laRegione
la-ristorazione-grigionese-a-corto-di-personale-causa-omicron
Keystone
05.01.22 - 12:47
Aggiornamento : 18:05

La ristorazione grigionese a corto di personale causa Omicron

A causa di numerosi dipendenti malati alcune strutture hanno dovuto chiudere o ridurre l’attività. C’è comunque ottimismo per le prime vacanze sportive

Ats, a cura de laRegione

Gli alberghi e i ristoranti grigionesi si trovano a corto di personale. L’ondata della variante Omicron ha causato la chiusura parziale o totale di alcune strutture. Hotelleriesuisse Grigioni prevede una “situazione al cardiopalma” per tutto l’inverno.

“Il problema è molto serio”, ha detto il presidente di Hotelleriesuisse Grigioni Ernst Aschi Wyrsch, in risposta alle varie notizie dei media sulla carenza di personale. Il settore aveva già iniziato la stagione con organici ridotti per problemi di reclutamento legati al coronavirus. Ora questi contagi da covid si sommano alle solite malattie invernali.

Nel medesimo tempo, l’industria alberghiera ha registrato un aumento del 20% di ospiti rispetto all’anno precedente. Questo “cocktail” ha impedito al settore di poter funzionare a pieno regime. Secondo Wyrsch, sono poche le strutture che hanno dovuto prendere la decisione di chiudere. Altre sono però state costrette ad annullare eventi importanti come le feste di Capodanno.

Si chiede di abbreviare il periodo di quarantena

Economicamente la situazione non è ancora drammatica. In termini di fatturato il mese di dicembre è risultato molto positivo. Ora, in gennaio, ci troviamo in un periodo più tranquillo.

A questo punto sarà determinante che gli effettivi del personale degli alberghi possano essere rimpolpati adeguatamente in vista dell’ultima decade del mese di gennaio. “se non dovesse essere possibile, gli alberghi ne subirebbero conseguenze molto serie", ha evidenziato il presidente del settore alberghiero retico, aggiungendo che "vivremo una stagione invernale costantemente al cardiopalma”.

Hotelleriesuisse Grigioni chiede a questo punto la riduzione del periodo di quarantena a cinque giorni e l’isolamento a sette giorni. In questo modo, potrebbero essere diminuite le assenze del personale. “Questo ci aiuterebbe molto”, ha sottolineato Wyrsch.

Ottimismo presso GastroGrigioni

Per il presidente di GastroGrigioni Franz Caluori la situazione non è così drammatica. Nel settore della ristorazione la variante Omicron è presente ovunque. Secondo Caluori, sono dodici i ristoranti grigionesi che hanno dovuto chiudere a causa del personale assente per malattia. Numerose strutture hanno invece limitato parte delle loro attività a causa di uno scarso effettivo di personale. Il problema si presenta in tutto il cantone, in modo più acuto in Engadina e a Davos.

“La situazione non è tuttavia terribile", ha spiegato Caluori all’agenzia di stampa Keystone-ATS. "Sta accadendo proprio nel momento più opportuno, quando la stagione natalizia è terminata e il numero di ospiti è diminuito. Dal punto di vista economico le chiusure attuali sono quindi sostenibili”.

Per quanto riguarda il resto della stagione invernale, il presidente di GastroGrigioni si dichiara ottimista: “Tra due settimane, in occasione delle prime vacanze sportive, dovremo affrontare la prossima sfida. Per allora, l’ondata Omicron dovrebbe placarsi e permetterci una buona ripartenza”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
grigioni omicron ristorazione grigionese
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Incidente con un ferito a Bioggio
Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
2 ore
In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano
Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
7 ore
Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna
I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
8 ore
Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’
La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
12 ore
Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’
La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà ch si è rivelato fondamentale’
Luganese
12 ore
Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’
Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
13 ore
Tegna, ladri s’intrufolano nelle case
Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
13 ore
Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto
Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
13 ore
Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano
Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
21 ore
Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum
Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
© Regiopress, All rights reserved