laRegione
09.07.20 - 16:34

Losone, l'ex Caserma come polo culturale è la giusta direzione

Una presa di posizione interpartitica conferma e ribadisce il sostegno al Municipio e al suo operato per quanto concerne lo sviluppo del comparto

losone-l-ex-caserma-come-polo-culturale-e-la-giusta-direzione

La direzione del progetto ex Caserma quale polo culturale comunale e regionale è quella giusta. È quanto esprime, in grandi linee, la presa di posizione interpartitica (sottoscritta dai capigruppo Plr, Ppd e Generazione giovani, Udc e Lista di sinistra) in merito all'idea del Comune di Losone e del Consiglio d'amministrazione dell'Accademia Dimitri di realizzare un polo artistico e culturale alla ex Caserma.

Unità d'intenti, lo ricordiamo, resa pubblica tramite comunicato stampa condiviso la settimana scorsa (3 luglio). Uno scenario di sviluppo, si legge nella presa di posizione, che "va nella direzione da sempre sostenuta dal Comune e rispecchia appieno quanto auspicato dal Consiglio comunale fin da quando nel 2016 ha dato il suo consenso unanime al credito per l'acquisto del sedime"; una volontà confermata dalla maggioranza del legislativo con l'approvazione della variante di Piano regolatore che ne stabilisce la destinazione a luogo di cultura, sport e tempo libero (dicembre 2019). I capigruppo ribadiscono quindi il sostegno al Municipio e al suo operato.

Un ricorso fa ostruzionismo

Un'occasione importante e per il Comune e per l'intera regione che, tuttavia, è messa a repentaglio dal ricorso inoltrato da un confinante del sedime, che blocca ogni sua possibile evoluzione. "Un'opportunità che corre il rischio di svanire a causa di un ostruzionismo che ha altre radici e si presenta sistematicamente ogni qualvolta si torna a parlare del comparto e della sua pianificazione".

Riferendosi a recenti prese di posizione che mettono in cattiva luce sia l'operato del Municipio, sia quello del legislativo; il testo accenna a dinamiche e polemiche infruttuose che rallentano fortemente gli sviluppi. E aggiungono: "Andando avanti di questo passo non solo si paralizza lo sviluppo del futuro dell'ex Caserma, ma si rischia addirittura di comprometterlo". L'auspicio degli autori è che si riesca a uscire dalla dinamica tossica, scindendo la questione privata da quella pubblica, cosicché si lasci libero corso alla crescita "di un comparto riconosciuto da tutti come strategico per il Comune di Losone".

Uso temporaneo degli spazi: visto di buon occhio

In attesa che la questione venga sbrogliata e arrivi quindi la decisione definitiva, l'esecutivo ha deciso di aprire gli spazi per un uso temporaneo, collaborando con gli enti interessati. Finora queste occupazioni puntuali, si legge, hanno avuto il pregio di portare nuova vita alla ex Caserma e, soprattutto, hanno "innescato positive dinamiche e creato interesse e sinergie al di fuori dei confini comunali". Una decisione vista di buon grado dal gruppo interpartitico, poiché, a loro modo di vedere meglio un uso parziale (che aiuta anche a coprire i costi e ad avere introiti) piuttosto che trasformare "l'ex Caserma in un gigante dormiente (…). Una soluzione decisamente poco interessante, poco costruttiva e poco lungimirante".

Soluzione benvista, si scriveva, anche se ogni decisione relativa al comparto è oggetto d'incomprensioni e soprattutto presupposto per polemiche; onde evitare ciò, nella presa di posizione si chiede all'esecutivo di "voler informare in modo più preciso e tempestivo il Consiglio comunale, o i capigruppo".

Leggi anche:

Losone e Accademia Dimitri rilanciano il polo culturale

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
47 min
Oltre al carovita, a Bellinzona c’è il ‘caro’- estinto
Secondo un rapporto di Mister Prezzi, il capoluogo ticinese ha le tariffe più alte per cremazione e camera mortuaria fra tutte le capitali cantonali
Bellinzonese
1 ora
Dopo due anni torna il Carnevale Rabadan
La 160ª edizione si terrà a Bellinzona dal 16 al 21. Protagoniste la musica, le maschere, la tradizione e la voglia di sano divertimento
Mendrisiotto
5 ore
È ufficiale: l’Fc Chiasso è fallito
Il pretore di Mendrisio non ha potuto che decretare la fine del club rossoblù. ‘Fiumi di parole’, ma nei conti neanche un centesimo
Locarnese
6 ore
La Stranociada, gli altri e lo ‘scherzo’ che (non) vale
Lo spostamento e il raddoppio delle serate del carnevale di Locarno non fa felici i vicini di Maggia e Gordola, chiamati a far buon viso a cattivo gioco
Luganese
9 ore
La torre itinerante simbolo di una necessità condivisa
La Tour Vagabonde fa riflettere sugli spazi indipendenti da Friborgo, dove nasce, fino a Lugano, dove si ergerà fino al prossimo marzo
Ticino
9 ore
‘Rivitalizzare la politica di milizia, partendo dal cittadino’
Sarà uno dei temi del Simposio sui rapporti tra Cantone e Comuni. Della Santa: ‘Il coinvogimento attivo per destare l’interesse per la cosa pubblica’
Ticino
16 ore
Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’
L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
17 ore
Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia
Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
18 ore
Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale
Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
18 ore
Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente
Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
© Regiopress, All rights reserved