laRegione
locarno-si-a-un-consiglio-comunale-dei-giovani
Ti-Press
Locarnese
21.03.19 - 07:000

Locarno, sì a un 'consiglio comunale' dei giovani

Ieri sera il primo incontro voluto dal sindaco Alain Scherrer. Molti gli spunti emersi: dagli spazi autogestiti alla sostenibilità ambientale

“Sotto i portici dopo le otto di sera sembra una città fantasma”. “Manca una discoteca”. Sono alcune delle considerazioni espresse dai giovani che ieri sera hanno partecipato all’incontro voluto dal sindaco di Locarno Alain Scherrer per ascoltare i bisogni, le proposte e le critiche delle nuove generazioni.
Ad alcuni lettori potrà sembrare un déjà vu: “Frasi già sentite ciclicamente”, verrebbe da dire. Sbagliato. I ragazzi e le ragazze hanno dimostrato sensibilità sconosciute agli under-20 che li hanno preceduti. Sui temi dell’ambiente, ad esempio. Ma andiamo con ordine.
Nella sala della Sopracenerina si sono presentati una ventina tra ragazzi e ragazze. «Non pochi – ha evidenziato Marcello Fusetti, conduttore della nota trasmissione Albachiara di Rete Uno della Rsi, che ha affiancato il coetaneo Scherrer – perché non eravate obbligati. Avete accolto l’invito spontaneamente».
I ragazzi hanno subito rotto il ghiaccio. «Locarno è una bella città e ci vivo bene», afferma un liceale tra i cenni d’assenso dei coetanei. «Fuori stagione però è un po’ spenta, salvo durante Locarno On Ice o altri eventi. Mio padre mi racconta che una volta c’erano tre discoteche. Ora le uniche sono sul Piano e non tutti hanno l’auto». Alain Scherrer ha sottolineato che «queste sono scelte che dipendono dai privati. Il Comune può comunque creare le condizioni per favorire eventuali investimenti». Ha poi ricordato che vi sono tutta una serie di manifestazioni oltre a quelle citate: la Notte Bianca, Luci e Ombre eccetera. «Attualmente un ritrovo cittadino ben frequentato è il Caffè al Borgo. Ma manca uno spazio tutto per noi, che non sia commerciale», dice una giovane.


Autogestione 2.0


Quella dell’autogestione è un’esigenza ricorrente, ma per i nati dopo il 2000 non ha i connotati politici che ancora a inizio millennio una parte della gioventù locarnese reclamava con l’occupazione dell’ex Macello. «Ci sono numerose gruppi musicali in cerca di uno spazio in cui provare ed esibirsi», afferma un’altra ragazza. «Questo luogo non deve diventare una sorta di bar, ma qualcosa di vivo». «Magari abbinato a un campetto di calcio del tipo di quelli che si vedono nei quartieri delle grandi città», le fa eco un amico. «Chiuso ai lati come una sorta di box e con un fondo sintetico non richiederebbe un grande investimento né troppo spazio». Diversi vedono nella Rotonda un’area pubblica poco sfruttata. Altre idee: realizzare orti botanici; aumentare gli stalli per biciclette in Piazza Grande; istituire nuove zone a 30 chilometri orari. I giovani locarnesi intervenuti ieri chiedono in particolare «meno automobili in circolazione». E per primi danno l’esempio: «Non ha senso che ci siano 3-4 auto per famiglia». Entusiasti del programma bike-sharing lanciato da Locarno e allargatosi ai Comuni vicini, spingono per incrementare le ciclopiste. Si può dire che fa ormai parte del Dna di molti giovani la sensibilità verso lo sviluppo sostenibile e contro il cambiamento climatico. «Quando devo gettare qualcosa mi piacerebbe trovare cestini con la raccolta separata, essendo abituato a farla a casa», spiega con naturalezza un apprendista. Al sindaco preme che l’incontro di ieri rappresenti il primo passo di un «dialogo costruttivo e duraturo, attraverso l’istituzione di un Consiglio comunale dei giovani. I ragazzi si sono detti favorevoli e presto verrà creato un punto di riferimento sui social media.

I giovani hanno designato al loro interno alcuni portavoce che nei prossimi giorni riuniranno i loro coetanei e formuleranno insieme un testo che includa tutte le idee emerse nel corso del dibattito.
Il prossimo incontro avrà luogo il 30 aprile alle 18, nella sala del Consiglio comunale a Palazzo Marcacci.

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
4 ore
‘Salario minimo, Ccl e storture: tocca a noi dare la risposta’
Nella discussione generale in Gran Consiglio emerge un asse Ps-Lega. Fonio e Jelmini (Ppd) sulle barricate. Speziali (Plr): ‘Ombre, ma ci sono tante luci’
Bellinzonese
4 ore
Enti autonomi Bellinzona: qualche ombra, tanti ‘sì’
Votati i consuntivi 2020. Il gruppo Lega/Udc sollecita più trasparenza e intraprendenza per Musei e Teatro. Nuova illuminazione per i castelli
Bellinzonese
5 ore
Anche il Plr voterà 250’000 franchi per la nuova Valascia
Bellinzona: i liberali-radicali aderiscono alla proposta Ppd di dimezzare il mezzo milione ora sostenuto solo dalla Sinistra. Verdi/Mps/Fa contrari
Ticino
7 ore
Centrale comune d’allarme: gli inquilini ora ci sono tutti
Dallo scorso aprile alla Cecal vengono gestite anche le chiamate al 144. ‘Oggi è un centro di competenze per gli enti di primo intervento, un unicum in Svizzera’
Luganese
7 ore
Rarità allo Zoo di Neggio: nati tre cuccioli di nasua albini
I piccoli sono nati lo scorso 31 maggio. La cucciolata è composta da cinque esemplari: tre albini come il papà e due no, come la mamma
Bellinzonese
8 ore
Caso targhe, Gobbi su Orlandi: ‘Era stato assunto regolarmente’
Il consigliere di Stato risponde infastidito all’Mps assicurando che il funzionario ‘non aveva con me alcun legame e non era mio corregionale’
Bellinzonese
8 ore
Vandalizzata la filiale Ubs di Bellinzona
Danneggiati tre vetri della sede di Largo Elvezia. La polizia ha nel frattempo individuato il giovane autore
Bellinzonese
8 ore
Luce verde ai 43,42 milioni per il nuovo Pretorio di Bellinzona
Il Gran Consiglio ha approvato con 74 sì, zero no e 4 astenuti la richiesta di credito per la ristrutturazione e l’ampliamento dell’edificio in via Franscini
Locarnese
9 ore
‘Alla Palma fu assassinio’. L’accusa chiede 19 anni e mezzo
Giallo di Muralto, la richiesta di pena per il 32enne imputato giunge dalla procuratrice Canonica Alexakis dopo oltre 5 ore di requisitoria
Lugano
9 ore
Vicesindaco, Lombardi: ‘Sul tavolo ci sono sei nomi’
L’esponente popolardemocratico e capo del Dicastero dello sviluppo territoriale a Lugano parla per il vice di Michele Foletti di una soluzione ‘consensuale’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile