laRegione
20.09.22 - 17:02
Aggiornamento: 17:35

Ricorso al Tram per bloccare la votazione a San Vittore

Nuove scuole da 7 milioni: un ex sindaco ritiene l’informazione municipale lacunosa sulle conseguenze finanziarie. La sindaca: ‘Massima trasparenza’

ricorso-al-tram-per-bloccare-la-votazione-a-san-vittore

‘Troppe le incognite finanziarie non sufficientemente chiarite dal Municipio, perciò si annulli la votazione popolare di domenica 25 settembre sullo stanziamento di 7,1 milioni necessari alla realizzazione del nuovo centro scolastico comunale’. Tagliando con l’accetta è questo il succo del ricorso interposto nei giorni scorsi dall’ex sindaco di San Vittore Luciano Annoni al Tribunale amministrativo dei Grigioni. Ricorso che rischia di creare scompiglio in paese a pochi giorni dalla chiamata alle urne che segue l’accettazione del credito da parte dell’Assemblea comunale, lo scorso 5 settembre, con 77 sì, 7 no e 15 astenuti. Ricorso le cui critiche vengono rigettate dal Municipio, il quale nelle proprie osservazioni spedite oggi a Coira invita il Tram a respingerlo e in via subordinata a non concedere l’effetto sospensivo.

‘Si continui a votare’

La sindaca Nicoletta Noi-Togni, sentita dalla redazione, rivolge severe critiche all’estensore («durante l’Assemblea non ha minimamente accennato alla presunta necessità di rinviare la decisione assembleare e/o la votazione popolare») e assicura che tutta l’operazione «è stata sempre portata avanti con la dovuta trasparenza». Perciò esorta la popolazione a votare: «Visto che lo si sta già facendo per corrispondenza, il Tribunale amministrativo dovrà esprimersi in tempi brevi. È comunque importante informare la cittadinanza sul fatto che finora non c’è nulla di sospeso, mancando una decisione sull’effetto sospensivo, e che pertanto può continuare a votare regolarmente. La ringrazio se vorrà farlo con forza, facendo valere quella volontà, più volte espressa in Assemblea, di sostegno ai nostri bambini. I quali non possono più restare a lungo nell’attuale vecchia scuola, viste talune situazioni di pericolo che si accentueranno nel tempo. Non vorremmo insomma doverli spedire nelle scuole di altri Comuni. Il nuovo impianto va peraltro a sostegno di tutta la popolazione che, in caso di catastrofe, non dispone attualmente dei necessari posti di protezione civile».

‘Manca un chiaro messaggio informativo’

Durante l’Assemblea del 5 settembre, ricordiamo, non erano mancate critiche sulla spesa ritenuta non indifferente da taluni abitanti. Timori rispediti al mittente dalla capodicastero Finanze Elena Pizzetti Canato che aveva rassicurato sulla fattibilità e sostenibilità finanziaria del progetto per le casse comunali. Da notare, peraltro, che il capitale proprio supera i 7 milioni di franchi (cifra invidiata da molti Comuni) e che il tasso d’imposta è del 75% (idem). Non la pensa così Annoni che nel ricorso chiede l’annullamento della votazione popolare (e in ogni caso la concessione dell’effetto sospensivo al ricorso) rinviandola a tempo debito. A suo dire l’importante credito "potrà essere messo in votazione quando il Municipio avrà pubblicato un chiaro messaggio informativo" rispettoso dei criteri di completezza e oggettività sanciti dalla Costituzione federale e dalla Legge federale sui diritti politici. Qualora la votazione avesse invece luogo ugualmente, l’ex sindaco chiede al Tram che la stessa venga annullata e, appunto, "ripetuta in un secondo tempo con la messa a disposizione agli aventi diritto di voto di tutte le informazioni carenti nell’attuale messaggio".

Le cifre in ballo secondo il ricorrente

In particolare Annoni si dice preoccupato per le conseguenze finanziarie dell’opera sul lungo termine, a suo dire non motivate nel messaggio inviato alla popolazione col materiale di voto. Cita ad esempio il temuto aumento del tasso fiscale per le persone fisiche: "Il Municipio ha indicato durante l’assemblea una crescita per il 2023 dall’attuale 75 al 90%", quando invece secondo suoi calcoli il tasso esploderebbe al 148%. Dal canto suo la sindaca replica che «nulla, a questo riguardo, è deciso e che il 90% rappresenta il massimo immaginabile. Se ne saprà di più elaborando il Preventivo 2023». Pure criticati da Annoni la mancanza d’indicazioni nel piano finanziario a lungo termine, un indebitamento eccessivo, tassi d’interesse in costante evoluzione, nonché il prevedibile aumento dei costi di costruzione da mettere in conto da qui a fine opera. A suo dire non vanno infatti solo considerati quelli da ottobre 2021 ad aprile 2022, pari a 300’000 franchi già compresi nei 7,1 milioni, ma anche quelli prevedibili nell’arco dell’intero cantiere, ossia – secondo i calcoli fatti dalla Commissione di gestione – 1,9 milioni aggiuntivi che farebbero lievitare il costo finale da 7,1 a 9 milioni. Quanto poi alla massa complessiva d’investimenti comunali prevedibile nel triennio 2022/24, secondo Annoni ammonterebbe a 14 milioni, ciò che richiederebbe spese per le sole ipoteche di 390mila franchi annui.

Leggi anche:

Alle urne il nuovo Centro scolastico di San Vittore

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
29 min
Abbattuto un giovane lupo in Valle di Blenio
La sua cattura, avvenuta lunedì sera ad Aquila vicino all’abitato e a una stalla, era stata autorizzata il 23 novembre
Bellinzonese
2 ore
Rabadan in rosso, fra le novità 2023 un lieve aumento dei prezzi
Perdita di 117mila franchi, di cui 41mila per Lumino. Via il braccialetto, arriva il QR code. Si lavora a un programma completo. Ecco il gioco da tavolo
Mendrisiotto
5 ore
Piscina coperta regionale, ‘il Cantone dia delle certezze’
Tre deputati momò del Centro tornano alla carica. Sul progetto il Distretto attende ‘risposte chiare e inequivocabili’
Locarnese
5 ore
Via Stazione: dall’autosilo in giù tutto il fronte sarà demolito
Da ieri all’albo comunale di Muralto il progetto da 50 milioni per due nuove costruzioni a contenuti misti e un diverso “rapporto” con il Grand Hotel
Ticino
5 ore
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
Luganese
11 ore
Fra i 17 e i 27 milioni per la nuova piscina di Trevano
La notizia è trapelata a margine dell’assemblea dell’Ente regionale di sviluppo del Luganese. Passi in avanti per il Parco regionale del Camoghè.
Mendrisiotto
13 ore
Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita
Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
14 ore
Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’
Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
15 ore
Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1
Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
15 ore
Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi
La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
© Regiopress, All rights reserved