laRegione
21.02.18 - 06:00

Casa San Carlo, 'clima di sfiducia'

Dipendenti confidano alla 'Regione' il loro disagio per una situazione lavorativa da molti considerata problematica

di Davide Martinoni
casa-san-carlo-clima-di-sfiducia

Avvicendamenti continui nei posti di responsabilità, decisioni calate dall’alto senza motivazioni plausibili, informazioni trasmesse “urbi et orbi” con grande disinvoltura e scarso rispetto delle persone coinvolte, oppure centellinate e contraddittorie. È un campionario di criticità, quello che emerge dalle testimonianze che la ‘Regione’ ha raccolto fra i dipendenti di Casa San Carlo nei giorni immediatamente successivi la clamorosa notizia del prematuro abbandono della carica da parte del direttore Stefano Hefti. Testimonianze che restituiscono un quadro ovviamente parziale di quanto ancora accade all’interno dell’istituto comunale per anziani, ma che sono emblematiche di una nuova fase lavorativa contraddistinta ancora da confusione e mancanza di chiarezza a vari livelli.

Premesso che tutti i dipendenti ascoltati hanno chiesto la protezione dell’anonimato per timore di ritorsioni, va sottolineato che le voci che si levano dalla casa per anziani contraddicono purtroppo con una certa severità il “mantra” secondo cui la situazione starebbe migliorando, più volte evocato a livello politico dal capodicastero incaricato, Ronnie Moretti. La cui figura, peraltro, viene generalmente dipinta con il delicato tratto di chi ha effettivamente provato a “normalizzare”, ma per motivi anche indipendenti dalla sua volontà si è rivelato non in grado di farlo.

‘Usate e poi messe da parte’

«Uno dei problemi principali è dato dalla sensazione di sfiducia che prova soprattutto chi è in casa da tanti anni – dice un’impiegata –. Questo perché recenti nomine in alcuni posti di responsabilità hanno riguardato persone mai viste prima, sono avvenute senza una “logica”, e se necessario anche calpestando i diritti di chi c’era già». Il riferimento è duplice: sia all’allontanamento delle due responsabili di reparto che per lungo tempo erano state “usate” per svolgere la funzione di cape delle cure (pur non avendo quel ruolo), sia agli avvicendamenti avvenuti alla testa dei vari reparti dell’istituto. «Tutti sanno, all’interno di Casa San Carlo, che le due donne esautorate di recente non hanno caratteri facili – continua la dipendente –. Ma trattarle così è inaccettabile. Quando serviva, sono state chiamate a coprire la funzione di cape delle cure in mancanza di una figura di riferimento; ruolo che hanno svolto, seppur ufficiosamente, per circa 2 anni, curando anche la supervisione Rai per tutta la casa, la formazione degli allievi e i colloqui di lavoro. Poi, a seguito di un sondaggio interno da cui emergevano loro problemi comportamentali (reali) sono state convocate (metà ottobre 2017) e messe di fronte ad un ultimatum: o le cose sarebbero migliorate entro fine febbraio, o sarebbero state allontanate. Ebbene, già pochi giorni dopo, precisamente il 31 ottobre 2017, sono state riconvocate e informate che erano libere di prendere le loro cose e andarsene. Tecnicamente, delle prospettazioni di disdetta». Lo stesso giorno, nel pomeriggio, la novità veniva comunicata al plenum dei dipendenti convocato in riunione straordinaria. «Siamo rimasti stupiti – ricorda uno dei presenti –, anche quelli che con loro avevano avuto dei problemi. Quando abbiamo chiesto spiegazioni, hanno tirato in ballo la tutela della “privacy”». Un’altra novità uscita da quell’incontro riguardava l’entrata in funzione, già dal 2 novembre, di un frontaliere assunto a concorso, senza Diploma of advanced studies (il Das), ma amico ed ex collega del nuovo capo delle cure.

Frontaliera (e senza Das) è anche una nuova capo reparto promossa internamente, senza concorso. Das che invece era in corso d’ottenimento per altre due cape reparto. «Quel doppio caso – spiega un’altra impiegata – è se possibile ancora più inspiegabile. Una delle due infermiere aveva creato nel suo reparto un ambiente veramente positivo, anche a livello umano. A causa della situazione di confusione all’interno della casa le due avevano però chiesto di interrompere temporaneamente la formazione Supsi (che può essere “spalmata” su 3 anni). Il risultato? Sollevate entrambe dai rispettivi incarichi». 

L’allarme: ‘Così peggiora anche la qualità delle cure’

«Ci sentiamo come in balìa delle onde, perché le situazioni cambiano molto in fretta, ci ritroviamo con nuove figure davanti, magari mai viste né sentite, ed è sempre necessario ripartire da capo». A dirlo è un altro impiegato di lungo corso, che a Casa San Carlo dice di «provare la sensazione, io come altri, di essere ignorato, nonostante l’impegno profuso per anni. Ruoli e persone cambiano in blocco e chi magari è dentro da sempre e aspirava ad un posto di maggiore responsabilità si ritrova scavalcato da perfetti sconosciuti che magari non hanno i requisiti per ricoprire determinati ruoli oppure, peggio, risultano essere amici degli amici». La responsabilità, aggiunge, «non è soltanto dell’ultima Direzione, ma anche di quelle fisse o ad interim che l’hanno preceduta. Non ho mai visto una mancanza di trasparenza come negli ultimi 5-6 anni. Per costruire una casa solida bisogna essere capaci di fare affidamento su tutta la struttura: al San Carlo sono state compiute grandi manovre ai vertici, dimenticando la base. È chiaro che così facendo il tutto poteva soltanto peggiorare».

‘Assenze continue e anziani feriti’

Un peggioramento delle condizioni di lavoro che si ripercuote naturalmente sulle condizioni di salute del personale: una delle nuove figure di vertice, assunta pochi mesi fa, ha già totalizzato alcune settimane di malattia; e le assenze per malattia stanno diventando un problema che coinvolge sempre più persone, con la conseguenza di “buchi” da riempire facendo capo a personale interinale, pescato nelle agenzie di collocamento. «Un altro grosso problema è che, mancando il personale, peggiora, automaticamente, la qualità delle cure. In un reparto dove c’è un grande malcontento (e dove l’attuale capo reparto si occupa della formazione degli allievi, ed è capitato fosse impegnato per 8 giorni consecutivi anziché i 5 previsti dalla Legge), sono emersi nelle ultime settimane diversi casi di ferite da decubito fra gli anziani. Mai in tempi recenti se n’erano verificati così tanti non solo in quel reparto, ma in tutta la casa per anziani».

TOP NEWS Cantone
Video
Ticino
13 ore
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
17 ore
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
17 ore
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
17 ore
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
1 gior
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
1 gior
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Ticino
1 gior
Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro
Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
© Regiopress, All rights reserved