laRegione
01.12.20 - 15:20
Aggiornamento: 23.12.20 - 10:19

Convenzione Papio-Comune di Ascona, le correzioni

Su richiesta del collegio, il Municipio propone l'aumento del contributo base e semplificazioni per i sussidi alle famiglie

convenzione-papio-comune-di-ascona-le-correzioni
Il cortile interno della scuola (Ti-Press)

La convenzione tra il Comune di Ascona e il Collegio Papio va rivista. Approvata nel 2017, regola la concessione di contributi alle rette scolastiche per gli allievi domiciliati nel borgo. Dopo quasi tre anni di applicazione e alcune correzioni, sono emersi nuovi problemi che richiedono ulteriori aggiustamenti.

La direzione del Papio ha segnalato al Comune di aver constatato che diversi genitori separati si sono trovati in difficoltà nel reperire i documenti richiesti, e ciò in quanto i rapporti tra le parti sono spesso difficoltosi e il genitore non affidatario non consegna i documenti necessari. Così in diversi hanno dovuto rinunciare a iscrivere i figli. Lo stesso Collegio Papio ha poi fatto notare che il calo generale delle iscrizioni ha portato a una diminuzione dei contributi comunali, con tutte le conseguenze finanziarie del caso. Da qui la richiesta di rivedere al rialzo gli aiuti. I contributi alle rette degli alunni domiciliati sono passati dai 604mila franchi del 2017 agli attuali 231mila franchi. Per parare il colpo sarà quindi aumentato da 160mila a 210mila franchi il contributo base.

Il Comune, conscio dell'importanza del Papio, ha deciso di apportare alcune modifiche al regolamento e alla convenzione, che saranno presto sottoposte al legislativo. Si prevede di semplificare la procedura per l'ottenimento del sussidio: in sostanza, la richiesta verrà presentata una volta, al momento della prima iscrizione, e resterà valida per gli anni scolastici a seguire. Altri cambiamenti riguardano le famiglie monoparentali; con autorità parentale congiunta continuerà a fare stato la tassazione cumulata, mentre con autorità parentale esclusiva, basterà la richiesta del genitore affidatario, basata sul suo solo reddito.  

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
1 ora
La strada della Calanca riaperta già oggi alle 16
Lo ha deciso l’Ufficio tecnico cantonale: ultimati prima del previsto i lavori di sgombero e di parziale ripristino
Luganese
2 ore
Lugano, 1’330 firme contro l’aumento di gas ed elettricità
L’Mps consegna la petizione e chiede di bloccare il rialzo dei costi dei beni di prima necessità, che colpisce le famiglie con redditi bassi e medi
Locarnese
7 ore
Si (ri)alza forte, la Vos da Locarno
Lo storico coro cerca il rilancio dopo un periodo difficile dovuto in particolare alla pandemia, che ne ha dimezzato gli effettivi. ‘Ma l’entusiasmo c’è’
Ticino
12 ore
Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani
Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
12 ore
Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’
La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’
Grigioni
19 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Luganese
20 ore
Massagno, si è spento Paolo Grandi
Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
21 ore
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
22 ore
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
22 ore
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
© Regiopress, All rights reserved