laRegione
29.12.20 - 18:09

Navigazione, da Lugano: ‘Più di così era difficile fare’

‘A ogni singolo collaboratore del bacino svizzero del Lago Maggiore proposti contratti alternativi. Chi non ha accettato lo ha fatto liberamente’

navigazione-da-lugano-piu-di-cosi-era-difficile-fare

Nel 2020 sul bacino svizzero del Lago Maggiore hanno operato 22 fra marinai, amministrativi e inservienti sotto contratto con la Società di navigazione del Lago di Lugano, 5 dei quali distaccati da Lugano. Dei 22 totali, il 1. gennaio ne rimarranno soltanto 11 (di cui 4 di Locarno), perché in 8 hanno rifiutato un rinnovo contrattuale sottoposto da Snl a dicembre (3 dei quali senza rispondere) e 3 andranno in pensione.

Cercando di fare chiarezza sulla brutta piega che hanno preso gli eventi per il servizio di navigazione in acque svizzere sul Lago Maggiore, lo comunica Snl, che si spinge anche nei dettagli. Precisa infatti che “3 collaboratori hanno subordinato la firma del contratto ad aumenti salariali fino al 30% del loro attuale stipendio; uno ha subordinato la firma a turnistiche particolarmente favorevoli alla sua vita familiare; e uno ha espresso l'intenzione di cambiare attività”. Questa situazione si è generata dopo che a settembre Snl aveva inviato disdetta cautelativa a tutti i collaboratori operanti a Locarno. Questo, “alla luce dell’incertezza sulle trattative in corso tra gli organi ministeriali italiano e svizzero e le concessionarie (Gestione governativa navigazione laghi, Ggnl, da parte italiana, ed Snl da parte svizzera, ndr.) per il rinnovo degli accordi relativi alla navigazione sul bacino svizzero del Lago Maggiore”. Poi però a tutti i licenziati era stato proposto un contratto a tempo indeterminato, valido dal 1. gennaio, “la cui efficacia era subordinata al rinnovo, entro la fine del 2020, dell’Accordo quadro di gestione tra Ggnl e Snl”. Qualora il rinnovo dell'accordo non fosse giunto (cosa che è poi successa), Snl “si impegnava comunque a sottoporre a tutti loro un contratto” all'interno del proprio gruppo.

A dicembre, prosegue Snl, visto che le trattative sull'Accordo quadro non si sbloccavano, Snl ha convocato “ogni singolo collaboratore operante sul bacino svizzero del Lago Verbano” proponendo appunto contratti Snl per il 2021, la cui accettazione o meno era consentita fino alle 12 del 23 dicembre (quando chiudono gli uffici). Tuttavia, “su richiesta sindacale, Snl ha acconsentito l’estensione del termine sopraccitato fino alle 16 del medesimo giorno”. Giorno in cui però “i sindacati hanno comunicato verbalmente a Snl che nessun collaboratore avrebbe firmato il contratto di lavoro presentato dalla stessa”. Questo, aggiunge Snl, nonostante “tutti (nessuno escluso) i collaboratori contattati hanno espresso apprezzamento ed hanno ringraziato l’azienda per le proposte effettuate nella più totale trasparenza”.

Pertanto, Snl ritiene di aver “tutelato l’occupazione di tutti i collaboratori, preservando il prezioso know-how all’interno dell’azienda, indipendentemente dall’esito dei rinnovi delle trattative ministeriali, nonostante il contesto finanziario e operativo estremamente difficile”. E “auspica di aver potuto fare chiarezza e che possa continuare a concentrare le proprie risorse sui progetti futuri che necessitano l’appoggio ed il sostegno del territorio, del Cantone, della Confederazione e delle organizzazioni sindacali. Solo facendo un gioco di squadra si riuscirà a sviluppare una navigazione moderna, ecologica e sostenibile a beneficio dei laghi ticinesi”.

Alla direzione della Società di navigazione del Lago di Lugano la “Regione” ha posto alcune domande aggiuntive.

