laRegione
grigioni-test-ripetuti-solo-in-strutture-di-cura-e-assistenza
Keystone
10.01.22 - 14:36
Aggiornamento : 14:56

Grigioni, test ripetuti solo in strutture di cura e assistenza

L’altissimo numero di contagi e la conseguente pressione sui laboratori induce il governo retico a concentrare i test nei settori essenziali

A causa della rapidissima diffusione della variante Omicron del coronavirus il Canton Grigioni si vede costretto a rivedere la sua strategia dei test. Il Governo ha infatti deciso di concentrare fino a nuovo avviso i test ripetuti nelle strutture sanitarie e di assistenza, nelle scuole dell’infanzia nonché nelle prime e seconde classi elementari.

Con il numero crescente di gruppi positivi aumenta anche la necessità di effettuare test di conferma, scrivono le autorità retiche in una nota odierna. A causa delle limitate capacità dei laboratori, l’analisi dei risultati dei tamponi comporta tempi d’attesa superiori alle 48 ore.

Se il periodo che intercorre tra la consegna del campione e la disponibilità del risultato definitivo con corrispondente isolamento non può essere ridotto in modo importante, i test ripetuti perdono il loro scopo originario. Le catene di contagio non possono più essere interrotte in modo efficace, deplora il Governo retico.

A seguito dell’ulteriore diffusione di Omicron, nelle prossime settimane è da attendersi un aumento delle persone sintomatiche, fatto che comporterà un sovraccarico per i laboratori.

Programma sospeso fino a nuovo avviso

Per tali ragioni, l’esecutivo grigionese ha deciso che a partire dalle ore 12:00 di domani saranno sospesi i test ripetuti nelle aziende e nelle scuole (salvo in quelle dell’infanzia e in prima e seconda elementare), precisano ancora le autorità cantonali.

I test verranno mantenuti nei settori seguenti: ospedali, cliniche, offerte per la cura e l’assistenza stazionarie a pazienti lungodegenti e persone anziane, servizi di cura e assistenza a domicilio (Spitex), studi medici, dentistici, di fisioterapia, farmacie, centri abitativi per persone disabili, strutture residenziali per bambini e adolescenti, strutture di custodia collettiva diurna e penitenziari.

Il Governo retico precisa ancora che ai test ripetuti nelle aziende partecipano attualmente circa 4’243 imprese e circa 66’022 dipendenti, e che nel mese di dicembre 2021 sono stati effettuati circa 30’000 tamponi a settimana. Inoltre, 157 istituti e circa 20’000 tra allievi e insegnanti hanno partecipato ai test regolari nelle scuole.

Strumento efficace

I test settimanali nelle scuole e facoltativi nelle aziende “sono finora stati uno strumento efficace per identificare una parte importante della popolazione mobile asintomatica e per interrompere così in modo tempestivo le catene di contagio”.

La strategia “test anziché quarantena” ha permesso ai contatti di persone risultate positive di continuare a recarsi al lavoro grazie ai tamponi ripetuti nelle aziende. In questo modo è stato possibile ridurre il danno finanziario per l’economia causato dall’assenza di personale. Nelle scuole è stato invece possibile evitare focolai di Covid-19 e mantenere l’attività scolastica in presenza, sottolinea ancora Coira.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
grigioni test covid test ripetuti
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
Incidente con un ferito a Bioggio
Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
3 ore
In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano
Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
8 ore
Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna
I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
8 ore
Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’
La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
13 ore
Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’
La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
13 ore
Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’
Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
14 ore
Tegna, ladri s’intrufolano nelle case
Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
14 ore
Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto
Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
14 ore
Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano
Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
22 ore
Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum
Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
© Regiopress, All rights reserved