laRegione
22.04.21 - 19:18
Aggiornamento: 19:49

Mater Christi di Grono, lascia la direttrice appena nominata

Entrata in funzione lo scorso primo febbraio, Claudia Collu Ponzio ha rassegnato le dimissioni per fine aprile, al termine dei tre mesi di prova

mater-christi-di-grono-lascia-la-direttrice-appena-nominata
Ti-Press
La casa per anziani di Grono

Non c’è pace alla Mater Christi di Grono, la casa per anziani mesolcinese che nelle scorse settimane aveva fatto parlare di sé per una serie di tagli al personale. Tagli dovuti al calo degli ospiti degenti. A fine gennaio erano occupati solo 36 posti su 50. Dopo nemmeno tre mesi dall’entrata in carica, la direttrice Claudia Collu Ponzio ha rassegnato le dimissioni per la fine di aprile, quando scadrà il periodo di prova. Lo ha comunicato essa stessa ai collaboratori con una lettera di commiato. Il consiglio di fondazione, così come lo staff di direzione della Mater Christi, sono stati messi al corrente della decisione della dirigente. Ricordiamo che prima di lei, dirigeva la casa per anziani di Grono, Marco Chiesa, consigliere agli Stati ticinese che aveva lasciato perché nel frattempo aveva assunto anche la presidenza nazionale dell’Udc. 

Alla fine di gennaio si era saputo che ad alcuni collaboratori della Mater Christi era stato chiesto di ridurre il grado di occupazione, ad altri invece addirittura la cessazione del rapporto di lavoro a causa della sottoccupazione della struttura. Sottoccupazione e situazione finanziaria critica, spiegava il presidente del consiglio di fondazione Riccardo Tamoni, direttamente legata alla crisi pandemica che ha causato una forte contrazione dell’occupazione dei letti. Il preventivo per il 2021 ipotizza inoltre un disavanzo di 400 mila franchi. Senza risparmi, si giustificava Tamoni, si rischia il fallimento.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
49 min
Vaccinazioni di richiamo autunnali in Ticino dall’11 ottobre
Le informazioni sono già disponibili sul sito ufficiale dedicato alle vaccinazioni www.ti.ch/vaccinazione
Locarnese
1 ora
A13 Quartino: invece del triangolo, rotonda e semaforo
La novità viaria decisa da Ustra e Cantone per ragioni ambientali e legali. Promessi monitoraggio e perfezionamenti
Locarnese
1 ora
Minusio, sfruttare l’acqua di falda (o lacustre) per riscaldare
Lo suggerisce una mozione presentata dall’Usi che invita il Municipio a seguire analoghi esempi studiati altrove
Ticino
3 ore
‘Si allarghino le fasce di reddito per i sussidi cassa malati’
L’iniziativa del Ps e i due rapporti allestiti saranno al centro della prossima seduta della Commissione parlamentare sanità e sicurezza sociale
Ticino
3 ore
I 25 anni della Supsi secondo Gervasoni, tra successi e futuro
L’importanza della formazione professionale, i ricordi di quell’acronimo che faceva sorridere e ora è un’istituzione, gli obiettivi da raggiungere (tanti)
Luganese
6 ore
Mezzovico: lite fra giovani degenera, interviene il... papà
Condannato per vie di fatto un 57enne che, durante un alterco fra il figlio e alcuni coetanei (fra cui la ex), ha tirato quattro sberle a tre dei ragazzi
Bellinzonese
6 ore
Necessari 45 milioni per il nuovo Ior a Bellinzona
Studio di fattibilità concluso: oltre ai 12 laboratori sono previsti una mensa e un auditorium, e forse anche un asilo nido per i figli dei ricercatori
Locarno
13 ore
Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole
Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
16 ore
Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’
A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
16 ore
Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’
La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
© Regiopress, All rights reserved