laRegione
navigazione-la-soluzione-con-le-fart-e-la-migliore
Davide Agosta
Locarno
30.06.17 - 17:010
Aggiornamento : 15.12.17 - 17:12

Navigazione, 'la soluzione con le Fart è la migliore'

Mercoledì sera a Locarno si è svolta l'assemblea annuale dell'Ente regionale di sviluppo. A posteriori, tramite un comunicato stampa inviato ai media, Germano Matttei, granconsigliere di “Montagna Viva” ha formulato alcune riflessioni sulla crisi del servizio Navigazione Lago Maggiore. Le riportiamo di seguito: “Si sta disegnando la soluzione del sopravvento della ditta privata che gestisce la Navigazione sul Ceresio. Ho scritto recentemente in merito e espresso tutto lo scetticismo sul tema e su questa probabile scelta. Ho poi riportato a voce in sala le mie argomentazioni, ma evidentemente la mia opinione conta come il due di coppe! A conti fatti si viene a sapere che si devono investire oltre 12.5 milioni per costruire dei nuovi battelli (fornibili in tre/quattro anni), per continuare il servizio si devono affittare transitoriamente i battelli dell' Impresa NLM italiana (immagino le risate oltre confine per avere finalmente un po' di soldi dalla Svizzera, che sin ora in decenni e decenni non ha messo un franco per questo servizio, eccettuato un piccolo contributo "arcobaleno" per il servizio pubblico verso il Gambarogno, un'inezia!). Ripeto che torno a chiedermi se la soluzione regionale locarnese con la FART non sia la soluzione migliore e di assoluto interesse regionale. Già oggi sembra che il personale è a statuto FART per i salari, il loro pagamento, la Cassa pensione (sembra che la Cassa pensione sia valida anche per la parte italiana). Mi si è detto che non si può adottare questa soluzione? Perché: avere in Regione un'organizzazione che già oggi si occupa del trasporto su strada, su rotaia verso Domodossola, le funivie e ora potrebbe gestire con comodità anche la navigazione sul Lago. È un'occasione storica, abbandonata nel 1955 e ora da riprendersi per un servizio pubblico, turistico e altro regionale, completamene al servizio della regione tutta. Ma perché i Comuni, la OTR, la ERS, il Cantone non dicono nulla in merito, non agiscono con un progetto propositivo di assoluto interesse e ricaduta regionale? Affidarsi alla ditta del Ceresio è una soluzione di comodo che si tramuterà in una non soluzione. Ma cosa ci sta dietro? Interessi particolari? Ignavia? Mancanza di determinazione e progettualità? Nessuna fantasia? Mancanza di visioni? Nel Locarnese dalle occasioni mancate si può solo dormire sui problemi e mai costruire qualcosa di veramente d'interesse e di ricaduta locale. Ho visto un sindaco Tiziano Ponti - a lui va la riconoscenza per il grande impegno e dedizione nel cercare di trovare soluzioni vivibili e veloci al difficile e complesso quesito - molto preoccupato e teso. Ma dove era il presidente FART? Ma perché il Consigliere di Stato Christian Vitta se ne è andato senza dire una parola sul tema? Ci si sente un po' presi per i fondelli, presenti per fare accademia! Forse è per questo che vi erano tanti, troppi, assenti: non ci crede più nessuno a queste istituzioni senza spina dorsale. Seppur scettico debbo affermare che così non deve essere. Reagire per creare qualcosa di nuovo per un futuro possibile; nascondere la testa sotto alla sabbia come gli struzzi non serve a nessuno! Per questo ho chiesto al Governo a mezzo interpellanza di chiedere e ottenere un anno di tregua, magari garantendo alla NLM un contributo di solidarietà transitorio e per sanare una situazione altrimenti senza ritorno. E tutto questo a due giorni dall'inizio delle vacanze estive..”

TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
5 ore
Biasca è stata oggi la località più calda della Svizzera
In Ticino ampiamente superati i 33 gradi, con un picco di 34,7 nel cuore delle Tre Valli
Bellinzonese
8 ore
L'Udc di Bellinzona chiede le dimissioni di Soldini. Che reagisce
Casa anziani Sementina e Centro Somen: dopo i decessi l'esecutivo ha deciso di pagare il 25% in più gli straordinari. Il municipale: 'Come da regolamento'
Bellinzonese
9 ore
Scontro auto-moto sulla strada del Lucomagno
Centauro all'ospedale dopo l'impatto avvenuto a Camperio con una vettura targata Zurigo
Ticino
9 ore
Maggioranza e opposizione contro la disdetta unilaterale
Fisco frontalieri, in Italia i partiti contestano la perizia dell'Università di Lucerna e la proposta del leghista Quadri di bloccare i ristorni
Locarnese
10 ore
Accademia Dimitri a Losone, ostacoli e soluzioni (provvisorie)
Un ricorso blocca la pianificazione, ma il Municipio sigla con la scuola un accordo transitorio per tre mesi
Grigioni
10 ore
Calanca e SanBe, recuperati nei boschi 140 chili di rifiuti
Grazie all'impegno degli oltre 50 volontari che hanno risposto all'invito della Summit Fondation
Mendrisiotto
11 ore
Se ne è andato Josef Weiss, una vita per i libri
Aveva 76 anni. Nel suo Atelier di Mendrisio ha realizzato opere che lo hanno fatto conoscere nel mondo
Ticino
11 ore
Vitta: 'Si potrà discutere pure di aumento del coefficiente'
Così il ministro delle finanze e dell'economia. La reazione dell'Udc: ci opporremo a qualsiasi aumento d'imposta. Il no della Lega
Gallery
Locarnese
11 ore
Onsernone, con l'altalena sempre più in alto
Prosegue l'iniziativa promozionale di 'Swing The World". Sul Pizzo Zucchero creata una nuova postazione di questo passatempo molto social
Ticino
12 ore
Camperio, scontro auto-moto: centauro soccorso dalla Rega
Incidente sulla strada del Lucomagno. Ferito un cittadino italiano, trasportato al San Giovanni di Bellinzona
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile