laRegione
16.12.20 - 14:34
Aggiornamento: 18:38

Brissago, Palazzo Branca Baccalà, ecco il dono natalizio

Da un benefattore privato un milione di franchi da destinare alla Casa della cultura nel borgo di confine. La comunicazione del sindaco durante la seduta di Cc.

brissago-palazzo-branca-baccala-ecco-il-dono-natalizio

Un bel regalo natalizio alla comunità brissaghese. Non c'è che dire. Arriva da un anonimo donatore che, a testimonianza dell'attaccamento e della stima che nutre verso il borgo di confine e la sua gente, ha deciso di donare un milione di franchi a favore della sistemazione di Casa Branca Baccalà. Lo ha comunicato martedì sera, ai consiglieri comunali riuniti per l'ultima seduta dell'anno, il sindaco Roberto Ponti. Si era, a quel momento, all'analisi del preventivo 2021 dell'ente. Il piano delle opere prevedeva, fino a poche settimane fa, lo ricordiamo, un investimento di 100mila franchi nel settore della cultura. «Una persona molto vicina al nostro Comune è intenzionata a fare una grossa donazione di un milione di franchi per la sistemazione dello stabile» ha osservato il numero uno dell'amministrazione, lasciando molti dei presenti in sala basiti. «Il Municipio ­– ha proseguito Ponti – nella seduta del 1°dicembre ha approvato la bozza del contratto di donazione preparata dall’avvocato Alfredo Berta. La stessa verrà presentata al diretto interessato, per poi essere inserita nello specifico messaggio che arriverà sui vostri banchi per accettazione della regalia».

Ultimare i lavori edili in corso all'interno dello stabile

In pratica, grazie a questo importante contributo, l'autorità locale potrà ora, per prima cosa, completare l'ammodernamento dello storico edificio in corso (al momento solo gli interventi edili che interessavano gli spazi al pianterreno sono stati ultimati). Il risanamento interno proseguirà dunque con i piani superiori dell'immobile, nell'intento di poter consegnare alla comunità una Casa della cultura accogliente e al passo con i tempi, come richiesto, lo scorso anno, anche da una mozione dalla locale sezione Plr. Non muteranno, invece, gli inquilini: il Museo Leoncavallo, il centro diurno per gli anziani, i locali di rappresentanza del Comune (come pure la sala del legislativo) e, in futuro, una mediateca-ludoteca e locali espositivi caratterizzeranno i “contenuti” di questo Palazzo.

Trasporto pubblico, così non va! Le famiglie insorgono

La seduta, come detto, ha permesso l'archiviazione, in tempo celere, dei tre preventivi (quello del Comune prevede un disavanzo d’esercizio di poco meno di 120mila franchi, con un moltiplicatore d'imposta confermato all'85%).
In coda ai lavori, l'Esecutivo ha dato risposta a un'interrogazione di Emy Jelmoni inerente i cambiamenti del servizio di trasporto pubblico (in particolare i nuovi orari bus delle Fart). Come già riferito negli scorsi giorni, il Municipio ha chiesto un incontro con i funzionari del Cantone per vedere di risolvere le non poche criticità createsi con queste modifiche. Penalizzanti per l'utenza, in particolare, la cancellazione del bus notturno per i giovani del fine settimana, i cambiamenti intervenuti a livello di fermate e la mancanza delle coincidenze.
Da segnalare, sempre in tema, che proprio in questi giorni alcune famiglie di Brissago con figli in età scolastica si sono rivolte, tramite lettera, al nostro giornale per denunciare il “disservizio” del collegamento Fart: il bello slogan della Fart ‘Viaggiamo insieme verso il futuro per una mobilità sempre più sostenibile’, per gli interessati, suona piuttosto come l'esatto contrario” – si legge. E, ancora: “Si parla sempre molto delle grandi linee e si investe nella creazione del concetto di Città Ticino e ci si dimentica sempre più spesso delle periferie e dei centri più disagiati” –concludono le famiglie firmatarie.

 

Leggi anche:

Idee Plrt per rilanciare la casa della cultura

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
6 ore
‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’
Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
6 ore
Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile
Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
6 ore
Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo
I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
7 ore
Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino
Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
7 ore
‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’
La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Ticino
8 ore
Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie
La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
Mendrisiotto
8 ore
Oggi il punto di riferimento è l’Ente regionale per lo sport
A un anno dal varo si è già risposto ai bisogni del territorio. A cominciare dalla logistica. Lurati: ‘Il 2023 sarà il vero Anno zero’
Mendrisiotto
9 ore
Con ‘Gnammaggio e l’ApeRitivo’ alla scoperta della Val di Spinee
Pubblicato il quinto racconto per bambini scritto da Moreno Colombo. L’opera contiene anche dei disegni da colorare
Locarnese
9 ore
Locarnese: ‘Periferie e agglomerato, parti dello stesso albero’
Presentati i risultati di uno studio sulla demografia e il parco immobiliare di Onsernone, Verzasca, Vallemaggia e Centovalli. Con proposte di rilancio
Ticino
11 ore
I formaggi ticinesi premiati in Svizzera e nel mondo
Il ‘Merlottino’ della Lati ha ottenuto la medaglia di bronzo ai ‘World Cheese Awards’. Diversi premi anche a livello nazionale
© Regiopress, All rights reserved