laRegione
21.12.20 - 17:28
Aggiornamento: 21:32

Locarno, sul PALoc 4 la Sinistra è alquanto critica

Il Programma d'agglomerato presenterebbe diverse lacune e non sarebbe in grado di fornire risposte esaustive in vari ambiti. Sui posteggi serve una strategia

locarno-sul-paloc-4-la-sinistra-e-alquanto-critica

Programma d’agglomerato di quarta generazione (PALoc 4) all'esame dei vari gruppi politici. A far sentire, per primo, la propria voce è il Partito socialista, la cui sezione di Locarno (spalleggiata dal suo Gruppo di lavoro territorio e ambiente), ha inoltrato le proprie osservazioni relative al dossier, nell’ambito della fase di consultazione del corposo incarto. Nella dettagliata analisi, la Sinistra ritiene che il PALoc4 non “poggi ancora su una sufficiente metodologia di lavoro. Manca di una procedura standard per l’elaborazione generale, così come delle singole misure. In pratica ci si sarebbe limitati a una semplice ‘lista della spesa’ con le singole schede, senza esaminare le altre esigenze pianificatorie dei Comuni o senza dar loro un indirizzo in tal senso”. Tra le criticità sulle quali il Ps focalizza la propria attenzione citiamo la densificazione incontrollata (vedasi sviluppo dei tre assi cittadini di via Franzoni, via Varesi e via Varenna, il cui sviluppo “non racchiude una logica unitaria o, ancora, la valorizzazione urbanistica del quartiere Campagna priva di un’analisi preventiva”).

‘Crescita demografica? Attenti la popolazione calerà!‘

Si assiste quindi a una “densificazione a volte caotica e fuori controllo” di queste componenti urbane. Non è di aiuto, sempre sondo a Sezione del Ps, l'evoluzione della curva demografica. Il PALoc 4 si baserebbe su previsioni vecchie (del 2005), ormai superate. La diminuzione demografica a partire dal 2030 porterà a un calo della domanda di alloggi. Mentre quelli vuoti, in città sono oltre mille. In questo contesto, il timore degli interessati è le zone ben servite dal traffico e densamente edificate “vengano destinate nei prossimi anni a residenze secondarie generando un fenomeno difficilmente reversibile”.

La disamina prosegue con altri temi, come quello dei posteggi pubblici (“il loro proliferare senza un preventivo conteggio e a volte senza neppure essere pianificati rischia, infatti, di vanificare il lavoro del PALoc; manca, insomma, una strategia di agglomerato per lasciare i posteggi in periferia”) e la mobilità lenta. Al riguardo di quest'ultima, “se da un lato l’estensione della rete ciclabile e l’implementazione del bike sharing sono sforzi certamente apprezzabili, dall’altro le misure per la trasformazione da uso ricreativo a uso utilitaristico del sistema sono insufficienti.

‘Il quarto ponte sulla Maggia, non risolve i problemi’

Rileviamo in particolare una carenza di attenzione alla possibilità d’interscambio tra traffico ciclabile e trasporto pubblico, alla quale si potrebbe ovviare prevedendo ad esempio posteggi per biciclette coperti in prossimità delle fermate degli autobus oppure la possibilità di caricare le stesse direttamente sui mezzi pubblici». Un'ultima riflessione interessa da vicino il quarto ponte sulla Maggia, il cui progetto risulta alquanto indigesto alla formazione politica. La seconda passerella ciclopedonale, posizionata più verso il lago rispetto a quella inaugurata a giugno tra Locarno e Ascona, per la quale si prevede un investimento di 5,5 milioni, non risolverebbe i problemi per i quali è stata pensata e non offrirebbe un'alternativa competitiva alla nuova passerella. Tradotto, un doppione inutile.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Video
Ticino
8 ore
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
12 ore
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
12 ore
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
12 ore
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
20 ore
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
20 ore
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
21 ore
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
21 ore
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
22 ore
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Ticino
23 ore
Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro
Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
© Regiopress, All rights reserved