laRegione
20.05.22 - 09:37
Aggiornamento: 18:42

Il lupo uccide 9 pecore a Cama: ‘Recinzione inadeguata’

La scoperta ieri a Ogreda dove cinque anni fa l’esemplare M75 aveva fatto razzie. Il guardacaccia: ‘Con la rete elettrificata niente più attacchi’

il-lupo-uccide-9-pecore-a-cama-recinzione-inadeguata
Keystone
Da qui era già passato anche M75

Ennesimo episodio di predazione di un gregge da parte di un lupo. Stavolta è successo in Mesolcina, e più precisamente nel fondovalle a Ogreda in territorio di Cama, dove ieri mattina, come riferisce la Rsi, in una zona non molto lontana dalle abitazioni l’anziano proprietario ha rinvenuto le carcasse di tre pecore e due agnelli morti e altri quattro agnelli feriti alla gola che sono poi stati soppressi dal guardacaccia poiché non più recuperabili. Si tratta dell’unica predazione registrata nel Moesano durante le ultime settimane, mentre fra gennaio e febbraio ve ne sono state alcune, come riportato nel nostro servizio del 4 marzo, quando la Società agricola del Moesano aveva esternato tutte le sue preoccupazioni sollecitando un allentamento della protezione del lupo in presenza di attacchi. Già cinque anni fa, peraltro, nella medesima località di Cama si era verificato un episodio analogo: allora a farne le spese erano stati 17 ovini, uccisi o gravemente feriti. Indiziato era il lupo conosciuto come M75, di cui le autorità grigionesi e ticinesi avevano poi decretato l’abbattimento al quale era scampato spostandosi in Germania. E intanto si avvicina il carico degli alpeggi, alcuni dei quali in Alta Mesolcina la scorsa estate erano stati scaricati già a inizio luglio dopo una serie di predazioni.

Zero predazioni

In questo ultimo caso il lupo ha predato tutte e nove le pecore giovani e adulte che l’anziano proprietario aveva portato sul posto il giorno prima, proteggendole su tre lati con una recinzione metallica, mentre nell’ultimo lato a contatto col bosco vi è un muretto di sasso. Ed è proprio in questo punto che il lupo è riuscito a entrare. Una soluzione adatta per contenere le pecore, ma insufficiente per impedire incursioni predatorie. «Purtroppo – spiega interpellato dalla ‘Regione’ il capo dei guardacaccia del Moesano Nicola De Tann – si tratta di una soluzione inadatta a disincentivare il lupo nella sua fase di avvicinamento alle prede. Questo è stato spiegato e ripetuto molte volte agli allevatori e infatti la maggior parte si è adeguata dotandosi delle recinzioni consigliate dalle autorità federali e cantonali perché ritenute al momento più efficaci. Si tratta di uno specifico modello elettrificato che, dotato di un preciso amperaggio, tiene lontano il lupo. E in effetti laddove questo modello è stato posato, il risultato è positivo: finora zero predazioni subite. Confidiamo che l’efficacia possa dimostrarsi tale a lungo termine e che il lupo non escogiti un comportamento alternativo in grado di eludere la tecnologia». Nel caso di Ogreda il proprietario, sebbene non attrezzatosi adeguatamente, potrà comunque beneficiare del rimborso previsto per legge, il quale non viene per contro elargito per i capi fuggiti e non più ritrovati a seguito di un attacco fatto in assenza di rete regolamentare.

Cosa fare in quota e in zone impervie

Restano sul tavolo alcuni interrogativi. Anzitutto, come predisporre tali recinzioni su terreni impervi, in altura e di ampie dimensioni? Il santo vale la candela? Il guardacaccia Fabio Pregaldini, intervenuto ieri a Cama, rileva anzitutto come proprio questo ultimo caso provi l’inefficacia di soluzioni improvvisate, per di più in un luogo dove non è difficile allestire una recinzione elettrificata. La quale, per quanto riguarda invece gli alpeggi in quota, «rappresenta ovviamente una buona soluzione laddove fattibile. In alternativa, una soluzione sovente praticata e che sta dando buoni risultati – annota Pregaldini – è quella del pascolo diurno assistito da pastori e/o cani da protezione, mentre per trascorrere la notte in sicurezza il gregge viene radunato in appositi ‘ricoveri’ a cielo aperto elettrificati».

Perché poi non le mangia?

Molte persone si chiedono peraltro come mai il lupo attacca il gregge ma poi non si nutre della preda o delle varie prede uccise, lasciandole lì. La risposta è semplice, spiega De Tann: «Se è in cerca di cibo e trova una preda, la uccide. Che si tratti di un singolo cervo in natura o di un gregge di pecore, il suo istinto lo porta a fare razzia. Poi, se in quel momento è indisturbato e ha fame, mangia. Altrimenti torna sul luogo della predazione, per nutrirsi, anche dopo diversi giorni».

Leggi anche:

Gli allevatori del Moesano: ‘Presenza del lupo fuori controllo’

Arriva il lupo e gli alpeggi si svuotano a... inizio estate

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’
Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
2 ore
Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’
Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
4 ore
Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia
Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Ticino
4 ore
Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà
Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
5 ore
Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole
Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
5 ore
Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps
A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Ticino
7 ore
Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’
Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Luganese
7 ore
Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace
Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
8 ore
Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio
I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
9 ore
Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio
Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
© Regiopress, All rights reserved