laRegione
24.02.22 - 20:29

Aggregazioni, nella Calanca esterna qualcosa si muove

Il Municipio di Santa Maria contrario all’unione con Castaneda e Buseno, che sembrano invece favorevoli a una fusione, strizzando l’occhio a Grono

aggregazioni-nella-calanca-esterna-qualcosa-si-muove

Riemerge, seppur un po’ timidamente, il discorso di un’aggregazione in Valle Calanca, realtà di poco meno di 1’000 abitanti attualmente composta dai Comuni di Calanca (nato nel 2014 dall’unione di Braggio, Arvigo, Selma e Cauco), Rossa, Santa Maria in Calanca, Castaneda e Buseno. Qualcosa si è infatti mosso in Calanca esterna: nell’autunno del 2020 l’assemblea comunale di Santa Maria (località di 115 abitanti), sulla base di una proposta avanzata da alcuni cittadini ha votato a maggioranza di incaricare il locale Municipio di approfondire la possibilità di una fusione con i ‘vicini’ di Castaneda (circa 280 abitanti) e Buseno (90 abitanti). Alla richiesta formulata dall’organo legislativo è seguito un incontro tra i rappresentanti dei tre esecutivi, durante il quale è emersa la disponibilità di Castaneda e Buseno e la contrarietà di Santa Maria all’idea di dare avvio a un processo aggregativo. «Non siamo per una fusione di questo tipo, ma a tempo debito saremmo invece disponibili ad avviare il discorso per un’unione dell’intera Calanca – afferma da noi contattato il sindaco di Santa Maria Francesco Bogana –. Il nostro Municipio è quindi sì interessato a unire le forze, ma questo passo deve essere accompagnato da un progetto più ampio rispetto alla sola Calanca interna per davvero portare benefici alla gente della valle».

Spiegando di non essere un fautore di una fusione dell’intera Calanca, il sindaco di Castaneda Attilio Savioni torna sugli obiettivi dell’incontro di fine 2020: «L’idea del Municipio di Castaneda era sondare il terreno con Buseno e Santa Maria. Dato il parere contrario di Santa Maria, la questione si è un po’ fermata. A Castaneda rimaniamo comunque tranquilli e marciamo ancora sulle nostre gambe. È però un dato di fatto che la popolazione invecchia e la valle si spopola». A titolo personale Savioni non nasconde di strizzare l’occhio a Grono, Comune con una popolazione di 1’430 abitanti situato sul fondovalle all’imbocco della Calanca, che nel 2015 si è unito con Leggia e Verdabbio.

‘A Santa Maria daremo seguito alla volontà dell’assemblea comunale’

Difficile captare informazioni dai sindaci (quello di Buseno, Romolo Giulietti, non ha voluto rilasciare dichiarazioni) circa le intenzioni dei tre Comuni alla luce delle posizioni diverse. Di certo, afferma contattato dalla ‘Regione’ Renzo Baranzini, «a Santa Maria si darà seguito alla volontà espressa dalla maggioranza dell’assemblea comunale. Il nostro Municipio – aggiunge Baranzini – teme che un’aggregazione a tre significhi il primo passo verso una successiva unione con Grono, mentre il gruppo di cittadini che ho rappresentato con il mio intervento all’assemblea comunale crede invece che sarebbe auspicabile una fusione con Buseno e Castaneda. Questo perché siamo Comuni di montagna, abbiamo esigenze e prospettive diverse rispetto al piano e quindi rispetto a Grono. Non siamo invece favorevoli a una fusione di tutta la Calanca – aggiunge –, perché la superficie da gestire sarebbe enorme. Le risorse non basterebbero per fare un adeguato lavoro di pianificazione e gestione del territorio». Nei prossimi mesi, continua Baranzini, «scriveremo al Municipio di Santa Maria: innanzitutto, visto che non ci sono più state assemblee comunali, per conoscere l’esito dell’incontro tra i tre Municipi dal momento che i cittadini non sono stati informati ufficialmente. E poi perché riteniamo che il discorso non sia terminato ma che vada invece rilanciato». Baranzini annuncia che sta preparando una presentazione da esporre alla popolazione in occasione di una futura serata pubblica.

Rossa: ‘Al momento l’aggregazione non è una prorità’

Qual è invece la posizione in Calanca interna, ovvero dei Comuni di Rossa e Calanca? Sollecitato sul tema, in cima alla valle si mostra un po’ freddo il sindaco di Rossa Graziano Zanardi. «Premettendo che non siamo stati coinvolti all’incontro fatto dai tre comuni della Calanca esterna, la situazione si può definire in stand by. All’interno del nostro Municipio non abbiamo discusso di fusioni poiché non riteniamo questa via una priorità nell’immediato. Finanziariamente stiamo bene: Rossa ha fatto e farà i suoi investimenti e ha in previsione ancora diversi progetti per migliorare la qualità di vita, ha un tasso fiscale pari all’80% e il contributo sulla sostanza più basso di tutta la regione. Attualmente contiamo 156 abitanti, frutto dell’aumento demografico di quasi il 40% registrato nell’ultimo decennio; il più marcato di tutta la regione Moesa. Nuove persone si sono inoltre messe a disposizione in politica». Ribadendo che al momento non vede l‘urgenza di dover unire le forze, per Zanardi sarebbe innanzitutto interessante prendersi il tempo necessario per avviare uno studio e mettere nero su bianco obiettivi, progetti, necessità, possibilità di sviluppo e rilancio dell’intera valle. «Credo che un passo importante come una fusione non debba essere dettato dalle necessità o dai desideri di Coira (che auspica una fusione di valle, ndr), ma quanto dalle reali opportunità per la nostra regione».

Comune di Calanca: il sindaco Theus lascerà la politica a fine legislatura

Prima municipale, poi vicesindaco e dal novembre 2019 sindaco di Calanca, Anton Theus annuncia che chiuderà con la politica al termine dell’attuale legislatura. «Dubito che per quanto riguarda il tema delle fusioni succederà qualcosa nel giro di un anno. Il mio auspicio per l’intera Calanca è chi si possa dare avvio a discussioni serie. Credo che una aggregazione di valle, senza però sconfinare in Mesolcina, sarebbe una cosa positiva e porterebbe benefici in particolare in termini di persone che si mettono a disposizione per la cosa pubblica».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
39 min
Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’
Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
2 ore
Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’
Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
3 ore
Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia
Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Ticino
4 ore
Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà
Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
5 ore
Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole
Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
5 ore
Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps
A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Ticino
6 ore
Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’
Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Luganese
7 ore
Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace
Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
7 ore
Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio
I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
8 ore
Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio
Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
© Regiopress, All rights reserved