laRegione
grono-messa-in-sicurezza-della-calancasca-con-cariche-esplosive
Il luogo dove saranno sparate le mine
11.01.22 - 15:46
Aggiornamento : 16:42

Grono, messa in sicurezza della Calancasca con cariche esplosive

Una decina di botti saranno udibili in buona parte dell’abitato tra metà gennaio e inizio marzo

Tra metà gennaio e inizio marzo gli abitanti di Grono dovranno convivere con il rumore provocato da una decina di esplosioni dovute ai lavori (iniziati a dicembre) di manutenzione e di messa in sicurezza del fiume Calancasca. Interventi che in questo periodo “si concentreranno in particolare sulle opere di sbancamento dell’alveo in roccia a monte della Mater Christi”, si legge in un comunicato diffuso dal Municipio. E “l’abbassamento dell’alveo avverrà con l’utilizzo di cariche esplosive”. L’esecutivo fa poi notare che il rumore delle esplosioni “sarà amplificato dalla conformazione della Calancasca all’apice del conoide che fungerà da cassa di risonanza” e potrà quindi essere udito “in buona parte dell’abitato di Grono”.

Chiusure temporanee di un sentiero e una strada

In ogni caso durante i lavori – eseguiti da personale qualificato sotto la stretta sorveglianza di un geologo incaricato dal Municipio – “saranno strettamente rispettate le normative in vigore per quanto concerne l’utilizzo di esplosivo, affinché la sicurezza di persone e cose sia sempre garantita”. In questo contesto, “prima dei brillamenti sarà vietato l’accesso in un raggio di circa 100 metri, ciò che comporterà la chiusura temporanea del sentiero che collega Grono a Nadro”. Anche la strada per la Calanca rimarrà brevemente chiusa “in corrispondenza del tornante nel momento del brillamento”. Queste chiusure temporanee saranno debitamente segnalate.

Le esplosioni saranno preannunciate con 5 suoni prolungati

Il Municipio ricorda infine che “l’imminente accensione delle mine verrà preannunciata con 5 suoni prolungati (primo segnale, avviso di brillamento), seguiti da 3 suoni brevi (secondo segnale, innesco-sparo). Il cessato pericolo verrà dato con 1 suono prolungato (terzo segnale, fine del brillamento)”. I tre segnali saranno udibili solo nella parte alta dell’abitato di Grono.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
calancasca esplosioni grono lavori
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Incidente con un ferito a Bioggio
Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
2 ore
In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano
Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
7 ore
Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna
I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
7 ore
Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’
La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
12 ore
Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’
La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà ch si è rivelato fondamentale’
Luganese
12 ore
Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’
Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
13 ore
Tegna, ladri s’intrufolano nelle case
Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
13 ore
Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto
Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
13 ore
Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano
Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
21 ore
Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum
Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
© Regiopress, All rights reserved