laRegione
predazioni-a-mesocco-bisogna-garantire-il-giusto-equilibrio
Ti-Press
Ovini vittime di un predatore
04.01.22 - 15:33
Aggiornamento : 17:56

Predazioni a Mesocco: ‘Bisogna garantire il giusto equilibrio’

Due pecore sono state sbranate verosimilmente da un lupo. Il sindaco Chiristian De Tann: ‘È necessario tutelare la fauna ma anche le attività umane’

Nella notte tra lunedì e martedì scorsi verosimilmente un lupo – come ha riferito la Rsi – avrebbe sbranato due pecore nei pressi di una stalla di Mesocco. Sono ora in corso le analisi genetiche per stabilire se l’attacco sia effettivamente stato effettuato da questo predatore, ma sembrerebbero non esserci molti dubbi. «È giusto che si tuteli la fauna, ma è anche giusto salvaguardare le attività umane che vengono svolte sul nostro territorio», afferma da noi contattato il sindaco del Comune grigionese Christian De Tann. Ritiene quindi che sia necessario «garantire il giusto equilibrio» nella gestione del lupo, rispettando da un lato gli animali, grandi predatori compresi, ma dall’altro anche la popolazione e in particolare i contadini. Un equilibrio che secondo il sindaco attualmente non c’è e che ha portato il Municipio a scrivere, lo scorso mese di luglio, una lettera alla consigliera federale Simonetta Sommaruga chiedendo alla Confederazione “di reagire con tempestività e immediatezza nel contrastare una situazione che, se incontrollata come, di fatto, è attualmente, porterà a un irreversibile impoverimento del nostro patrimonio e delle nostre tradizioni legate alla gestione delle alpi”. In altre parole il sindaco auspica che si lasci «maggiore margine di manovra all’Ufficio caccia e pesca per poter intervenire in modo opportuno». Il problema è infatti, secondo De Tann, che in passato la Confederazione ha respinto più volte all’ufficio cantonale preposto la richiesta di agire. Ufficio nel quale lavorano professionisti del settore che «sanno come intervenire e come gestire questo grande predatore».

Leggi anche:

Lupo e predazioni, Mesocco scrive a Simonetta Sommaruga

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
christian de tann lupo mesocco
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Incidente con un ferito a Bioggio
Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
1 ora
In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano
Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
7 ore
Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna
I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
7 ore
Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’
La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
12 ore
Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’
La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà ch si è rivelato fondamentale’
Luganese
12 ore
Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’
Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
13 ore
Tegna, ladri s’intrufolano nelle case
Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
13 ore
Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto
Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
13 ore
Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano
Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
21 ore
Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum
Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
© Regiopress, All rights reserved