laRegione
altri-tagli-alla-casa-anziani-mater-christi-di-grono
25.05.22 - 17:17

Altri tagli alla casa anziani Mater Christi di Grono

Personale: dopo i 5 del gennaio 2021, se ne aggiungono ora 4 e mezzo. I letti occupati rimangono 35 su 50. Parla il nuovo presidente Mantovani

La lunga coda della pandemia. Sottoposta negli ultimi due anni a tagli di personale (cinque licenziamenti nel gennaio 2021) e a importanti cambiamenti dirigenziali e gestionali, la Casa anziani Opera Mater Christi di Grono si ritrova tutt’oggi a dover prendere "difficili decisioni": ridimensionare ulteriormente la forza lavoro per far quadrare i conti a seguito di un "calo significativo dell’occupazione letti" che attualmente si attesta a 35 su un totale di 50. Lo comunica il Consiglio di fondazione, da febbraio presieduto da Carlo Mantovani che è subentrato dopo 18 anni a Riccardo Tamoni. Interpellato dalla ‘Regione’, il nuovo presidente spiega che i provvedimenti riguardano sette dipendenti per un totale di 4,5 unità lavorative a tempo pieno. In sostanza le disdette del rapporto di lavoro riguardano due unità, cui si aggiungono alcuni non rinnovi di contratti a termine e altre riduzioni della percentuale d’impiego. Inoltre, ricordiamo, dallo scorso gennaio la Direzione della struttura e le cure offerte sono gestite insieme alla Casa anziani del Circolo di Mesocco con l’obiettivo di condividere le esperienze e contenere i costi delle due strutture.

Ticino-Grigioni: due metodi differenti

«La pandemia – evidenzia Mantovani – in linea generale ha ridotto sia in Ticino sia in Mesolcina l’occupazione delle strutture per le persone non più autosufficienti. Le nostre case anziani erano utili in passato per garantire una soluzione provvisoria ai ticinesi in lista d’attesa nelle loro regioni. Oggi non è più così e nel Bellinzonese, per esempio, vi è l’obbligo di far capo alle strutture del Bellinzonese. Perciò le nostre rimangono un po’ più vuote e questo ci obbliga a correre ai ripari». Non da ultimo, i due Cantoni adottano due sistemi di finanziamento differenti: tagliando con l’accetta, il Ticino finanzia la gestione fino a copertura dei disavanzi, il Canton Grigioni finanzia invece la costruzione ma non la gestione. «Ecco perché in questo particolare momento storico – sottolinea Mantovani – ci vediamo costretti ad agire in questo modo».

Un cambio di marcia comunicativo e più coinvolgimento

La questione è stata esposta ieri in occasione di un’assemblea straordinaria del personale organizzata alla presenza del presidente del Consiglio di fondazione, della Direzione e dei sindacati Ocst e Vpod. Nel comunicato si specifica che i tagli si rendono necessari "per garantire anche in futuro la continuità del Centro anziani, rispettando tutti i criteri previsti dalle autorità cantonali ma soprattutto per continuare a dare quella qualità delle cure che la struttura ha sempre dato a tutti gli ospiti del Moesano e a quelli provenienti dal Ticino". Da parte dei sindacati, prosegue la nota stampa, "è stato garantito l’impegno di far pervenire, tramite i propri canali, ai datori di lavoro delle case anziani del Ticino le candidature delle persone toccate dalle misure intraprese". Durante l’assemblea si è inoltre deciso di costituire una commissione del personale, coadiuvata dai sindacati, "per gestire in maniera più proattiva la stessa, certi che il coinvolgimento del personale nelle scelte operative possa avere solo risvolti positivi". Stando al Consiglio di fondazione l’assemblea del personale "pare abbia recepito in maniera positiva, e apprezzato, questo cambiamento di approccio comunicativo, che è segno di trasparenza e volontà di lavorare assieme".

Leggi anche:

La Mater Christi di Grono licenzia: ‘Per non fallire’

Cambio ai vertici della Opera Mater Christi

Grono, nuova direzione al Centro anziani Opera Mater Christi

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
carlo mantovani casa anziani grono mater christi personale tagli
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
3 ore
Chiasso, la piscina quadrata non riaprirà
La decisione è stata presa a titolo precauzionale a seguito della perdita di cloro. Da metà settembre la vasca sarà oggetto di analisi approfondite
Luganese
4 ore
Tentato assassinio, c’era alta tensione tra padre e figlio
In via di miglioramento il 22enne. Ieri avrebbe dormito fuori casa per sfuggire alle pesanti liti. Trovata dalla polizia l’arma, un Flobert calibro 22
Grigioni
5 ore
Grigioni, individuato un ottavo branco di lupi
È stato chiamato ‘Wannaspitz’. Attualmente si aggira fra i comuni di Vals, Lumnezia e Ilanz
Bellinzonese
5 ore
A Giubiasco quasi un milione per l’ex palazzo comunale
Dopo una prima fase di risanamento strutturale, è ora necessario installare la nuova caldaia e un impianto per rinfrescare
Bellinzonese
5 ore
Castellinaria, ‘Mercato coperto più accogliente e accessibile’
Per Flavia Marone (presidente del festival) la struttura di Giubiasco presenta vantaggi sia dal punto di vista logistico, sia da quello finanziario
Grigioni
6 ore
Torneo Grandinani quest’anno declinato anche al femminile
Football: nel weekend del 13 e 14 agosto i campi di Roveredo e Lostallo accolgono la 16esima edizione dell’evento nazionale U14
Ticino
7 ore
Sgarbi multato dalla Polizia cantonale. ‘Mai più in Svizzera’
Il critico d’arte e parlamentare italiano è stato fermato in quanto il suo autista avrebbe acceso il lampeggiante quando si trovava ancora in Svizzera
Bellinzonese
8 ore
Fitto programma per la tregiorni di feste ad Arbedo-Castione
Online il sito con gli eventi previsti al campo sportivo e sul territorio per sottolineare i 200 anni dall’aggregazione e i 600 dalla battaglia
Luganese
8 ore
Agno, il padre ha tentato di uccidere il figlio
Restano gravi le condizioni di salute del 22enne, ferito gravemente ieri dal papà successivamente arrestato. Entrambi risiedono a Rovio
Bellinzonese
9 ore
Auto fuori strada a Claro, deceduto il guidatore
Si tratta di un 77enne svizzero domiciliato in Riviera. L’auto che guidava era uscita di strada finendo in un fossato
© Regiopress, All rights reserved