laRegione
Benedetto Galli
Irregolarità... in buona fede
Avegno Gordevio
03.07.17 - 18:280
Aggiornamento : 11.12.17 - 18:19

Avegno Gordevio, le multe del governo per le schede dimenticate nelle votazioni comunali del 2016

È giunta venerdì scorso la decisione del Consiglio di Stato sulle irregolarità emerse nel corso delle elezioni comunali del 2016 ad Avegno Gordevio, in Vallemaggia, quando per diverse schede dimenticate, ed emerse poi a giorni di distanza dalla proclamazione dei risultati, l’esito del voto cambiò. I cinque membri del vecchio Municipio, quattro dei quali in carica tuttora, hanno ricevuto una multa di 200 franchi a testa, più altri 100 franchi per spese procedurali. Come anticipato dalla Rsi, avranno ora un mese di tempo per decidere se contestare la decisione, ricorrendo al Tribunale amministrativo.
La vicenda aveva sollevato incredulità: dopo alcune settimane dai risultati, erano spuntate da una cassaforte 45 schede sigillate del voto per corrispondenza; schede non scrutinate e quindi non prese in considerazione nell’attribuzione dei seggi. Le stesse sono quindi state aperte e il nuovo spoglio aveva ribaltato il risultato del sindaco di quindicina e cambiato alcuni parametri per il Legislativo. Il CdS, nella valutazione dei fatti, ha potuto constatare una serie di violazioni, seppure – così come affermato dai protagonisti della vicenda – commesse in buona fede. Non c’è stata la registrazione quotidiana del numero delle buste del voto per corrispondenza e perciò nessuno si è accorto per tempo dell’errore. Di più: la composizione dell’ufficio elettorale, che corrispondeva a quella del Municipio, non era a norma e il materiale di voto non è stato custodito in modo sufficientemente sicuro.

TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Covid-19, due terzi dei nuovi contagiati ha meno di 30 anni
Il medico cantonale Giorgio Merlani: 'I giovani capiscano che protezione significa non solo proteggere sé stessi, ma anche i propri cari e gli amici'
Ticino
3 ore
Il prete arrestato ha ammesso il fatto. Emergono episodi 'minori'
Il sacerdote sotto inchiesta per presunta coazione sessuale è in regime di espiazione anticipata della pena
Mendrisiotto
4 ore
Pronti a scendere in campo a difesa dell'ostetricia all'Obv
A Mendrisio l'AlternativA - Verdi e Sinistra insieme prende posizione dopo l'incontro con i vertici ospedalieri. 'Guardia altissima'
Mendrisiotto
4 ore
‘L'inferno in casa loro’, chiesti 11 anni di carcere
È questa la richiesta di pena della Pp Marisa Alfier nei confronti del siriano a processo per tentato omicidio intenzionale
Bellinzonese
5 ore
Novità a Lumino: iniziata la prima colonia estiva diurna
Otto settimane dedicate ai bambini promosse dal Municipio e affidate alla Fondazione Pro Infantia. Un'offerta di svago ancor più d'attualità a seguito del lockdown
Ticino
5 ore
'Gli Svizzeri all'estero a fare spesa. I ticinesi invece...'
Secondo il presidente della direzione generale di Migros, a sud delle Alpi si sta sentendo meno la riapertura delle frontiere post-lockdown
Lugano
6 ore
Lugano, Foce chiusa questo weekend dalle 20. Poi solo con l'app
Lo ha deciso il municipio cittadino. Da giovedì prossimo, dalle 20, un massimo di 200 persone potranno accedere unicamente previa prenotazione.
Ticino
7 ore
Coronavirus, il Ticino alza il grado d'allerta
Di fronte a oltre 450 quarantene in poco più di una settimana, la campagna d'informazione passa dal codice blu al codice arancione
Bellinzonese
8 ore
8 milioni per la mobilità del Bellinzonese
Il Consiglio di Stato ha licenziato il messaggio per la progettazione e la realizzazione di una seconda serie di misure del programma di agglomerato della regione
Mendrisiotto
9 ore
‘Davo solo sberle sulle braccia’
Il 48enne siriano a processo per tentato omicidio intenzionale ammette di aver picchiato tre volte i figli ma nega i calci
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile