laRegione
sonogno-vandalismi-al-verzasca-foto-incivilta-senza-confini
Le foto vandalizzate del fotografo bernese Florian Spring del progetto ‘Hello darkness my old friend’ (foto © Florian Spring e Verzasca Foto Festival)
Locarnese
23.09.20 - 16:140
Aggiornamento : 18:45

Sonogno, vandalismi al Verzasca Foto: ‘Inciviltà senza confini’

Alcune fotografie del bernese Spring sono state divelte e deturpate da ignoti. Una mancanza di rispetto per il lavoro fatto con ‘cuore, spirito e fatica’

Foto divelte, strappate e lasciate a terra, scomparse, deturpate con scarabocchi osceni. «L'inciviltà non ha confini e arriva anche in montagna», dichiara amareggiato Alfio Tommasini, fotografo e direttore artistico del Verzasca Foto Festival.

L'amarezza nasce dalla scoperta di alcune fotografie della mostra all'aperto del fotografo bernese Florian Spring – allestita nei pressi della cascata Froda a Sonogno – vandalizzate da sconosciuti, che «hanno deciso di rovinare parte dell'esposizione», spiega Tommasini. «Ci sentiamo feriti certo, ma siamo anche duri come le rocce che ci circondano e siamo ben lontani dall'essere abbattuti».

L'arte esposta all'aperto non è nuova a sfregi e vandalismi. Fra gli episodi, ultima in ordine di tempo ricordiamo la mozzatura della gamba della statua monumentale ‘Le Jardinier aux fleurs gisantes’, dell'artista francese François Malingrëy; esposta durante l'estate nel parco di Villa dei Cedri a Bellinzona.

Torniamo però in Verzasca. Quando ha ricevuto la notizia, racconta il direttore artistico, «mi hanno assalito una gran tristezza e una gran rabbia. Sapevo che proporre mostre all'aperto potesse comportare atti di vandalismo, confido però che questi restino un caso isolato».

Tommasini: ‘Mi sono chiesto se valga la pena sacrificare tutte queste energie’

Impegno e abnegazione profusi dalla squadra del festival all'organizzazione delle finora sette edizioni sono sempre stati grandi e appassionati, basati sulla consapevolezza dell'importanza di portare l'arte fuori dalle mura di gallerie e musei. Un gruppo di persone che alla rassegna di Sonogno e dintorni dedica «gran parte del tempo, credendo in un progetto che vuol portare arte e fotografia nelle zone rurali di montagna».

A essere deturpate e scomparse sono alcune fotografie realizzate dal fotografo Florian Spring, artista in residenza della VII edizione. «Florian, durante l'estate, ha svolto con grande dedizione il suo progetto, trasponendo l'esperienza vissuta in valle in immagini, contribuendo altresì – grazie alla sua formazione di falegname – a nuovi concetti e installazioni».

Dopo mesi di lavoro, Spring, i suoi amici, gli organizzatori e la squadra sentieri della Verzasca hanno montato e allestito il progetto del fotografo bernese in residenza – ‘Hello darkness my old friend’ – alla cascata Froda, la prima in questa zona. «Abbiamo impiegato un'intera settimana solo per il montaggio, a piedi su e giù dalla scarpata per arrivare alla cascata con il materiale», ricorda il direttore artistico, e chiosa con rammarico: «Per proporre questa mostra gratuita tutti ci abbiamo messo cuore, spirito e fisico. Mi sono chiesto se valga la pena sacrificare tutte queste energie per arrivare a questo».

A parlare sono soprattutto sconforto e delusione, che svaniscono al pensiero di «tutte le persone della Valle Verzasca e del mondo che in questi sette anni di festival ci hanno apprezzato e rispettato senza mai farci del male, anzi motivandoci a continuare». Un andare avanti spronato paradossalmente anche da questi atti deturpanti, spiega il fotografo: «Sì, forse è anche per loro che dobbiamo insistere e continuare a proporre queste installazioni». A parere di Tommasini, con una buona dose d'idealismo, soprattutto gli artisti hanno il dovere di sperare che «educazione e cultura possano alimentare il fuoco della creatività e del rispetto», affinché ci siano sempre meno azioni distruttrici.

