laRegione
18.12.19 - 16:50
Aggiornamento: 18:02

Coazione sessuale, condannato il frate cappuccino

Tre anni, di cui uno da espiare, al religioso di origine indiana che (anche alla Madonna del Sasso) voleva liberare dal demonio una donna schizofrenica, ma ne abusò

coazione-sessuale-condannato-il-frate-cappuccino
Ti-Press

È stato condannato pochi minuti fa dal giudice Amos Pagnamenta il frate 44enne, di nazionalità indiana, dell'ordine dei Cappuccini, che viveva alla Madonna del Sasso di Orselina. L'uomo è stato riconosciuto colpevole di coazione sessuale e atti sessuali con persone incapaci di discernimento o inette a resistere. La pena complessiva: tre anni di carcere, di cui 12 mesi da espiare e 24 mesi sospesi con la condizionale per un periodo di prova di due anni. Al termine della carcerazione sarà espulso dalla Svizzera per sette anni.

Il giudice ha definito la colpa commessa dal 44enne “media dal profilo oggettivo”, perché gli atti sessuali non sono stati eccessivamente invasivi (toccamenti sui seni e sugli organi genitali, ma mascherati da benedizione) ed “estremamente grave dal profilo soggettivo”, poiché ha agito per il suo appagamento sessuale con una persona gravemente malata". La vittima è stata ritenuta credibile, mentre per Pagnamenta l'imputato ha sempre mentito.

Nella sua requisitoria la procuratrice pubblica Valentina Tuoni aveva rilevato che i toccamenti sono da considerare a tutti gli effetti atti sessuali. Una colpa gravissima – l'ha definita Tuoni – poiché come frate ha abusato della fiducia e della confidenza accordategli da un fedele. Ben sapendo, inoltre, che la donna era affetta da gravi turbe psichiche.

La difesa per contro ha chiesto il proscioglimento. L'avvocato Stefano Pizzola ha ammesso un comportamento censurabile da parte del suo assistito, ma ciò – ha affermato – non basta per una condanna penale; non ci sarebbero gli estremi per configurare il reato di coazione sessuale visto che l'imputato non ha mai forzato la sua vittima.

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
Morbio Inferiore, si accende la discussione sul moltiplicatore
Il Municipio propone due punti in meno. La minoranza della Gestione: ‘scelte mirate senza scivolare in tentazioni propagandistiche’. Ultima parola al Cc
Locarnese
1 ora
Tegna, l’ultimo grido del presidente: ‘Salviamo il campo!’
Marco Titocci ha firmato da solo il rapporto di minoranza commissionale sul messaggio con le varianti di Pr nel comparto Maggia-Melezza
Luganese
1 ora
Un laghetto di Muzzano sempre più... “nature”
Intervento in vista per la riva nord-est, prosegue il programma di valorizzazione avviato vent’anni fa
Mendrisiotto
11 ore
Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso
Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
11 ore
‘In Gendarmeria mancano effettivi’
Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
12 ore
Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda
Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
Ticino
12 ore
Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’
Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
13 ore
Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar
L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
Luganese
13 ore
‘Casinisti’ attenti, a Lugano arriva il ‘rumorometro’
Il nuovo dispositivo, già testato nei primi due mesi di quest’anno, ha lo scopo di ridurre preventivamente il rumore causato dagli automobilisti
Ticino
13 ore
Livelli, Sirica furioso: ‘Speziali inaffidabile e pavido’
Il copresidente Ps critica duramente la ‘sfiducia’ del presidente Plr al messaggio governativo per la sperimentazione del loro superamento alle Medie
© Regiopress, All rights reserved