laRegione
05.05.22 - 15:43
Aggiornamento: 15:59

La Ca’ Rossa di Grono ‘è tornata a vivere’

È stato inaugurato lo storico edificio ristrutturato. Il sindaco Samuele Censi è soddisfatto anche perché gli spazi sono già tutti occupati

la-ca-rossa-di-grono-e-tornata-a-vivere
Inaugurata il 4 maggio

La Ca’ Rossa di Grono «è finalmente tornata a vivere». È decisamente soddisfatto il sindaco di Grono Samuele Censi, dopo l’inaugurazione ufficiale dell’edificio ristrutturato – risalente al 1721 e considerato un monumento storico d’importanza nazionale – avvenuta lo scorso 4 maggio alla presenza di un centinaio di persone, dei bambini delle scuole elementari che hanno proposto un intrattenimento musicale e di diverse autorità regionali e comunali (compreso il Municipio in corpore). Infatti gli spazi a disposizione sono già «tutti occupati»: durante l’estate scorsa si erano già insediati la Fondazione servizio ortopedagogico dei Grigioni e il Servizio di psichiatria infantile e giovanile cantonale. Ha poi trovato spazio anche l’Ufficio regionale curatori professionali e dal 1° giugno diventerà la seda della Pro Grigioni italiano (Pgi) sezione Moesano. Pgi che aveva già occupato la Ca’ Rossa in passato assieme ad esempio all’Organizzazione regionale del Moesano, alla scuola dell’infanzia e a quella di musica. È inoltre stata mantenuta la cosiddetta sala degli stucchi, dove si possono celebrare matrimoni civili. «È sempre stata un punto di riferimento a livello regionale e un simbolo del comune. E ora torna a esserlo», sottolinea Censi.

Investimento di 790mila franchi

Ricordiamo che la Ca’ Rossa – di proprietà del Comune di Grono – ha però anche passato momenti più bui. Tra il 2012 e il 2018 è infatti stata sede di diverse società cosiddette bucalettere: l’auspicio era quello di generare un polo tecnico-informatico, ma l’iniziativa ha dato alla luce solo una situazione fortemente ambigua. Nel 2018 è così intervenuto il Municipio che ha dato il via a una collaborazione con la Supsi nell’ambito di uno studio d’architettura d’interni. Da questa esperienza sono così emerse nuove idee relative al futuro dell’edificio. Idee che hanno portato il Municipio a optare per una ristrutturazione degli interni, mantenendo inalterato l’aspetto esterno. Il 31 marzo del 2021 il Consiglio comunale ha dunque approvato il credito di 790mila franchi per la riqualifica della Ca’ Rossa, come proposto dall’esecutivo. In particolare è stato effettuato un risanamento termico dell’edificio: è stato installato un nuovo sistema di riscaldamento (caldaia a pellet) per un investimento di 320mila franchi e sono stati sostituiti i serramenti (135mila franchi). Sono inoltre stati sostituiti i servizi e l’edificio è stato completamente tinteggiato mantenendo il colore attuale delle facciate.

Leggi anche:

Una nuova vita per la Ca' Rossa di Grono

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
1 ora
La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria
Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
Locarnese
2 ore
Centovalli, riaperta la strada
Dopo lo smottamento di martedì sera, i lavori di sgombero sono stati eseguiti e la tratta fra Camedo e il bivio di Palagnedra è di nuovo percorribile
Mendrisiotto
3 ore
Chiasso, per riaprire la piscina è urgente investire
La richiesta di credito ammonta a 582mila franchi e sarà votata il 19 dicembre. Verrà chiesto aiuto ai comuni convenzionati
Ticino
3 ore
In Ticino 1’483 nuovi contagi Covid e cinque decessi
I posti letto occupati da pazienti con Coronavirus sono 141, per un +23% rispetto alla scorsa settimana. Sei i pazienti che si trovano in cure intense
Luganese
12 ore
Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta
Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
12 ore
A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato
Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
Bellinzonese
17 ore
Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie
L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
20 ore
Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito
Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
Luganese
21 ore
Lugano Region: ‘Risultati migliori del previsto’
I pernottamenti del 2022 superano quelli degli anni prepandemici, ma si guarda al 2023 con prudenza. Spaventa in particolare l’inflazione.
Mendrisiotto
21 ore
Arzo: fu tentato omicidio, inflitti sei anni e mezzo di carcere
La Corte di appello e di revisione penale pronuncia una nuova sentenza nei confronti dell’uomo che strinse il collo della moglie fino a farla svenire
© Regiopress, All rights reserved