laRegione
11.01.18 - 07:00

Fiume Maggia, battuto il primato di gennaio

Una portata di 155 metri cubi al secondo non si è mai vista in questo periodo dell'anno

di Serse Forni
fiume-maggia-battuto-il-primato-di-gennaio
ti-press

Non esistono più le mezze stagioni. E anche le stagioni vere e proprie si stanno confondendo. L’altroieri, martedì, il fiume Maggia ha battuto il suo record per il mese di gennaio, raggiungendo una portata di 155 metri cubi al secondo (misurati alle 10 del mattino alla stazione di Locarno-Solduno). Un traguardo mai raggiunto nel primo mese dell’anno. A dirlo sono le statistiche e i dati del servizio idrologico della Confederazione, registrati dal 1993 in poi. Negli ultimi 25 anni mai una volta il livello della Maggia a gennaio è salito così tanto. Per trovare portate simili bisogna cercare nei mesi primaverili: spesso aprile o maggio e talvolta addirittura giugno. Il record precedente per gennaio risale al 1996 (il 12 del mese) quando il fiume per alcune ore aveva scaricato nel Lago Maggiore 93 metri cubi d’acqua al secondo; ben lontani, comunque, dai 155 di due giorni fa.
Solitamente, in questo periodo dell’anno, la portata della Maggia (che può contare su un bacino imbrifero di oltre 900 chilometri quadrati) è decisamente scarsa. Le punte si situano tra i sei e i venti metri cubi e le ‘magre’ sono frequenti. Ciò è dovuto al fatto che le precipitazioni in quota sono nevose e quindi non scendono a valle fino al periodo disgelo.

A pagarne le conseguenze spesso è il Lago Maggiore. Lo scorso mese c’era stato addirittura un allarme, con minimi storici per il Verbano. Tanto che oltre confine era stata adottata una misura drastica, con una manovra alle chiuse della Miorina, collocate sul fiume Ticino, a Sesto Calende, dal 1942. Uno sbarramento (lasciando uscire 40 metri cubi al secondo, contro i 120 metri cubi in entrata) che aveva permesso di innalzare il lago di alcune decine di centimetri. Ora, con le precipitazioni dei giorni scorsi e con le temperature elevate che hanno portato allo sciogliemento della neve alle quote basse e medie, il lago ha ripreso quota. Dai 192 metri del 1° gennaio è arrivato (il dato è di ieri sera) a circa 193,4 metri. Una risalita auspicata, che permette di normalizzare la situazione anche a sud della Miorina, dove contano su un buon afflusso d’acqua le centrali indroelettriche, il Parco nazionale e migliaia di aziende agricole.

In conclusione segnaliamo che anche il fiume Ticino, misurato a Bellinzona, il 9 gennaio ha avuto un picco, con una portata di 111 metri cubi al secondo.

TOP NEWS Cantone
Ticino
49 min
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
1 ora
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
1 ora
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Ticino
3 ore
Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio
L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
Luganese
3 ore
Assolto in Appello l’ex maestro di Montagnola
Per la Carp non è stato possibile accertare un pericolo per lo sviluppo psichico degli allievi. Mauro Brocchi era stato condannato in primo grado nel 2019
Bellinzonese
4 ore
Oltre al carovita, a Bellinzona c’è il ‘caro’- estinto
Secondo un rapporto di Mister Prezzi, il capoluogo ticinese ha le tariffe più alte per cremazione e camera mortuaria fra tutte le capitali cantonali
Bellinzonese
5 ore
Dopo due anni torna il Carnevale Rabadan
La 160ª edizione si terrà a Bellinzona dal 16 al 21 febbraio. Protagoniste la musica, le maschere, la tradizione e la voglia di sano divertimento
Mendrisiotto
9 ore
È ufficiale: l’Fc Chiasso è fallito
Il pretore di Mendrisio non ha potuto che decretare la fine del club rossoblù. ‘Fiumi di parole’, ma nei conti neanche un centesimo
Locarnese
11 ore
La Stranociada, gli altri e lo ‘scherzo’ che (non) vale
Lo spostamento e il raddoppio delle serate del carnevale di Locarno non fanno felici i vicini: Maggia e Gordola chiamati a far buon viso a cattivo gioco
Luganese
13 ore
La torre itinerante simbolo di una necessità condivisa
La Tour Vagabonde fa riflettere sugli spazi indipendenti da Friborgo, dove nasce, fino a Lugano, dove si ergerà fino al prossimo marzo
© Regiopress, All rights reserved