laRegione
30.06.20 - 06:10
Aggiornamento: 12:37

Ronco s/Ascona, uno studio per ampliare il porto comunale

L’attuale offerta di posti barca non è più sufficiente. Sono cambiate pure le dimensioni dei natanti, per cui occorrerà valutare come intervenire. Pronto il credito.

ronco-s/ascona-uno-studio-per-ampliare-il-porto-comunale

Un restyling in grande stile al piccolo porto comunale Crodolo di Ronco s/Ascona. Edificata nel 1993, questa importante struttura turistica del Comune rivierasco è oggetto di un ripensamento in termini strutturali da parte del Municipio.
Una riorganizzazione delle sue componenti e un ampliamento, a detta dell'Esecutivo, si rendono oggi più che mai necessari per svariate ragioni. A cominciare dalla tipologia delle imbarcazioni che vi attraccano o che occupano i posti barca. Rispetto ai natanti degli anni Ottanta, quelli attuali sono, mediamente, di dimensioni più grandi e, di conseguenza, la loro mobilità all'interno della struttura lacustre diventa problematica. I cambiamenti climatici sotto gli occhi di tutti, inoltre, hanno reso difficile (se non impossibile) le manovre lungo il settore lungo la riva (a causa del livello troppo basso del lago in quei punti). A breve, sarà pure necessaria la sostituzione degli sbracci che ancorano la struttura (costo stimato dell'operazione circa 600mila franchi). Non da ultimo, l'accresciuta richiesta di posti barca di grandi e piccole dimensioni (quelle di dimensioni inferiori da destinare più che altro ai domiciliati o ai giovani che si avvicinano alle attività lacustri come la pesca), allo stato attuale, non può essere soddisfatta.
Di conseguenza, anche se in tempi assai recenti sono state sempre eseguite le manutenzioni ordinarie e si sono apportate varie migliorie (vedasi, ad esempio, il potenziamento dell'impianto elettrico), è giunto il momento di sciogliere i nodi e di procedere a una riorganizzazione logistica e a un potenziamento dell'offerta. Solo così si potrà infatti rendere l'attuale realtà portuale più adatta e in linea con le esigenze dettate da una portualità turistica moderna, orientata allo sviluppo del territorio.

Gli interventi da programmare

Il rinnovo della struttura comporterà uno spostamento - al largo - e l'ampliamento del molo frangionde esistente; una rimozione del pontile interno e la riorganizzazione degli ormeggi attuali; la creazione di nuovi pontili per barche tipo da pesca; infine la modifica della passerella d'accesso principale. Sentito il parere di uno Studio che si occupa di infrastrutture portuali, chiamato ad accompagnare il pianificatore comunale fino alla stesura del progetto definitivo, il Municipio ha deciso di elaborare, inizialmente, una richiesta di credito di 100mila franchi necessari ad allestire la preparazione degli interventi citati.
L'importanza di queste opere è che non sono solamente finalizzate a rendere sicuro e riparato l’ancoraggio nel porto, superando le criticità, bensì mirano anche a favorire l’incremento degli ormeggi di imbarcazioni da diporto al fine di sviluppare le attività turistiche correlate, nonché quelle relative alle attività di pesca.

Il porto al Crodolo è gestito dall'azienda comunale porto natanti (APONA). Accanto alla struttura, edificata nel 1993, oltre ai normali servizi nautici come (una gru, un cantiere nautico, 100 posti barca, ecc., si trovano anche un bar e una piccola spiaggia incustodita a disposizione dei bagnanti).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Plan B continua a dividere Lugano
Dalla discussione generale in Consiglio comunale, critiche più o meno velate da Ps, Verdi e Centro, mentre Udc, Lega e Plr lodano l’operazione
Bellinzonese
1 ora
Rubano materiale da hockey ad Arbedo: bottino di 300mila franchi
Il furto di pattini, bastoni e macchinari specializzati sarebbe avvenuto, stando alla Rsi, lo scorso fine settimana
Luganese
2 ore
Schlein a Massagno ‘senza padrini né padroni’
La candidata alla segreteria del Pd incontra Marina Carobbio. “Il Pd si può riformare”
Bellinzonese
3 ore
Tutti i vincoli del nuovo ospedale di Bellinzona
I progettisti dovranno confrontarsi con un’importante serie di questioni tecniche, fra sicurezza fluviale, edificabilità e viabilità
Ticino
5 ore
Superamento dei livelli, il Plr boccia la proposta commissionale
In Gran Consiglio arriverà anche il rapporto di minoranza di Polli: da Lega, Ps, Centro e Verdi ‘proposta evidentemente fragile, non ha obiettivi’
Luganese
6 ore
Processo Enderlin, ‘dopo 9 anni di Purgatorio comincia la vita’
L’imprenditore luganese è stato condannato a 13 mesi sospesi. Cade l’accusa delle retrocessioni bancarie
Locarnese
7 ore
Semine e novellame, così il Dipartimento ne orienta la rotta
All’Assemblea della Società di pesca Onsernone-Melezza Christophe Molina ha illustrato gli indirizzi del Dipartimento in materia di gestione ittica
Mendrisiotto
11 ore
Lite fra due persone in corso San Gottardo: c’è un arresto
L’alterco è scoppiato alle prime ore del giorno. In manette è finito un 21enne del Mendrisiotto
Luganese
11 ore
Reati finanziari ‘atipici’, chiesti 12 mesi per Davide Enderlin
Il 51enne imprenditore ed ex consigliere comunale del Plr di Lugano deve rispondere di amministrazione infedele e falsità in documenti
Ticino
11 ore
Nuova condanna per Scimonelli, il mafioso nato a Locarno
L’uomo ‘bancomat’ di Matteo Messina Denaro, in carcere dal 2015, è stato riconosciuto colpevole anche di numerosi attentati incendiari
© Regiopress, All rights reserved