laRegione
15.12.20 - 15:24
Aggiornamento: 18:17

Attinenza negata, ‘grottesca impasse da sbloccare’

Cugnasco-Gerra, il sindaco giudica ‘coraggiosa’ la commissione delle Petizioni e riflette sul senso di un voto politico ‘svuotato’

attinenza-negata-grottesca-impasse-da-sbloccare
Gianni Nicoli, sindaco di Cugnasco-Gerra

«La commissione si è presa una responsabilità importante, che pagherà probabilmente con un cartellino giallo da parte degli Enti locali. D'altra parte, la situazione che si è venuta a creare è grottesca ed è necessario che il Consiglio di Stato se ne faccia in qualche modo carico». Gianni Nicoli, sindaco di Cugnasco-Gerra, lunedì sera in Consiglio comunale ha sottolineato il «coraggio» della commissione delle Petizioni, rifiutatasi di produrre un rapporto sul messaggio che per la settima volta (!) portava in legislativo la richiesta di attinenza per la naturalizzazione di una donna. Il motivo del rifiuto: non è ammissibile per principio che una decisione politica del Consiglio comunale venga accettata unicamente se positiva.

«Qui – dice Nicoli alla “Regione” – non stiamo più parlando del caso specifico. A me spiace per la signora, che di certo ha tutte le carte in regola per ottenere il passaporto svizzero. È però un fatto che nelle precedenti votazioni, iniziate nel 2014, mai l'attinenza è stata concessa a maggioranza, e questo malgrado i preavvisi favorevoli del Municipio. Ne consegue che alle istanze superiori va bene soltanto se chi è chiamato a decidere a livello comunale lo faccia favorevolmente. Si svuota così il senso politico del voto legislativo, che viene ridotto ad atto amministrativo. È quindi sul principio che si sta “combattendo” a Cugnasco-Gerra, dove l'impasse che si è creata va affrontata e risolta dal Consiglio di Stato».

Temi, questi, che le Petizioni affrontavano appunto nell'intervento letto dalla sua presidente Caterina Calzascia. Per la commissione, la mancata presentazione di un rapporto è da intendere “a prescindere dalla persona direttamente interessata. Non riteniamo normale che a un organo politico si chieda, anzi si imponga, di svolgere un atto amministrativo con la conseguente imposizione anche dell'esito finale. Se la concessione della naturalizzazione è da considerare un atto amministrativo a tutti gli effetti, allora che si modifichi la procedura affinché diventi tale”. Se no, ”se si lascia la facoltà decisionale all'organo più vicino al cittadino, riteniamo che si debba pensare ad una modifica della procedura, come ad esempio il ritorno dell'oggetto in Consiglio comunale al massimo una seconda volta. Dopodiché, la competenza dovrebbe passare ad un organo superiore”. Non presentare alcun rapporto è dunque stata “un'azione per lanciare un forte segnale politico affinché definitivamente gli organi superiori competenti risolvano il problema, onde evitare che in futuro una situazione simile si ripeta”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
55 min
Abbattuto un giovane lupo in Valle di Blenio
La sua cattura, avvenuta lunedì sera ad Aquila vicino all’abitato e a una stalla, era stata autorizzata il 23 novembre
Bellinzonese
2 ore
Rabadan in rosso, fra le novità 2023 un lieve aumento dei prezzi
Perdita di 117mila franchi, di cui 41mila per Lumino. Via il braccialetto, arriva il QR code. Si lavora a un programma completo. Ecco il gioco da tavolo
Mendrisiotto
5 ore
Piscina coperta regionale, ‘il Cantone dia delle certezze’
Tre deputati momò del Centro tornano alla carica. Sul progetto il Distretto attende ‘risposte chiare e inequivocabili’
Locarnese
5 ore
Via Stazione: dall’autosilo in giù tutto il fronte sarà demolito
Da ieri all’albo comunale di Muralto il progetto da 50 milioni per due nuove costruzioni a contenuti misti e un diverso “rapporto” con il Grand Hotel
Ticino
5 ore
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
Luganese
11 ore
Fra i 17 e i 27 milioni per la nuova piscina di Trevano
La notizia è trapelata a margine dell’assemblea dell’Ente regionale di sviluppo del Luganese. Passi in avanti per il Parco regionale del Camoghè.
Mendrisiotto
13 ore
Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita
Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
14 ore
Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’
Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
15 ore
Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1
Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
16 ore
Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi
La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
© Regiopress, All rights reserved