laRegione
02.09.22 - 18:18

Moesano, ‘energia acquistata in condizioni proibitive’

Bollette molto più salate in tutti i Comuni della Mesolcina e della Calanca, eccetto a Buseno. Un aumento che ‘colpirà soprattutto le aziende’

moesano-energia-acquistata-in-condizioni-proibitive
Ti-Press
Damiano Stroppini, direttore di Energia del Moesano

«Abbiamo comperato le ultime tranche di elettricità, che completavano i quantitativi già acquistati, in un momento in cui le condizioni del mercato erano proibitive». Damiano Stroppini, direttore di Energia del Moesano, spiega in questo modo il forte aumento previsto per le bollette del 2023 in Mesolcina e Calanca. Ricordiamo che per quanto riguarda i Comuni serviti dalla Società elettrica sopracenerina (Ses) – ovvero Roveredo, San Vittore, Castaneda, Santa Maria e parte del paese di Grono – l’incremento potrà raggiungere il 70%. Ses che acquista la corrente dall’Unione dei Comuni per l’energia che a sua volta si approvvigiona dall’Energia del Moesano. Quest’ultima prevede aumenti anche negli altri comuni della regione che sono serviti da aziende o consorzi comunali o intercomunali: «Eccetto a Buseno (dove per effetto di varie situazioni vi sarà solo un leggero aumento di prezzo), in tutti gli altri comuni si registrerà un forte rincaro», afferma Stroppini a ‘laRegione’. Un aumento che «colpirà soprattutto le aziende» che dovranno quindi decidere se far salire i prezzi per compensare l’incremento dei costi. Insomma, il rischio è che ad esempio il pane diventi più caro.

Misure di contenimento delle tariffe non accolte

Ma per il futuro si cambierà strategia? Stroppini dapprima premette che «le modalità di acquisto sono diverse rispetto al Ticino, dove le aziende hanno stipulato contratti a lungo termine con Aet, con lo scopo di valorizzare l’energia prodotta nel cantone. L’energia che compriamo noi, invece, non è legata alla produzione idroelettrica locale, ma è acquistata completamente sul mercato». Fatta questa premessa, il direttore di Energia del Moesano sottolinea che «a febbraio si è tenuta un’assemblea straordinaria (quindi prima del conflitto tra Russia e Ucraina) durante la quale sono state evidenziate criticità nella strategia portata avanti negli anni, considerando la nuova situazione che il mercato stava già vivendo, ovvero un generale rialzo dei prezzi dell’energia. Sono quindi state proposte alcune misure di contenimento delle tariffe, sfruttando alcuni benefici che i Comuni traggono dalla gestione di Energia del Moesano. Ma purtroppo non è stato possibile trovare una soluzione condivisa sulle misure di contenimento. Nei prossimi anni resteremo quindi coerenti con la strategia approvata. In ogni caso ci adopereremo per fare tutto il possibile per trovare le migliori condizioni. E questo anche grazie all’ottima collaborazione con l’Azienda elettrica ticinese».

Leggi anche:

Salasso elettrico nel Moesano causato da una ‘diversa strategia’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
35 min
Cani liberi all’ex aerodromo di Ascona: le multe non piacciono
Municipio e Polizia replicano: ‘La legge parla chiaro: guinzaglio obbligatorio. Noi interveniamo su segnalazione di cittadini che reclamano’
Mendrisiotto
35 min
Pozzo Polenta, l’inchiesta amministrativa si allarga
Adesso al tavolo dell’autorità cantonale ci sono entrambe le società petrolifere che hanno gestito la stazione di servizio
Mendrisiotto
3 ore
‘Io oggi sogno un Mendrisiotto unito’
Abbiamo parlato di aggregazione con Giorgio Fonio. E il consigliere comunale di Chiasso e gran consigliere ha una sua visione per il futuro
Gallery
Bellinzonese
3 ore
I terreni abbandonati ora profumano di lavanda
L’associazione Stregaverde ridà vita ai sedimi trascurati piantando fiori e spezie. Coltivata un’area vicino a Sasso Corbaro. Si cercano volontari e fondi
Locarnese
3 ore
Sébastien Peter alla guida dei servizi culturali cittadini
La scelta del Municipio di Locarno è caduta sul 38enne attivo nel campo della promozione culturale a Bienne. Inizierà il suo mandato in primavera
Ticino
3 ore
Unitas, ex membri di comitato: ‘Non sono denunce per ripicca’
Le testimonianze: ‘Siamo bersaglio di ostilità per aver portato alla luce gli abusi. Ci accusano di aver agito perché estromessi. O troppo tardi. È falso’
Luganese
10 ore
Plan B continua a dividere Lugano
Dalla discussione generale in Consiglio comunale, critiche più o meno velate da Ps, Verdi e Centro, mentre Udc, Lega e Plr lodano l’operazione
Bellinzonese
10 ore
Rubano materiale da hockey ad Arbedo: bottino di 300mila franchi
Il furto di pattini, bastoni e macchinari specializzati sarebbe avvenuto, stando alla Rsi, lo scorso fine settimana
Luganese
11 ore
Schlein a Massagno ‘senza padrini né padroni’
La candidata alla segreteria del Pd incontra Marina Carobbio. “Il Pd si può riformare”
Bellinzonese
12 ore
Tutti i vincoli del nuovo ospedale di Bellinzona
I progettisti dovranno confrontarsi con un’importante serie di questioni tecniche, fra sicurezza fluviale, edificabilità e viabilità
© Regiopress, All rights reserved