laRegione
25.02.22 - 18:03
Aggiornamento: 01.03.22 - 19:35

Gli sportivi ciechi sulle nevi di San Bernardino

Le nuove generazioni si sono cimentate nello sci alpino, sci di fondo ed escursioni con le ciaspole

gli-sportivi-ciechi-sulle-nevi-di-san-bernardino
+3

Il Gruppo ticinese sportivi ciechi e ipovedenti (Gtsc) ha festeggiato nel 2021 i suoi primi 45 anni di attività. Fondato da due giovani ciechi con lo scopo di poter coltivare la loro passione per lo sci alpino, da allora grazie a guide formate allo scopo e all’uso di apposite radio è stato possibile portare numerosi ciechi e ipovedenti a praticare questo sport in sicurezza. E allo sci alpino si sono aggiunte altre attività come lo sci di fondo, il tandem, il nuoto, la ginnastica, le escursioni estive e quelle invernali con le racchette da neve. Gli anni passano anche per i fondatori, che oramai non se la sentono più di lanciarsi sulle piste da sci, ma a loro sono seguiti altri sportivi, in un continuo rinnovamento. Il futuro è quindi costituito dalle generazioni più giovani e proprio nell’ottica di avvicinare anche i giovanissimi alle attività del gruppo, sabato 19 febbraio a San Bernardino il Gtsc ha organizzato una giornata rivolta ai giovani in età scolare, portatori di handicap visivo. Con piacere sono state accolte quattro giovani ragazze che hanno potuto avere un assaggio dei tre sport invernali praticati dal gruppo: iniziando con lo sci alpino sugli impianti di Pian Cales, passando poi allo sci di fondo e provando infine a fare qualche passo con le racchette. La giornata è stata coronata da un pieno successo e l’entusiasmo è stato enorme, così come i progressi sportivi delle giovani, pur in un tempo così breve. L’occasione ha permesso alle famiglie di stabilire i primi contatti con il Gtsc che, data l’ottima risposta delle giovani ragazze, sfoceranno senz’altro nella presenza anche in futuro alle attività del gruppo, che impegnano i ciechi e le guide volontarie quasi ogni week-end invernale con uscite in Ticino, Grigioni e altri cantoni limitrofi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
3 ore
Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita
Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
16 ore
La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023
Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
18 ore
Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista
L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
19 ore
Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico
La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
20 ore
Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista
L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
23 ore
A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa
Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
1 gior
Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato
Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
1 gior
“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”
Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
1 gior
Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica
Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
1 gior
La comunità cripto trova casa in centro città
L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
© Regiopress, All rights reserved