laRegione
24.12.20 - 14:37
Aggiornamento: 15:49

Navigazione Lago Maggiore, licenziati tutti i dipendenti

Otto persone lasciate a casa da gennaio dalla Società Navigazione Lago di Lugano in attesa che si trovi una soluzione sul Consorzio

navigazione-lago-maggiore-licenziati-tutti-i-dipendenti
Foto Ti-Press

Il Consorzio per la navigazione del Lago Maggiore non avrà più dipendenti a Locarno. Tutti gli 8 dipendenti che operavano nel sopraceneri sarebbero infatti stati licenziati da dalla Società Navigazione Lago di Lugano che gestisce la navigazione sul bacino svizzero del Verbano a partire dal primo gennaio 2021. Lo riferiscono in una nota stampa pubblicata questa vigilia di Natale il Sindacato del personale dei trasporti e Unia. "Il Consorzio voluto dalla politica federale, cantonale e promosso dai Comuni rivieraschi come soluzione ottimale per incentivare la navigazione sul Lago Maggiore migliorandone l’offerta turistica e di servizio pubblico, è ora in serio pericolo. Le trattative per la continuità del Consorzio proseguiranno nei mesi di gennaio e febbraio. I marinai rimasti senza occupazione non vanno dimenticati", si legge nella nota.  

Secondo i due sindacati "Anni di lotta per salvare turismo, occupazione e servizio pubblico oggi equivalgono a licenziamenti e futuro incerto sull’offerta turistica nel bacino svizzero del lago Maggiore. Per i marinai licenziati, un altro schiaffo e un’umiliazione dopo aver lottato con caparbietà per il loro posto di lavoro nello sciopero del 2017 e per un contratto collettivo di lavoro nel 2018".  

'Doveva essere un gran traguardo per il Locarnese, invece...'

Dopo i proclami iniziali, prosegue il comunicato "le due aziende del Consorzio (Società Navigazione Lago di Lugano e la Navigazione Lago Maggiore con sede in Italia ad Arona) non si sono capite e non sono state capaci di andare d’accordo. Sindacati e maestranze non conoscono i dettagli delle discussioni e ignorano i motivi che hanno spinto le parti a proseguire le trattative in gennaio e febbraio per definire il futuro del Consorzio". Insomma. "quel traguardo chiamato Consorzio che nel 2018 era stato designato come, testuali parole: 'Un grande traguardo per il Locarnese e un importante punto di partenza per valorizzare al meglio il potenziale del nostro lago e del territorio', ora, sembra più che altro 'Una barca nel deserto'".   

Perentorio l'appello dei sindacati: "Ora, chi ha creato le basi di questo disastro, raccolga i cocci e dia una risposta al turismo, alla popolazione e ai marinai". 

Le trattative

Le contrattazioni, prosegue il comunicato, si sono svolte "in un quadro negoziale tutt’altro che chiaro sul futuro del Consorzio". La Direzione della Società Navicazione Lago di Lugano "ha sottoposto ai propri dipendenti di Locarno una serie di contratti a raffica. Prima offrendo un contratto su Locarno solo se il Consorzio proseguirà oltre il 31 dicembre 2020, poi ritirando la proposta e proponendo un contratto della durata di 1 anno con impiego sul Lago Ceresio. I dipendenti di Locarno hanno chiesto alla Direzione di aspettare per sottoscrivere il contratto, fintanto che sia chiarito il futuro della navigazione sul bacino svizzero del Lago Maggiore, considerato che erano e saranno appunto in corso delle trattative. Il 23 dicembre è arrivata la comunicazione sul proseguimento delle trattative sul Consorzio per ulteriori 2 mesi. La gioia dei marinai è però stata castrata dal datore di lavoro che invece di continuare ad impiegarli, ha preferito lasciarli a casa". 

Un'atteggiamnto giudicato "assurdo" dai sindacati. Con quali lavoratori SNL intende portare avanti il progetto? In due anni di Consorzio la Direzione SNL è riuscita a portare i propri dipendenti da 35 a 0 e nel contempo ha illuso tutti con progetti Megalomani di sviluppo dell’offerta turistica sul Lago.

I sindacati chiederanno a breve un incontro con il Consiglio di Stato per affrontare la questione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
39 min
Albertoni: ‘La frammentazione politica ci preoccupa non poco’
Il direttore della Camera di commercio: ‘Gli imprenditori hanno bisogno di certezze. Meno ideologia e più discussioni fondate su fatti concreti’
Ticino
39 min
‘La nostra forza? La biodiversità investigativa’
Polizia giudiziaria. Ferrari e Gnosca: ‘Profili diversi, indagini performanti’. Sta per chiudersi il concorso per aspiranti ispettori e ispettrici
Luganese
39 min
‘In ansia per i miei figli’: Mezhde rischia ancora l’espulsione
Verso il preavviso negativo da parte del Cantone. L’avvocata della famiglia curda: ‘Non tengono in considerazione che lei ha vissuto più qui che in Iraq’
Bellinzonese
39 min
L’Eoc: caso chiuso. ‘Ma noi vogliamo vederci chiaro, aiutateci’
San Giovanni di Bellinzona, senza esito le verifiche avviate sulla segnalazione di ex infermiere malate che preparavano antitumorali a mani nude
Centovalli
8 ore
Golino-Zandone, trasporto pubblico da potenziare
La richiesta di più corse bus da parte del Comune delle Centovalli e della Agie Charmilles (tramite Cit) recapitata alla Sezione della mobilità
Grigioni
9 ore
Giù la maschera! Roveredo si tuffa nel Carnevale Lingera
Inaugurata questa sera la 61esima edizione. Fra le novità la possibilità di acquistare i biglietti online e il percorso del corteo di sabato
Locarnese
10 ore
L’indebitamento pubblico preoccupa Gordola, su le imposte
Il Consiglio comunale sposa la linea del rapporto di minoranza della Gestione e alza il moltiplicatore dall’84 all’88 per cento, sconfessando il Municipio
Ticino
10 ore
Ricerca fra le macerie, pure una squadra ticinese in Turchia
Lunedì Mauro Bonomi e Luna sono volati sul posto. In preallarme il presidente della sezione rossoblù di Redog Fabio Giussani: ‘Pronto a intervenire’
Ticino
11 ore
Radar, un’altra interpellanza scottante diventa interrogazione
Alle domande poste da Passalia e Dadò (Centro) sull’aumento di controlli di velocità il governo risponderà in forma scritta. E tra diverso tempo.
Luganese
15 ore
Riprendono i lavori sulla A2 tra Lamone e Gentilino
In collina velocità limitata a 80 km/h, mentre allo svincolo di Lugano Nord si viaggia a 100 km/h
© Regiopress, All rights reserved