul bacino svizzero del Verbano; e qui va sottolineato come il trasporto via lago offre non solo una prestazione turistica, ma anche un servizio pubblico a disposizione dei pendolari, pensando in particolare al collegamento giornaliero tra Magadino e Locarno garantito pure nei mesi invernali. Astuti non può che ricordare come questo collegamento è pure al beneficio di finanziamenti statali, dal momento che questa linea rientra nella Comunità tariffale”. Se, fino alla fine del prossimo febbraio, la copertura di questa tratta sarà assicurata dal personale luganese della Snl, prosegue, “risulta legittimo domandarsi cosa succederà fra qualche mese, al momento della ripresa della stagione turistica, che tutti si augurano possa ripartire al meglio, nonostante le dense nubi dovute alla perdurante situazione pandemica”.

Per l'Associazione ticinese per la tutela degli utenti del trasporto pubblico “appare evidente che solo con un personale qualificato e motivato, grazie a buone condizioni economiche e alla sicurezza del posto di lavoro, può essere garantito un servizio di qualità nell’ambito del trasporto pubblico. Sarebbe anche utile conoscere le ragioni che hanno spinto la Snl a prendere le misure comunicate nei giorni precedenti il Natale, e questo alla luce degli impegni che erano stati assunti da quest’ultima nel 2017, dopo lo sciopero che aveva portato alla costituzione del Consorzio italo-svizzero e alla conclusione di un nuovo Contratto collettivo per il personale locarnese in precedenza alle dipendenze della Nlm. E questo, non da ultimo, grazie ancora una volta all’intervento della mano pubblica e in particolare del Cantone, verso il quale la Snl aveva assunto precisi impegni”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge
Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
2 ore
Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti
Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
Luganese
5 ore
Protezione civile Lugano Città, un altro anno in prima linea
Anche nel 2022 i giorni di servizio sono stati largamente di più di quelli del triennio 2018-20, seppur un po’ meno rispetto al 2021
Grigioni
6 ore
Frana in Val Calanca: ‘Non si può continuare a sfidare la sorte’
Per la vicesindaca di Buseno Rosanna Spagnolatti è necessario individuare una soluzione per una zona già toccata in passato da scoscendimenti
Mendrisiotto
7 ore
Breggia cambia il progetto per l’ex Osteria del sole
Il Municipio ha presentato una nuova domanda di costruzione, che al contrario della precedente, prevede la demolizione integrale della struttura
Gallery
Ticino
7 ore
Nel weekend la Svizzera italiana s’è messa il suo abito bianco
Trenta centimetri a San Bernardino, venti a 1’400 metri di quota: la neve ha fatto capolino anche a Sud del San Gottardo. Disagi contenuti sulle strade
Ticino
8 ore
Il 25 dicembre Gas stacca definitivamente la spina
La testata web indipendente di controinformazione, nata in scia al cartaceo Diavolo, annuncia la sua prossima chiusura
Grigioni
11 ore
Val Calanca isolata: ‘Ci vorranno giorni per liberare la strada’
Si annuncia lunga l’operazione di sgombero della frana caduta questa mattina sulla strada cantonale tra Castaneda e Buseno. Nessun ferito, ingenti i danni
Gallery
Grigioni
13 ore
Frana in Calanca, valle isolata a nord del bivio per Castaneda
Strada chiusa in entrambe le direzioni a causa di un grosso scoscendimento che si è verificato stamane alle 6.30
Gallery
Locarnese
1 gior
Riazzino, inaugurata la nuova sede logistica del Soccorso alpino
La struttura, che fungerà da magazzino e autorimessa, completa la capillare rete di strutture di copertura del territorio. L’anno prossimo il 50esimo
© Regiopress, All rights reserved