Gli 8 non firmatari dei nuovi contratti sono stati licenziati di conseguenza?

I collaboratori di Locarno in oggetto non hanno accettato le alternative messe loro a disposizione da Snl. Dunque non sono da considerare licenziati, ma liberamente non hanno accettato una proposta di lavoro. 

Cosa è imputabile a Ggnl, dal punto di vista di Snl, nei problemi di rinnovo contrattuale?

Snl, così come l’altra consorziata, hanno operato tenendo in debita considerazione le esigenze del Consorzio e della navigazione del Lago Maggiore. A fronte dell’imminente scadenza degli accordi tra le due società, negli scorsi mesi sono state avviate le trattative per il rinnovo dei relativi contratti. Le posizioni negoziali delle due parti sono rimaste distanti e la Commissione mista, non avendo potuto raggiungere alcun accordo, ha deciso di rimettere ogni decisone agli organi superiori che hanno congiuntamente concordato una proroga dei contratti in essere fino al prossimo 28 febbraio.

Cosa è imputabile ai sindacati nell'insuccesso delle trattative con i dipendenti, secondo Snl?

Nel 2020 non abbiamo aperto alcuna trattativa con le controparti sindacali, ad eccezione di quella sui buoni pasto, andata a buon fine. Relativamente ai contratti, abbiamo costantemente tenuto informati gli organi sindacali, tramite Angelo Stroppini, che abbiamo più volte informato sui continui adattamenti alla situazione dei contratti sottoposti ai collaboratori. Sottolineiamo che non c’è stata alcuna trattativa e le condizioni salariali sono restate identiche a quelle in essere. L'obiettivo era tutelare le preziose maestranze mentendole all’interno nel gruppo, evitando così di disperdere delle risorse altamente qualificate.

Con quale spirito Snl torna a sedersi al tavolo delle trattative?

Snl è fermamente convinta che il progetto di una navigazione di respiro cantonale sui due laghi ticinesi sia realizzabile sviluppando e migliorando sia la navigazione turistica, sia quella di linea, promuovendo la mobilità integrata. Come noto, Snl ha avviato un progetto strategico che vuole portare la propria flotta completamente elettrificata entro il 2035. Snl intende promuovere l'introduzione di natanti elettrici. A tal proposito, sul Lago Ceresio è partita l’attività di “retrofitting” di un natante in dotazione alla propria flotta; il battello sarà completamente elettrico nell’estate del 2021. Per realizzare un progetto di questo calibro è indispensabile una solida rete di sostegno composta dal territorio nel quale operiamo, da Cantone, Confederazione, organi sindacali e aziende ticinesi.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
2 ore
Losone, una ‘rivoluzione’ da (non) buttare nel cestino
Tra novità già attuate e altre in arrivo, il Comune locarnese può considerarsi un precursore nella strategia di gestione dei rifiuti
Bellinzonese
2 ore
Area di servizio a Giornico, progetto ridotto ma ancora vivo
Ridimensionato l’investimento di 12 milioni inizialmente previsto. Per realizzare la ‘Green Station’ la Sa chiede all’Aet di collaborare
Ticino
2 ore
Livelli, Speziali chiude la porta: ‘Il Decs ritiri il messaggio’
Il presidente del Plr sull‘ultima proposta di superamento dei corsi A e B alla scuola media: ’Deludente e inconsistente, da noi troppo ottimismo iniziale’
Ticino
10 ore
‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’
Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
10 ore
Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile
Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
10 ore
Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo
I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
11 ore
Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino
Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
11 ore
‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’
La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Ticino
12 ore
Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie
La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
Mendrisiotto
12 ore
Oggi il punto di riferimento è l’Ente regionale per lo sport
A un anno dal varo si è già risposto ai bisogni del territorio. A cominciare dalla logistica. Lurati: ‘Il 2023 sarà il vero Anno zero’
© Regiopress, All rights reserved