laRegione
28.05.20 - 10:51
Aggiornamento: 14:48

Locarno-Intragna ogni 30 minuti: siglata la convenzione

La firma fra le Fart e l'Ufficio federale dei trasporti è parte del progetto di rinnovo e potenziamento della Ferrovia delle Centovalli e di quella nazionale

locarno-intragna-ogni-30-minuti-siglata-la-convenzione
Fino a Intragna (foto Fart)

La convenzione per la progettazione degli interventi strutturali siglata tra le Fart e l’Ufficio federale dei trasporti (Uft), dà ufficialmente avvio al progetto che permetterà ai treni della Ferrovia delle Centovalli di circolare ogni 30 minuti tra Locarno e Intragna. Un progetto che, unitamente a quello di rinnovo dell’infrastruttura ferroviaria e del materiale rotabile, offrirà al Locarnese un sistema di trasporto pubblico sempre più performante e al passo con i tempi. 

La firma della convenzione tra Fart e Uft, che si inserisce nel più ampio progetto di potenziamento dell’infrastruttura ferroviaria svizzera denominato “PROSSIF 2035”, rappresenta un passo decisivo nel quadro di potenziamento e ammodernamento dell’offerta ferroviaria nel Locarnese e Valli. 

Obiettivo del progetto è il potenziamento dell’offerta ferroviaria tra Locarno e Intragna, garantendo un collegamento ogni 30 minuti. Le opere infrastrutturali riguarderanno le stazioni di Tegna e Intragna e prevedono, nello specifico, il raddoppio del binario a Tegna e la posa del terzo binario a Intragna, per un investimento complessivo stimato a circa 21.7 milioni di franchi, finanziato dalla Confederazione. 

“Siamo entrati in una fase di grande sviluppo che ci porterà ad avere un’offerta sempre più performante e moderna, a vantaggio della popolazione locale e dei numerosi turisti che visitano il nostro territorio ogni anno” commenta Paolo Caroni, Presidente del Consiglio di Amministrazione Fart. 

Con la firma della convenzione prende avvio la fase di progettazione, che si concluderà con il rilascio della decisione di approvazione dei piani entro fine 2022. I lavori di ampliamento saranno svolti nei due anni successivi. 

Il futuro prossimo della storica azienda locarnese sarà scandito anche da altri ambiziosi progetti “La progettazione del nuovo materiale rotabile (8 treni che entreranno in esercizio entro la fine del 2023) è già in uno stadio avanzato e ci permetterà di offrire maggior comfort e qualità di viaggio, con grande attenzione all’informazione a bordo e alle nuove tecnologie” prosegue Paolo Caroni confermando che “anche il progetto di ammodernamento delle stazioni per l’adeguamento alla Legge sui disabili procede come da programma”. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
3 ore
Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita
Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
16 ore
La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023
Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
18 ore
Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista
L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
18 ore
Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico
La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
19 ore
Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista
L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
22 ore
A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa
Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
1 gior
Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato
Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
1 gior
“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”
Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
1 gior
Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica
Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
1 gior
La comunità cripto trova casa in centro città
L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
© Regiopress, All rights reserved