laRegione
28.12.19 - 06:20

Avegno, boschi di protezione da risanare

Vasto piano di interventi di cura sui pendii a monte dell'abitato e della strada. Coinvolti anche privati, Patriziato, Cantone e altri enti in 4 anni di lavori

avegno-boschi-di-protezione-da-risanare

Una componente essenziale dell’ambiente, ma non solo. Stiamo parlando dei boschi, che in quasi tutto il territorio prealpino svolgono anche un importante ruolo di “sbarramento” a protezione degli abitati, di infrastrutture stradali, linee ferroviarie, di aziende e commerci sparsi sui fondovalle.

Si tratta di una funzione svolta da tutti i popolamenti forestali, ma con diversa importanza a seconda della pendenza, della morfologia e delle tipologie di suolo. La vegetazione forestale avente funzione protettiva da valanghe, cadute di massi, scivolamenti superficiali e piene torrentizie va anche curata e mantenuta in condizione di poter svolgere il suo compito. I cambiamenti climatici, gli incendi, la diffusione di piante invasive, infatti, col tempo contribuiscono a indebolire l’ecosistema e se non si interviene per tempo con progetti di gestione, la stabilità a lungo termine dei pendii risulta compromessa. Per questo motivo il Consiglio comunale di Avegno Gordevio, nell’ultima seduta prima delle festività, ha dato la sua approvazione allo stanziamento di un credito di 1,82 milioni di franchi da destinare a un progetto di cura dei boschi della fascia pedemontana situata tra Avegno e Ponte Brolla.

87 ettari di territorio toccati dal progetto selvicolturale

Sotto l’egida dell’Ufficio forestale del VII circondario e con il coinvolgimento di altri partner (tra questi il locale Patriziato), il vasto piano di interventi selvicolturali (diluito su un periodo di 4 anni) andrà a toccare una superficie complessiva di circa 87 ettari (78,3 dei quali coperti da bosco). Un’area che è delimitata, verso il basso, dalla strada cantonale e da alcune strade comunali e a monte dalla Val di Cròat, a 1’120 metri di altezza. La specie arborea più diffusa al suo interno è il castagno, ma vi si trovano pure larici, faggi e altre specie di latifoglie. Piante minacciate dal proliferare delle neofite (robinia, ailanto, palme, poligono del Giappone e altre ancora). Già negli ultimi decenni, ad onor del vero, sono stati compiuti diversi interventi in questo perimetro toccato da ben 7 eventi che hanno interessato la fascia collinare.

4’100 metri cubi di legname da abbattere e portare a valle

Fulcro dell’operazione sarà la creazione di popolamenti stabili. Si prevedono diradi selettivi, la formazione di spazi aperti per favorire la crescita di piante giovani, la messa a dimora di tigli, ciliegi e sorbi montani. Le piante tagliate (complessivamente si prevede l’abbattimento di 4’100 metri cubi di legname) verranno portate a valle per evitare che fungano da “combustibile” in caso di incendi. Per consentire l’esbosco, nell’area a sud di Avegno sarà potenziata la strada che porta al piazzale in zona Serti (allargamento per consentire il transito dei mezzi di carico).

Due parole, infine, sul preventivo di spesa che come anticipato si aggira su 1,82 milioni di franchi. Dall’importo andranno dedotti i sussidi cantonali e federali (circa 1,2 milioni) e i proventi dalla vendita del legname (si stima di poter incassare circa 146mila franchi). Ci sarebbero quindi costi residui per 433mila franchi. Il Municipio cercherà comunque di coinvolgere anche altri potenziali finanziatori, come la Sezione strade del Cantone e Swissgrid.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
5 ore
‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’
La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
6 ore
‘Avanti’, la porta è aperta a tutti
Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
7 ore
Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito
La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
7 ore
Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati
Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Grigioni
8 ore
Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend
Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
8 ore
Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio
Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
9 ore
Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese
Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
Bellinzonese
9 ore
‘Via Roggia dei Mulini rimarrà sicura anche con le palazzine’
Il Municipio di Bellinzona risponde all’interpellanza di Boscolo e Sansossio, confermando che il comparto rientra nella mobilità sostenibile
Ticino
10 ore
‘Il nuovo accordo fiscale è molto favorevole per i frontalieri’
Lo scrive in una lettera ai giornali lombardi il ministro dell’Economia italiano Giorgetti, che fa il punto della situazione sull’annoso dossier
Luganese
10 ore
Lugano-Montarina, Villa Ganser e Casa Walty salvate dalla Stan
Il Tribunale amministrativo cantonale accoglie il ricorso presentato contro la licenza concessa dal Municipio per un progetto edilizio
© Regiopress, All rights reserved