laRegione
museo-europeo-dell-anno-walserhaus-di-bosco-in-corsa
28.12.20 - 16:190
Aggiornamento : 16:55

Museo europeo dell'anno: Walserhaus di Bosco in corsa

L'offerta culturale nel villaggio Walser è in lizza per la Svizzera con il Museo massonico di Berna e il Museum für Gestalung di Zurigo

a cura de laRegione

Il Museo Walserhaus di Bosco Gurin è fra i nominati svizzeri per il prestigioso Premio del museo europeo dell'anno (Emya) 2021. Condivide l'onore con il Museo massonico di Berna e il “Museum für Gestaltung” di Zurigo. Ciò significa che tutti e tre i musei svizzeri che ne hanno fatto domanda rimangono in corsa per il riconoscimento. Stando a una nota degli organizzatori, le nomination all'Emya comprendono altri 24 musei di quattordici Paesi.

Tutte le 27 sedi museali in lizza – precisa ancora la nota – hanno potuto essere visitate e valutate dalla giuria di esperti dello “European Museum Forum” prima delle chiusure legate alla pandemia di Covid-19. In totale sono state 45 le candidature provenienti da 24 Paesi. Per l'Emya 2020 sono stati nominati ben otto musei svizzeri – il numero più alto fra tutti i Paesi europei – ma la premiazione quest'anno è stata annullata a causa della pandemia. I responsabili dell'Emya vogliono assegnare i Premi per il 2020 e per il 2021 l'anno prossimo, ma, sempre a causa del coronavirus, non è ancora chiaro quando e dove si terrà la cerimonia di premiazione.

Il premio Emya è un riconoscimento che viene assegnato ogni anno ai migliori spazi museali europei. Le candidature sono aperte a tutti i musei di recente apertura o che sono stati aggiornati e ampliati negli ultimi due anni. L'obiettivo del concorso è creare una rete di contatti tra le sedi espositive, di valutarne l'attrattiva pubblica e di organizzare eventi e workshop. Nel 2019 il premio è andato ai Paesi Bassi. Tra le sedi svizzere premiate con l'Emya figurano il Museo etnografico di Ginevra e il Museo olimpico di Losanna. Il Museo della comunicazione di Berna ha inoltre vinto il premio assegnato nel 2019 dal Consiglio d'Europa.

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
2 ore
Chiesta più sicurezza per i pedoni a Bellinzona
In particolare nei pressi delle scuole e in alcune zone con il limite di 30 km/h. Antoine Ndombele rivolge un’interpellanza al Municipio
Mendrisiotto
3 ore
Quattro deputati si mobilitano a favore di India
In una risoluzione urgente si chiede di aprire un dibattito parlamentare e si sollecita il governo affinché sia concesso un permesso di dimora
Locarnese
3 ore
Fondazione paesaggio: oltre un milione per progetti in montagna
Da Berna aiuti ai progetti di Comologno (risanamento muri a secco) e Brione Verzasca (conservazione culturale del territorio)
Ticino
4 ore
Calano i nuovi contagi in Ticino. Ma altri quattro decessi
Nelle ultime 24 ore segnalate 1’004 persone positive. Diminuiscono pure le persone ricoverate in ospedale (-8)
Ticino
5 ore
Procuratori pubblici, non è solo una questione di numeri
‘Limitarsi ad aggiungere forze non è la soluzione. Qualche proposta: un‘età minima per diventare magistrati e audizioni pubbliche dei candidati’
Mendrisiotto
9 ore
A caccia di Pfos nella falda idrica. Fuori norma? Il Prà Tiro
Tracce dei composti della famiglia delle sostanze perfluoroalchiliche emerse nel 19% dei campioni nel cantone. A Chiasso si continua a investigare
Ticino
9 ore
Scuola, superamento dei livelli: l’emendamento domani in governo
Giorni cruciali per il destino della sperimentazione proposta dal Decs dopo il rapporto sulla consultazione. La politica discute. Il Ppd apre la porta
Locarnese
9 ore
Il (nuovo) Fevi pubblico-privato e l’ente autonomo Eventi
Grandi manovre attorno alla futura struttura, che sarà ricostruita e gestita in rete assieme agli altri spazi per il segmento congressuale (e non solo)
Bellinzonese
16 ore
Antenna 5G nel camping? A Gudo opposizione collettiva e firme
I vicini chiedono alla Città di Bellinzona e al Cantone di evitare lo ‘sfregio’. Intanto le tre compagnie hanno impugnato la variante di Pr con un ricorso
Locarnese
18 ore
Locarno, ‘non vedevo mia figlia da mesi’
Un papà in attesa di un appuntamento a Casa Santa Elisabetta. ‘Tantissime richieste in tutto il cantone. Ci siamo adoperati per migliorare il servizio’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile