laRegione
volevano-lo-scontro-c-e-stato-il-caos-un-incubo
Locarnese
01.10.20 - 06:000
Aggiornamento : 11:02

‘Volevano lo scontro, c'è stato il caos. Un incubo’

Pestaggi senza motivo in centro città. La testimonianza di una ragazza fa scattare l'interrogazione interpartitica per l'operatore di prossimità

A Locarno è una notte di fine agosto, diversi giovani si ritrovano nel sottopassaggio della rotonda di Piazza Castello a chiacchierare e a socializzare. Ma verso la una e mezza arriva la minaccia: un gruppo che sembra avere tutte le intenzioni di menare le mani. Infatti un ragazzo scelto a caso viene raggiunto e picchiato; se ne andrà con un occhio pesto. E un secondo ragazzo, anche lui individuato e preso di mira in modo del tutto casuale, riceve due schiaffi. Gli altri, i “pacifici”, spaventati osservano, non sanno cosa fare. Provare a calmare gli animi potrebbe essere interpretato come una provocazione, tentare di defilarsi come un invito allo scontro. Così rimangono impalati, fermi, impauriti. Poi finalmente il gruppo di facinorosi sembra disperdersi perché c'è chi parla di polizia.

La situazione torna alla calma, i ragazzi ricominciano il chiacchiericcio, c'è chi balla. Ma la polizia, che forse nessuno ha avvisato, non arriva. E improvvisamente il gruppaccio si rifà vedere. “Subito – ha raccontato una testimone oculare – mi è apparso chiaro che il loro obiettivo era tirare qualche pugno e calcio senza motivo, come avevano fatto poco prima. Abbiamo provato a mantenere la pace, ma è difficile far calmare qualcuno che ha voglia di picchiare. A un certo punto è iniziato il caos: hanno versato della birra in testa a un mio amico per poi riempirlo di pugni fino a che si è ritrovato per terra. Ovviamente non si sono fermati e hanno continuato a prenderlo a calci. Due mie amiche si sono messe in mezzo e hanno ricevuto un pugno, è stato un incubo, sembrava che questo non potesse finire mai, tiravano pugni senza fermarsi a un nostro amico, mentre prendevano a pedate un altro che era a terra. Una mia amica piangeva, io urlavo e ho avuto un attacco di panico, dato che non sopporto la violenza. Non ho mai visto una gang di ragazzi così esaltata dall’idea di picchiare qualcuno”.

Nuova frontiera dell'intervento sociale

Oggi sappiamo che intenzione di una o più delle vittime era sporgere denuncia in polizia. Ieri non è stato possibile verificare se ciò sia stato fatto. Ma da questo episodio prende spunto un'interrogazione multipartitica che Marko Antunovic (Verdi) ha condiviso con Matteo Buzzi (Verdi), Paolo Tremante (Ps), Tania Arrigoni, Darwin Dadò, Bruno Nicora (tutti della Lega), Simone Beltrame, Mauro Cavalli (Ppd) e con i liberali radicali Mauro Silacci, Eleonora Pellanda e Orlando Bianchetti. Obiettivo dei consiglieri comunali è sensibilizzare circa l'importanza degli operatori di prossimità attivi “fuori ufficio e fuori orario” e che “rappresentano una nuova frontiera dell’intervento sociale, che si rivolge a tutta quella fascia di giovani che difficilmente usufruirebbero dei servizi di sostegno presenti sul territorio urbano”. Un approccio, questo, che “ha come obiettivo quello di rafforzare e sostenere i giovani nel loro percorso di vita, consolidando le proprie competenze e capacità e promuovendone l’inclusione sociale”.

I compiti dell'operatore di prossimità – fino a qualche anno fa svolti a Locarno da una figura particolarmente efficace e rispettata – sono “sostenere i giovani e far loro prendere coscienza delle proprie potenzialità e limiti; promuovere, mantenere e/o rinforzare i legami sociali; evitare forme di esclusione favorendo l’integrazione e la partecipazione (cittadinanza attiva); prevenire e ridurre i comportamenti a rischio, i conflitti e i disagi sociali; valorizzare e sostenere le attività e i progetti a favore dei giovani; costruire, consolidare ed implementare la rete sociale; e offrire, se vi è la necessità, un accompagnamento educativo strutturato individuale o collettivo”.

‘Non è tempo di correre ai ripari?’

Al Municipio viene quindi posta una serie di domande, a partire da quella riguardante la consapevolezza che atti di violenza del genere sono avvenuti negli ultimi mesi in città. Poi, nel merito di possibili soluzioni, all'esecutivo viene chiesto cosa intenda fare nella prevenzione e se “la figura dell'operatore di prossimità” sia di nuovo attiva a Locarno. In caso contrario (e in effetti alla “Regione” risulta che una figura simile attualmente non esiste) i consiglieri comunali chiedono se non sia tempo di correre ai ripari. Infine viene auspicata la creazione di spazi di socializzazione (magari allo Spazio Elle) o per attività condivise (tipo skatepark sullo stile di quello luganese) per quei giovani tra i 13 e i 17 anni che non possono frequentare i bar. Un'opzione sarebbe quella del “Midnight” nella palestra delle Medie, concludono i consiglieri comunali (a Locarno, sempre di “Idée Sport”, esiste unicamente l'OpenSunday per bambini delle Elementari la domenica pomeriggio).

TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
1 ora
Capanna Gorda verso l'ampliamento
Il Comune di Blenio intende contribuire con 200mila franchi. Parallelamente avanzano i preparativi per l'osservatorio astronomico
Luganese
5 ore
Vico Morcote, 'si istituisca il Consiglio comunale'
Ecco l'esito del sondaggio: l'80% dei votanti vuole abbandonare l'Assemblea. A dicembre la decisione definitiva in seduta ordinaria
Grafici
Ticino
7 ore
Coronavirus, in Ticino 257 nuove infezioni e un decesso
Nelle ultime 24 ore 10 persone hanno dovuto essere ricoverate a causa del Covid-19
Ticino
11 ore
‘Nuove misure contro il Covid? Attenzione all’impatto psicologico’
Tra stanchezza pandemica e contagi in aumento, lo psichiatra Michele Mattia: ‘Responsabilità civile importante, ma si tenga conto della psiche delle persone’
Bellinzonese
11 ore
Aggregazione Bassa Leventina: si vota nei Cc a febbraio
Avanza il progetto a quattro, nonostante la contrarietà di Pollegio. Ne abbiamo parlato con il sindaco: 'Non porterebbe un valore aggiunto'
Luganese
11 ore
Colpo da 3 milioni e sequestro, mezza banda in aula a Lugano
Alla vigilia del processo per la rapina al portavalori di Monteggio emerge la somma sottratta nel luglio 2019. All'appello mancano tre dei sei malviventi
Locarnese
11 ore
Tegna, tra Comune e Parrocchia una convenzione del 1811
I rapporti fra le due istituzioni non sono dei più idilliaci. Si attende il rinnovo dell'accordo tra le parti, che, due anni fa, il legislatio non approvò
Ticino
20 ore
Cassa pensioni cantonale, i 500 milioni sono 'imprescindibili'
Daniele Rotanzi (direttore dell'Ipct): la sostenibilità finanziaria futura dell'istituto dipende anche dall'approvazione del parlamento del mezzo miliardo
Luganese
21 ore
Deposito Arl di Viganello, il Municipio: 'Sì alla tutela'
Esecutivo favorevole a una modifica pianificatoria per la salvaguardia dello storico stabile, ma con possibilità edificatorie attorno e in altezza
Ticino
22 ore
Radar un po' per tutti, ma soprattutto per il Luganese
Ecco i controlli di velocità previsti in Ticino tra il 26 ottobre e il 1° novembre 2020
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile