laRegione
05.01.22 - 12:47
Aggiornamento: 18:05

La ristorazione grigionese a corto di personale causa Omicron

A causa di numerosi dipendenti malati alcune strutture hanno dovuto chiudere o ridurre l’attività. C’è comunque ottimismo per le prime vacanze sportive

Ats, a cura de laRegione
la-ristorazione-grigionese-a-corto-di-personale-causa-omicron
Keystone

Gli alberghi e i ristoranti grigionesi si trovano a corto di personale. L’ondata della variante Omicron ha causato la chiusura parziale o totale di alcune strutture. Hotelleriesuisse Grigioni prevede una “situazione al cardiopalma” per tutto l’inverno.

“Il problema è molto serio”, ha detto il presidente di Hotelleriesuisse Grigioni Ernst Aschi Wyrsch, in risposta alle varie notizie dei media sulla carenza di personale. Il settore aveva già iniziato la stagione con organici ridotti per problemi di reclutamento legati al coronavirus. Ora questi contagi da covid si sommano alle solite malattie invernali.

Nel medesimo tempo, l’industria alberghiera ha registrato un aumento del 20% di ospiti rispetto all’anno precedente. Questo “cocktail” ha impedito al settore di poter funzionare a pieno regime. Secondo Wyrsch, sono poche le strutture che hanno dovuto prendere la decisione di chiudere. Altre sono però state costrette ad annullare eventi importanti come le feste di Capodanno.

Si chiede di abbreviare il periodo di quarantena

Economicamente la situazione non è ancora drammatica. In termini di fatturato il mese di dicembre è risultato molto positivo. Ora, in gennaio, ci troviamo in un periodo più tranquillo.

A questo punto sarà determinante che gli effettivi del personale degli alberghi possano essere rimpolpati adeguatamente in vista dell’ultima decade del mese di gennaio. “se non dovesse essere possibile, gli alberghi ne subirebbero conseguenze molto serie", ha evidenziato il presidente del settore alberghiero retico, aggiungendo che "vivremo una stagione invernale costantemente al cardiopalma”.

Hotelleriesuisse Grigioni chiede a questo punto la riduzione del periodo di quarantena a cinque giorni e l’isolamento a sette giorni. In questo modo, potrebbero essere diminuite le assenze del personale. “Questo ci aiuterebbe molto”, ha sottolineato Wyrsch.

Ottimismo presso GastroGrigioni

Per il presidente di GastroGrigioni Franz Caluori la situazione non è così drammatica. Nel settore della ristorazione la variante Omicron è presente ovunque. Secondo Caluori, sono dodici i ristoranti grigionesi che hanno dovuto chiudere a causa del personale assente per malattia. Numerose strutture hanno invece limitato parte delle loro attività a causa di uno scarso effettivo di personale. Il problema si presenta in tutto il cantone, in modo più acuto in Engadina e a Davos.

“La situazione non è tuttavia terribile", ha spiegato Caluori all’agenzia di stampa Keystone-ATS. "Sta accadendo proprio nel momento più opportuno, quando la stagione natalizia è terminata e il numero di ospiti è diminuito. Dal punto di vista economico le chiusure attuali sono quindi sostenibili”.

Per quanto riguarda il resto della stagione invernale, il presidente di GastroGrigioni si dichiara ottimista: “Tra due settimane, in occasione delle prime vacanze sportive, dovremo affrontare la prossima sfida. Per allora, l’ondata Omicron dovrebbe placarsi e permetterci una buona ripartenza”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Le sirene d’allarme suoneranno l’1 febbraio per il test annuale
La consueta prova dei dispositivi di allarme avverrà a partire dalle 13:30. La comunicazione ufficiale anche in lingua ucraina per non suscitare paure
Bellinzonese
1 ora
Fatturato record nel 2022 per Interroll: crescita del 4%
Buon risultato per l’azienda di Sant’Antonino. Malgrado un sensibile calo di nuove commesse, c’è ottimismo per l’anno in corso
Mendrisiotto
6 ore
Nasce a Chiasso l’associazione che promuove lo Street food
Professionisti del settore uniscono le forze per organizzare eventi in tutto il Cantone a partire dalla primavera
Locarno
6 ore
La città cresce. Il Municipio vuole un ‘Programma di azione’
Palazzine in costruzione e progetti per decine di appartamenti, tra rischi e opportunità. L’analisi del capo dicastero sviluppo economico e territoriale
Luganese
14 ore
A Tresa nasce un progetto di reinserimento sociale
Municipio e servizio sociale coinvolgono le aziende per creare opportunità di stage, lavori temporanei o di lunga durata per i giovani in assistenza
Ticino
18 ore
Formazione bilingue, studenti friburghesi nei licei ticinesi
Dopo i cantoni di Berna e Vaud, un nuovo progetto per rafforzare il plurilinguismo
Ticino
19 ore
Si torna a fare il pieno in Ticino
Prezzi benzina: dopo il taglio delle accise in Italia, i frontalieri, e non solo loro, riappaiono nei distributori al di qua del confine
Luganese
19 ore
Bioggio, scontro tra due auto alla rotonda
Un ferito leggero e ingenti danni materiali ai due veicoli coinvolti il bilancio del sinistro tra via Strada Regina e via Longa
Luganese
19 ore
Ricerca di persona sopra Caslano, operazione conclusa
Nelle ricognizioni era stata impegnata la Rega, intervenuta anche con un elicottero con termocamera e visore notturno
Grigioni
20 ore
Il Parco Val Calanca è realtà
Le assemblee comunali di Rossa, Calanca, Buseno e Santa Maria hanno detto di sì con rispettivamente il 100%, il 76%, il 90% e il 100% dei voti
© Regiopress, All rights reserved