laRegione
una-nuova-vita-per-la-ca-rossa-di-grono
Monumento storico di importanza nazionale
laR
 
23.03.21 - 05:30
Aggiornamento: 17:26

Una nuova vita per la Ca' Rossa di Grono

Il Muncipio chiede 790mila franchi per il risanamento dell'edificio storico. In estate si insedieranno già due Uffici del Canton Grigioni.

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Quasi 800mila franchi per la riqualifica della Ca' Rossa di Grono. «Un passo importante per un edificio storico del nostro Comune», afferma a 'laRegione' il sindaco Samuele Censi, sottolineando che, parallelamente, già a partire da questa estate la struttura diventerà sede di due Uffici del Canton Grigioni. E questo «andrà a beneficio della sostenibilità del progetto a livello finanziario», essendo la struttura di proprietà del Comune. Un segnale che dovrebbe pure facilitare la decisione del Consiglio comunale che si esprimerà sul credito per il risanamento mercoledì 31 marzo. In caso di approvazione, «i lavori inizieranno il prima possibile per poi terminare verosimilmente entro l'autunno», precisa Censi.

La Ca' Rossa di Grono – risalente al 1721 e inserita nella lista degli edifici protetti, perché ritenuta un monumento storico di importanza nazionale – ha fatto più volte più volte parlare di sè in passato. Da un lato perché è gia stata sede ad esempio dell'Organizzazione regionale del Moesano, della Pro Grigioni italiano, dell'Ufficio di collocamento, della scuola dell'infanzia e di quella di musica. Dall'altro perché tra il 2012 e il 2018 – dopo che il Consiglio comunale aveva deciso di non vendere la proprietà, nonostante le difficoltà finanziarie – è stata sede di diverse società bucalettere: l'auspicio era quello di generare un polo tecnico-informatico, ma l'iniziativa ha dato alla luce solo una situazione fortemente ambigua. Nel 2018 «abbiamo quindi voluta dare un segnale forte per cercare di arginare questo fenomeno», spiega Censi, ricordando tuttavia che sul territorio del Comune vi sono anche molte altre società «che si comportano egregiamente». Tre anni fa il Municipio ha così dato il via a una collaborazione con la Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (Supsi) nell'ambito di uno studio d'architettura d'interni. «È stata un'esperienza molto positiva dalla quale sono emerse anche nuove idee che hanno funto da spunto per il concetto di risanamento proposto dal Municipio».

Un nuovo sistema di riscaldamento

Il progetto prevede degli interventi interni, mantenendo inalterato l'aspetto esterno dell'edificio. Concretamente, l'investimento più importante (320mila franchi) è previsto per un nuovo sistema di riscaldamento. In questo caso si presterà “particolare attenzione ai locali in cui sono presenti affreschi e/o rivestimenti pregati”, si legge nel messaggio del Municipio inerente alla richiesta di credito pari a 790mila franchi. In queste sale “saranno previste delle specifiche soluzioni impiantistiche (impianti ad aria ricircolata). Sempre nell'ottica di un risanamento termico è poi prevista la sostituzione dei serramenti (135mila franchi). Finestre, porte e portoni in legno “saranno verniciati riprendendo le caratteristiche di quelli esistenti”. Saranno poi sostituiti i servizi, dei quali “saranno rifatti sia i pavimenti sia i rivestimenti”. Infine l'edificio sarà tinteggiato completamente, mantenendo il colore attuale delle facciate, e “si prevede pure di controllare e sistemare gli affreschi ed i rivestimenti in legno danneggiati”. Anche i piazzali esterni saranno sistemati. 

Due Uffici cantonali ed eventi culturali

«Parallelamente al progetto di riqualifica, abbiamo ricevuto la conferma che due Uffici cantonali si insedieranno nella Ca' Rossa», rileva Censi. L'intero secondo piano e parte del primo, dal 1 luglio diventeranno dunque sede della Fondazione servizio ortopedagocico dei Grigioni e dei Servizi psichiatrici dei Grigioni, con i quali sono stati sottoscritti dei contratti della durata minima di tre anni. E negli spazi rimanenti (pian terreno) cosa è previsto? «L'ideale sarebbe riuscire in futuro ad affittare tutti gli spazi a disposizione. Tuttavia, al momento prevediamo di utilizzare il pian terreno per eventi in ambito culturale». Già negli anni scorsi, «anche se la Ca' Rossa era parzialmente chiusa, abbiamo sempre cercato di promuovere e organizzare eventi, ad esempio con le scuole, la biblioteca comunale o nell'ambito di qualche mostra. Un edificio come questo bisogna infatti farlo vivere, utilizzandolo». Resterà inoltre intatta anche «la cosiddetta sala degli stucchi, nella quale rimarrà possibile organizzare matrimoni civili». 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cà rossa grigioni grono risanamento rossa uffici
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
41 min
A Chiasso c’è da riconsiderare un’antenna: nessun permesso
Il Municipio disattende le indicazioni favorevoli del Dipartimento del territorio e rispedisce alla Swisscom la richiesta di licenza edilizia
Mendrisiotto
2 ore
Portò il figlio in Egitto senza consenso, pena ridotta
La Corte di appello e revisione penale ha riconosciuto il sincero pentimento a Salah Hassan, condannandolo a 180 aliquote sospese per due anni
Ticino
3 ore
Incidente sul Susten, due docenti le vittime
Il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport attiva il sostegno psicologico per gli allievi e i colleghi delle due vittime
Luganese
9 ore
Se Cenerentola avesse avuto a disposizione un’app
Passa da una ‘prova’ virtuale, per permetterne l’acquisto perfetto, l’applicazione ideata per Bally, noto brand di lusso svizzero
Mendrisiotto
9 ore
‘In futuro Chiasso saprà far valere le sue potenzialità’
Quattro chiacchiere con Francesca Cola Colombo, dallo scorso mese di maggio responsabile marketing della cittadina di confine
Bellinzonese
19 ore
Riviera, parcheggi selvaggi e come combatterli
Il Comune in estate è preso d‘assalto dai canyonisti, talvolta poco rispettosi dell’ordine pubblico. Tarussio: ‘Individuate delle zone di sosta’
Ticino
21 ore
Ticinesi morti sul Susten: Norman Gobbi si unisce al cordoglio
Le due vittime erano membri dell’Associazione ticinese truppe motorizzate (Attm). Marco Bignasca, ex ufficiale auto: fra le società d’arma più attive
Luganese
21 ore
Pianta cade vicino al parco giochi di Melide, cause non chiare
Non si esclude che l’albero possa essere stato attaccato dal coleottero giapponese
Bellinzonese
1 gior
Bellinzona, auto in fiamme sull’A2 in direzione nord
Sul tratto di autostrada si sono formati un paio di chilometri di coda
Luganese
1 gior
Lombardi: ‘Non mi aspetto molto dal vertice sull’Ucraina’
L’incontro sarà a Lugano il 4 e 5 luglio. L’ex consigliere agli Stati si chiede se abbia senso parlare di ricostruzione quando la guerra è ancora in corso
© Regiopress, All rights reserved