laRegione
29.04.22 - 17:36
Aggiornamento: 19:50

Cantiere di due anni per aggiornare il tunnel Gei a Mesocco

Lavori al via il 2 maggio: più sicurezza in vista e costi per 14 milioni

cantiere-di-due-anni-per-aggiornare-il-tunnel-gei-a-mesocco

Iniziano il 2 maggio i lavori di sistemazione del tunnel Gei sull’A13 tra Mesocco e San Bernardino. Messo in funzione nel 1967 e parzialmente rinnovato tra gli anni 80 e 90 necessita di interventi di manutenzione lungo i suoi 457 metri. Il progetto prevede il risanamento del calcestruzzo e delle protezioni superficiali dei paramenti, il rinnovo del manto stradale e del sistema di drenaggio e altri aspetti legati alle infrastrutture elettromeccaniche. È pure previsto un nuovo cunicolo di sicurezza di 55 metri che parte a metà del tunnel. Le opere permetteranno un notevole miglioramento della sicurezza nella galleria. Nello stesso cantiere sono inoltre previsti lavori di ristrutturazione e in parte di sostituzione di altri manufatti tra lo svincolo di manutenzione Malabarba e il portale sud del tunnel Gei. L’obiettivo è quello di avere un’infrastruttura stradale libera da interventi per i prossimi 30 anni. Il completamento dei lavori è previsto entro il 2024. Durante il cantiere la galleria sarà chiusa nei giorni lavorativi tra le 22 e le 5 (entrambe le corsie) e il traffico sarà deviato sulla strada cantonale tra lo svincolo di San Bernardino e lo svincolo di manutenzione Malabarba appositamente sistemato. Verranno inoltre evitate le deviazioni in paese durante le vacanze estive e i mesi invernali. I costi del progetto ammontano a circa 14 milioni di franchi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 min
‘In Gendarmeria mancano effettivi’
Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
1 ora
Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda
Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
Ticino
1 ora
Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’
Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
2 ore
Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar
L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
Luganese
2 ore
‘Casinisti’ attenti, a Lugano arriva il ‘rumorometro’
Il nuovo dispositivo, già testato nei primi due mesi di quest’anno, ha lo scopo di ridurre preventivamente il rumore causato dagli automobilisti
Ticino
2 ore
Livelli, Sirica furioso: ‘Speziali inaffidabile e pavido’
Il copresidente Ps critica duramente la ‘sfiducia’ del presidente Plr al messaggio governativo per la sperimentazione del loro superamento alle Medie
Ticino
3 ore
BancaStato crede nelle start-up e investe (altri) 5 milioni
I fondi sono desinati a idee nel digitale, high-tech e biomedicina. Fabrizio Cieslakiewicz: ‘In un periodo di difficoltà crediamo nell’innovazione’
Ticino
3 ore
Diocesi in rosso: previsto deficit di 1,8 milioni
Chiusura del 2021 in negativo di oltre 31mila franchi, ma per il 2023 il deficit di gestione previsto è da capogiro
Bellinzonese
3 ore
Giubiasco, furgone urta un’auto e si rovescia sul fianco
L’incidente è avvenuto nel pomeriggio di oggi attorno alle 13.30. Il bilancio, fornito da Rescue Media, parla di due feriti apparentemente non gravi
Bellinzonese
4 ore
Nuova area Tir di Giornico, molto più di un centro di controllo
Inaugurato il Ccvp: costato 250 milioni, verifica le anomalie dei camion diretti verso il Gottardo. Con lo svincolo opportunità per l’area industriale
© Regiopress, All rights reserved