laRegione
a-mesocco-la-selvaggina-potra-passare-inverni-piu-tranquilli
L’accesso a due porzioni di territorio nella regione del San Bernardino sarà limitato (Ti-Press)
laR
 
05.01.22 - 05:15

A Mesocco la selvaggina potrà passare inverni più tranquilli

Dalla prossima stagione fredda sarà vietato accedere a due zone nella regione del San Bernardino, così da evitare di disturbare la fauna selvatica

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

La bellezza del territorio della Svizzera italiana invoglia sempre più persone ad approfittarne svolgendo sempre di più attività all’aperto, anche d’inverno. Un boom che con la pandemia si è addirittura accentuato provocando da una lato la felicità del settore turistico, ma dall’altro anche un disturbo maggiore alla fauna selvatica, in particolare nelle zone di montagna. Se n’è reso conto anche il Comune grigionese di Mesocco che ha quindi deciso di varare una nuova legge – approvata nella sua forma attuale dal Consiglio comunale lo scorso 14 dicembre – per tutelare la quiete della selvaggina nel periodo invernale, introducendo delle zone di tranquillità sul territorio, nella regione di San Bernardino. Regione nella quale ogni anno arrivano sempre più «turisti che potenzialmente possono recare disturbo agli animali selvatici che necessitano invece di poter passare la stagione fredda, senza essere disturbati dalle attività umane», afferma a ‘laRegione’ il sindaco Christian De Tann. Concretamente dal 20 dicembre al 15 aprile le cosiddette zone di tranquillità per la fauna selvatica non saranno accessibili al pubblico. Inoltre, durante questo periodo sarà proibito il sorvolo delle zone in questione con droni, parapendii o deltaplani. La legge verrà applicata per la prima volta durante il prossimo inverno, visto che entrerà in vigore con la posa dell’apposita segnaletica che dovrebbe avvenire «durante l’estate».

L’ospizio del Passo resterà accessibile

Di fatto si andrà quindi a limitare le escursioni da parte dei visitatori, ma solo in due porzioni di territorio delimitate nella regione del San Bernardino: quella del Sas de la Golp, nella zona del Passo, che «è attualmente un po’ più frequentata» rispetto a quella Motón, spiega De Tann. Tuttavia, «la legge non andrà a limitare il raggiungimento dell’ospizio sul Passo dove si potrà ancora arrivare tranquillamente con la strada o grazie al sentiero per racchette da neve».


Le zone inaccessibili dalla prossima stagione fredda nella regione del San Bernardino

In realtà la legge prevede che la possibilità di accedere alle zone di tranquillità per la fauna selvatica, ma solo “sui percorsi predisposti e descritti” nella normativa. Il punto è che nelle due zone in questione non vi sono sentieri e quindi di fatto l’accesso è vietato nel periodo in questione. Ma se in futuro saranno definite «altre zone di questo tipo sul territorio nelle quali sono presenti dei sentieri, questi ultimi potranno quindi essere utilizzati». In ogni caso sono comunque autorizzati ad accedere a queste zone i soccorritori, i guardiani della selvaggina e gli addetti comunali.

‘Un’opportunità’ anche per il turismo

Ma l’Ente turistico regionale del Moesano come vede questa limitazione? «Anche l’Ente turistico, con cui abbiamo discusso, reputa questa legge come un’opportunità per informare e far conoscere ai visitatori la fauna selvatica che vive sul nostro territorio», sottolinea il sindaco. «L’offerta turistica sarà quindi addirittura arricchita e non limitata. Infatti, con questa legge intendiamo valorizzare il territorio e gli esseri viventi che ne fanno parte, tutelando la selvaggina». Inoltre, prima che la legge verrà applicata, «la popolazione e i visitatori saranno debitamente informati. E questa sarà anche l’occasione per sensibilizzare le persone, facendo loro conoscere la selvaggina che vive sulle nostre montagne».

Multe fino a 1’000 franchi

Ovviamente saranno anche previsti dei controlli e per chi sgarra la legge prevede multe da 100 a 1’000 franchi. In casi lievi è però previsto anche solo un ammonimento. Verosimilmente l’inverno prossimo, le autorità agiranno prevalentemente in quest’ultimo modo, visto che una nuova normativa impone anche una certa tolleranza: «All’inizio vi saranno probabilmente solo ammonimenti per chi si trova in queste zone senza autorizzazioni», precisa De Tann. «Oltre a informare la popolazione, spiegheremo anche la situazione a chi non è ancora a conoscenza della nuova legge».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
christian de tann fauna selvatica legge mesocco selvaggina zone tranquillità
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
Incidente con un ferito a Bioggio
Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
2 ore
In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano
Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
8 ore
Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna
I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
8 ore
Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’
La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
12 ore
Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’
La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
12 ore
Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’
Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
14 ore
Tegna, ladri s’intrufolano nelle case
Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
14 ore
Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto
Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
14 ore
Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano
Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
21 ore
Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum
Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
© Regiopress, All rights reserved