laRegione
municipale-di-mesocco-minaccio-due-agenti-reato-confermato
‘Ve la farò pagare’ è una delle frasi pronunciate (Ti-Press)
09.02.22 - 17:26
Aggiornamento: 17:45

Municipale di Mesocco minacciò due agenti, reato confermato

Il Tribunale federale conferma che l’uomo intimorì due poliziotti e due funzionari durante un’inchiesta nel 2010 per reati nell’ambito della caccia

Il Tribunale federale (Tf) ha confermato la condanna per minaccia inflitta al municipale di Mesocco Devis a Marca, patrocinato dall’avvocato Tuto Rossi. I giudici di Losanna a fine gennaio hanno infatti respinto il ricorso nel quale l’ex presidente della Lega dei Mesolcinesi e già candidato al Gran Consiglio ticinese nel 2015 e 2019 chiedeva di annullare la sentenza del Tribunale cantonale dei Grigioni e quindi di proscioglierlo da questa imputazione.

I fatti sono avvenuti nel 2010, quando nei confronti del già allora municipale di Mesocco era stato avviato un procedimento penale per reati nell’ambito della caccia (aveva abbattuto illegalmente alcuni ungulati). Durante l’inchiesta aveva quindi detto a due poliziotti e due guardiacaccia: “Se pensate di passarla liscia ve la farò pagare, tanto non ho più niente da perdere”, “quando entro in un bosco e c’è un selvatico non esco senza” e “state bene attenti”. Nel 2012 il Tribunale distrettuale Moesa lo aveva quindi condannato per violazione della legge sulla caccia (pena pecuniaria di 60 aliquote giornaliere di 60 franchi ciascuna, sospesa condizionalmente per un periodo di prova di tre anni e multa di 1’000 franchi), ma prosciolto dall’accusa di violenza o minaccia contro le autorità e i funzionari. Tuttavia uno dei poliziotti ha in seguito presentato appello dinanzi al Tribunale cantonale dei Grigioni, chiedendo che a Marca venisse condannato per minaccia. Appello che è poi stato accolto nel 2019. Nel 2020 l’attuale municipale ha presentato ricorso al Tf che lo ha però respinto.

I giudici di Losanna hanno infatti confermato le considerazioni della Corte cantonale: con le frasi pronunciate a Marca ha annunciato al poliziotto in questione “che avrebbe potuto subire un pregiudizio grave, alludendo altresì all’utilizzo delle armi da fuoco nell’ambito della caccia”. Un comportamento che ha quindi “intimorito” il poliziotto che si è sentito “turbato nel suo sentimento di sicurezza”. In altre parole si tratta di una minaccia.

Visto che l’imputato non è stato prosciolto, il Tf ha anche respinto la richiesta di un’indennità di circa 47mila franchi per le spese legali sostenute per la sua difesa, oltre a un risarcimento di 6’000 franchi quale riparazione del torto morale. Il ricorrente dovrà, anzi, pagare 3’000 franchi per le spese giudiziarie e altri 3’000 franchi di indennità al poliziotto a titolo di ripetibili della sede federale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
devis a marca mesocco minaccia ricorso respinto tribunale federale
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
18 ore
Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud
Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
22 ore
Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti
Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
1 gior
È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio
L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
1 gior
A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’
Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
1 gior
InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’
Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior
Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave
Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior
Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino
Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior
Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’
Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior
Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo
Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior
Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni
Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
© Regiopress, All rights reserved