Le esposizioni della settima edizione sono visitabili fino al 5 novembre

La maggior parte delle fotografie di Spring, fortunatamente, sono intatte e i vandalismi non hanno riguardato l'esposizione lungo la Valle Redorta: «Non è tutto compromesso, le mostre si possono sempre visitare», tiene a sottolineare il direttore artistico. Non possiamo quindi che mettere il punto a questa vicenda con l'invito a visitare le esposizioni proposte dalla settima edizione del Verzasca Foto Festival, allestite fino al 5 novembre prossimo.

La collettiva ‘Di uomini e boschi’ (con le opere di una ventina di fotografi svizzeri e internazionali) lungo la Valle Redorta ed ‘Hello darkness my old friend’ di Florian Spring, alla cascata Froda; entrambe raggiungibili da Sonogno. E ancora: l'esposizione del progetto vincitore del concorso Nera di Verzasca 2020 di Uygar Önder Simsek, nel paese di Sonogno, e la Retrospettiva 2020 alle Vecchie scuole femminili di Lavertezzo. (www.verzascafoto.com)

Guarda le 4 immagini
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
1 ora
Capanna Gorda verso l'ampliamento
Il Comune di Blenio intende contribuire con 200mila franchi. Parallelamente avanzano i preparativi per l'osservatorio astronomico
Luganese
5 ore
Vico Morcote, 'si istituisca il Consiglio comunale'
Ecco l'esito del sondaggio: l'80% dei votanti vuole abbandonare l'Assemblea. A dicembre la decisione definitiva in seduta ordinaria
Grafici
Ticino
7 ore
Coronavirus, in Ticino 257 nuove infezioni e un decesso
Nelle ultime 24 ore 10 persone hanno dovuto essere ricoverate a causa del Covid-19
Ticino
11 ore
‘Nuove misure contro il Covid? Attenzione all’impatto psicologico’
Tra stanchezza pandemica e contagi in aumento, lo psichiatra Michele Mattia: ‘Responsabilità civile importante, ma si tenga conto della psiche delle persone’
Bellinzonese
11 ore
Aggregazione Bassa Leventina: si vota nei Cc a febbraio
Avanza il progetto a quattro, nonostante la contrarietà di Pollegio. Ne abbiamo parlato con il sindaco: 'Non porterebbe un valore aggiunto'
Luganese
11 ore
Colpo da 3 milioni e sequestro, mezza banda in aula a Lugano
Alla vigilia del processo per la rapina al portavalori di Monteggio emerge la somma sottratta nel luglio 2019. All'appello mancano tre dei sei malviventi
Locarnese
11 ore
Tegna, tra Comune e Parrocchia una convenzione del 1811
I rapporti fra le due istituzioni non sono dei più idilliaci. Si attende il rinnovo dell'accordo tra le parti, che, due anni fa, il legislatio non approvò
Ticino
20 ore
Cassa pensioni cantonale, i 500 milioni sono 'imprescindibili'
Daniele Rotanzi (direttore dell'Ipct): la sostenibilità finanziaria futura dell'istituto dipende anche dall'approvazione del parlamento del mezzo miliardo
Luganese
21 ore
Deposito Arl di Viganello, il Municipio: 'Sì alla tutela'
Esecutivo favorevole a una modifica pianificatoria per la salvaguardia dello storico stabile, ma con possibilità edificatorie attorno e in altezza
Ticino
22 ore
Radar un po' per tutti, ma soprattutto per il Luganese
Ecco i controlli di velocità previsti in Ticino tra il 26 ottobre e il 1° novembre 2020
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile