laRegione
13.07.22 - 08:30
Aggiornamento: 16:48

Sconfessato il piano di Mesocco contro le antenne di telefonia

Revocata la zona di pianificazione comunale alla luce di una sentenza del Tf che riduce il potere del Municipio in termini di concessioni di permessi

sconfessato-il-piano-di-mesocco-contro-le-antenne-di-telefonia

Appare una vittoria per le compagnie telefoniche il verdetto del Tribunale federale (Tf) dello scorso marzo. Una sentenza – relativa al Comune di Malans – che in sostanza sancisce che non si giustifica una zona di pianificazione comunale che vieti provvisoriamente (in attesa di una pianificazione comunale definitiva) l’edificazione di antenne per la telefonia mobile su tutto il territorio comunale (comprese le zone non edificabili). Se la domanda di costruzione è conforme all’ordinanza federale, il Comune sarà dunque costretto a rilasciare la licenza.

La decisione del Tf tocca direttamente il Comune di Mesocco. Alla luce del verdetto il Municipio ha infatti revocato la propria zona di pianificazione, definita dopo la decisione del settembre 2019 del Consiglio comunale di accogliere la proposta di moratoria per bloccare la realizzazione di antenne. Esecutivo che dovrà ora valutare se comunque applicare una zona di pianificazione per le aree residenziali per evitare una dispersione selvaggia degli impianti. Tuttavia alcuni Comuni – come ad esempio la Città di Coira – hanno già deciso di rinunciare a questa opzione in quanto si ritiene sufficiente il recente inasprimento dell’ordinanza federale per il rilascio di permessi. Sul territorio del Comune di Mesocco, con l’entrata in vigore della zona di pianificazione, tutte le domande di costruzione per nuove antenne erano state sospese, in attesa di una revisione che avrebbe dovuto indicare le zone adatte per la posa. Sulla moratoria contro il 5G – proposta con una mozione dal consigliere comunale Gabriele Zanetti – il Municipio aveva espresso parere negativo, ritenendo la questione di competenza federale.

Conseguenze per l’antenna al lago d’Isola

Una sentenza che sul territorio di Mesocco va al beneficio di Sunrise per quanto riguarda la sua richiesta di posare una nuova antenna nei pressi della diga del lago d’Isola a San Bernardino. La domanda di costruzione inoltrata nel 2018 non aveva ricevuto la licenza da parte del Comune a causa dell’importante intervento di disboscamento necessario per realizzare l’opera. Al progetto si erano opposti anche alcuni abitanti di residenze secondarie situate poco distante dal luogo individuato per l’impianto. La decisione del Municipio era stata impugnata dalla compagnia telefonica, ed era finita davanti al Tribunale amministrativo cantonale, che aveva dato ragione a Sunrise. Ma l’introduzione della zona di pianificazione da parte del Comune aveva intralciato le intenzioni della compagnia telefonica, che aveva quindi fatto opposizione contro la zona di pianificazione al Taf. La fase di stallo si sblocca ora a favore di Sunrise alla luce della sentenza del Tf. A Mesocco si valuterà ora se insistere in sede giudiziaria (appellandosi al Tf) facendo leva sugli argomenti di natura ambientale e paesaggistica.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
7 ore
Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’
Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
Mendrisiotto
7 ore
Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione
Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia
Ticino
8 ore
Premi cassa malati, deduzioni in più per i figli verso il sì
Lega, Plr, Centro e Udc sottoscrivono il rapporto che dà via libera alla loro iniziativa. Il Ps: ‘Valutiamo il referendum, favorisce i più ricchi’
Ticino
8 ore
Preventivo, il sì borghese vincolato alla revisione della spesa
Lega, Plr, Centro e Udc sostengono la previsione per il 2023 del governo (-80 milioni), ma con dei paletti. Il Ps: ‘No a queste politiche neoliberiste’
Ticino
9 ore
Targhe, Centro e Udc firmano un rapporto senza maggioranza
Calcolo della nuova imposta di circolazione, la Lega per ora si defila mentre Plr e Ps confermano il loro no al testo Dadò/Pamini. E il clima è teso
Mendrisiotto
9 ore
Il Nebiopoli 2023 svela i suoi contenuti
Il Carnevale di Chiasso sarà in programma dal 2 al 5 febbraio. Ampliato il Villaggio, oltre ai consueti appuntamenti anche ospiti internazionali
Locarnese
9 ore
PCi, la guerra in Ucraina ‘rispolvera’ i rifugi atomici
Il Consorzio ha avviato su tutto il territorio controlli dei bunker in caso di catastrofe nucleare. Attese nuove ondate di rifugiati e novità per la sede
Bellinzonese
10 ore
Squadra esterna di Biasca, a processo per vie di fatto
La Procura ha firmato un Decreto d’accusa nei confronti di un operaio comunale, che si è opposto. Si va in Pretura penale
Bellinzonese
10 ore
La 19enne era al rave: con la conferma si cercano testimoni
La polizia grigionese invita quanti sono a conoscenza dello stato di salute della ragazza all’evento della diga della Roggiasca a contattare il comando
Mendrisiotto
17 ore
Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate
Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai Cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
© Regiopress, All rights reserved