laRegione
scuola-in-onsernone-il-cantone-fa-uno-strappo-alla-regola
Valle Onsernone
12.08.20 - 06:000

Scuola in Onsernone, il Cantone fa uno strappo alla regola

Sezioni 'salve' in Valle, ma in futuro bisognerà pensare in un'ottica di Istituto unificato con Centovalli e Pedemonte. Le reazioni di Cantone e autorità locali

La scuola in Valle Onsernone è salva. Almeno per quest’anno. Ma in futuro occorrerà ripensare il tutto in un’ottica di Istituto scolastico unificato con le vicine Terre di Pedemonte e le Centovalli. L’autorità municipale onsernonese, oppostasi con un ricorso alla decisione del Cantone di sopprimere, da fine mese, una delle due sezioni (o quella mista con asilo, prima e seconda o quella con allievi di terza e quarta elementare) ha ottenuto ciò che desiderava. Forte dell’appoggio incondizionato della popolazione (ricordiamo la petizione forte di oltre 400 firme inviata a Bellinzona) e di parlamentari locarnesi in Gran Consiglio (Nicola Pini e Giacomo Garzoli, del Plr), potrà dunque offrire ai bambini in età scolastica della Valle ciò che auspicava.

La risposta del governo, visti i tempi relativamente ristretti imposti dal calendario scolastico, è giunta in questi giorni. In pratica, sul principio il Consiglio di Stato non cambia idea, per il semplice motivo che la legge prevede che bisogna rispettare un numero minimo di alunni per poter avere una sezione. Ciò nonostante concede comunque la possibilità all’Onsernone di tenere ancora in vita, per il prossimo anno scolastico, una seconda sezione. Ma non sarà Bellinzona a finanziarla. Spetta dunque al Comune vallerano, a questo punto, la decisione finale. Tradotto: "l’avete voluta, ve la concediamo ma ve la pagate”.

Manuele Bertoli, alla testa del Decs (Dipartimento educazione, cultura e sport), da noi interpellato così commenta l’accordo raggiunto tra le parti: «La situazione dell’Onsernone è molto precaria. Avevamo suggerito di mandare i 4 bambini in età di scuola dell’infanzia nel vicino Comune di Terre di Pedemonte, che dista solo una ventina di minuti e che si è detto ben disposto ad accoglierli. In questo caso a Loco sarebbe rimasta una classe sola, composta da bimbi dalla prima alla quarta elementare (in età di quinta non ve ne sono). Il Cantone avrebbe garantito la copertura dei costi, compreso quelli del docente di appoggio. Questo, a nostro avviso, avrebbe assicurato una situazione di stabilità a tutto vantaggio della qualità dell’insegnamento, della posizione del docente, delle famiglie e del Cantone».

'Si guardi all'Istituto unificato'

«Capisco l’attaccamento delle autorità locali, che non vogliono veder partire i bambini - osserva ancora Manuele Bertoli - Ma se si vuole che la scuola continui a esistere, va garantita una certa stabilità. Il Decs - conclude il consigliere di Stato - deve rispettare le linee legali. Se il numero di alunni richiesto non arriva, come nel caso specifico, nemmeno quasi alla metà, è difficile poter concedere deroghe. Al governo, tuttavia, questa soluzione, provvisoria, per il prossimo anno scolastico va ancora bene. Ripeto, avremmo comunque preferito la variante della classe unica di scuola elementare. La soluzione, a lungo termine, sta comunque nell’Istituto scolastico unificato con i vicini, in modo da poter meglio dislocare le classi senza privare i singoli Comuni di questa importante presenza istituzionale». Da noi contattato, il municipale e capodicastero educazione di Onsernone, Stephan Chiesa, fa sapere che proprio stasera il Municipio si riunirà in seduta per vedere di concordare una risposta in merito alla recente decisione del Cantone.

TOP NEWS Cantone
Locarnese
7 ore
Centovalli, un’immersione multisensoriale nel territorio
Concretizzata la realizzazione del sentiero energetico tra Rasa e Palagnedra, progetto nato dalla collaborazione tra Masterplan e OTLVM
Luganese
7 ore
Il tram-treno, l’aeroporto il ‘nodo’ di Cavezzolo
Aspettando lo studio commissionato dal Cantone, ulteriori riflessioni sul progetto e le sue conseguenza
Ticino
15 ore
Caso pp, il governo chiede di essere coinvolto
Procuratori bocciati dal Consiglio della magistratura, il Consiglio di Stato scrive al parlamento. E lunedì audizioni in commissione e risposte in Gran Consiglio
Ticino
17 ore
Permessi, interrogazione a Roma sulla politica di Gobbi
L'ha presentata il senatore dem Alessandro Alfieri. Il sindaco di Luino Pellicini: 'Una pulizia etnica amministrativa'
Ticino
17 ore
Tutti i radar della prossima settimana
Ecco l'elenco completo delle località in cui verranno svolti dei controlli della velocità mobili e semi-stazionari
Bellinzonese
18 ore
‘Prima i nostri’ e dicastero uguaglianza: due no a Bellinzona
Il Consiglio comunale si appresta a respingere la mozione Lega/Udc e a ritenere irricevibile quella dell'Mps
Ticino
18 ore
Presidio antirazzista a Lugano
Movimenti e sindacati di sinistra manifesteranno contro la politica, ritenuta discriminatoria, del Dipartimento delle istituzioni in materia di permessi di soggiorno
Gallery
Mendrisiotto
19 ore
A Stabio si festeggia il Pedibus
Il Comune è stato il 'cuore' della Giornata internazionale a scuola a piedi. Per Ata in Ticino è stato un 'grande successo'
Ticino
20 ore
Edilizia, 'il Ccl cantonale non è più adeguato'
Gli impresari costruttori ticinesi stanno valutando l'ipotesi di non rinnovare il contratto collettivo di lavoro che scadrà alla fine del 2022
Luganese
21 ore
Altro traffico di cocaina, colombiano e italiana in manette
L'uomo 29enne è domiciliato nel Luganese, mentre la donna 22enne nel Bellinzonese. Sono sospettati di aver preso parte a un importante attività di spaccio
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile