laRegione
aiuti-casi-di-rigore-coira-porta-l-aliquota-dal-50-al-75
Una mano che fa bene al settore (Ti-Press)
Grigioni
23.02.21 - 08:140
Aggiornamento : 17:19

Aiuti casi di rigore: Coira porta l’aliquota dal 50 al 75%

Il Governo grigionese ha deciso di erogare, da subito, indennizzi maggiori per i danni economici subiti dalle imprese a causa dei provvedimenti anti-Covid

Il Governo grigionese ha deciso di erogare indennizzi maggiori per i danni economici subiti dalle imprese a seguito dei provvedimenti decisi dalle autorità per contrastare la pandemia di Covid. Coira ha infatti aumentato l'aliquota di contributo dal 50 al 75% della perdita economica e ha proceduto a ulteriori adeguamenti. Le imprese che hanno già presentato una domanda non devono presentarne una nuova. La nuova aliquota di contributo trova applicazione con effetto immediato. Alle imprese che hanno già ricevuto contributi, il contributo aggiuntivo sarà versato automaticamente.

Ulteriori adeguamenti

Le imprese chiuse solo in parte e che quindi devono dimostrare un calo della cifra d'affari superiore al 40%, come ad esempio una panetteria con parte dedicata alla ristorazione (solo la parte dedicata alla ristorazione è chiusa per ordine delle autorità) oppure un albergo con ristorante (il ristorante è chiuso dalle autorità per gli ospiti esterni) possono richiedere che questa soglia venga considerata solo per il settore chiuso, se il calo della cifra d'affari generale non raggiunge questa soglia. In questo settore finora era necessario dimostrare un calo della cifra d'affari superiore al 40%. Quale novità nel settore chiuso dalle autorità occorre dimostrare un calo della cifra d'affari pari soltanto al 15%. Ad esempio, nel caso di un'impresa che gestisce una panetteria con parte dedicata alla ristorazione la quale complessivamente presenta un calo della cifra d'affari pari "soltanto" al 35%, nel settore relativo alla ristorazione viene richiesto un calo della cifra d'affari pari solamente al 15%. Rimane invariata la soglia minima del 15% per il calo della cifra d'affari riferito all'intera impresa. 

È nuovo anche il fatto che un'impresa la quale consegue la propria cifra d'affari in misura pari almeno al 70% in un settore che è stato chiuso (ad esempio un'impresa con parte dedicata a panetteria pari al 30% e parte dedicata alla ristorazione pari al 70% oppure un albergo con parte ristorante pari al 70% e alloggi pari al 30%), viene considerata come completamente chiusa (principio di essenzialità 70 contro 30). Finora il principio di essenzialità vigeva in un rapporto di 80 contro 20.

Commercio al dettaglio e nuova soluzione informatica

I lavori preparatori per erogare gli indennizzi a favore del commercio al dettaglio sono prossimi alla conclusione. Fanno stato le medesime regole valide per gli altri settori. L'unica differenza consiste nel fatto che per calcolare il calo della cifra d'affari per il commercio al dettaglio occorre riferirsi al periodo dal 1° marzo 2020 al 28 febbraio 2021. Con i più recenti adeguamenti sono stati migliorati i presupposti per indennizzare il settore. Il Cantone sta predisponendo una nuova soluzione informatica per i casi di rigore, affinché i versamenti possano avvenire in tempi più rapidi. Il sistema è prossimo a essere introdotto. Coira prevede perciò di evadere le domande relative al commercio al dettaglio tramite questo sistema. Occorre dunque attendere ancora un paio di settimane per la presentazione della domanda. Si raccomanda al settore del commercio al dettaglio di preparare nel frattempo la documentazione atta a dimostrare il calo della cifra d'affari.

TOP NEWS Cantone
Luganese
31 min
Assembramenti a Ponte Capriasca, chiuso il parco giochi
Interpellanza in Consiglio comunale. Il Municipio valuterà nella seduta di lunedì se riaprire, dopo gli allentamenti decisi da Berna
Bellinzonese
1 ora
Processo per stupro, l'ex compagna si mette in discussione
In appello, la ex del 39enne condannato a tre anni in primo grado esprime i suoi dubbi in una lettera alla Corte: "Avrei potuto dire 'no' con più chiarezza"
Ticino
1 ora
Covid: La pressione sugli ospedali è ‘sensibilmente ridotta’
Il Consiglio di Stato ha incontrato la Cellula sanitaria. La campagna di sensibilizzazione cambia colore ma bisogna ‘rimanere vigili’
Bellinzonese
1 ora
Pesciüm sorride, ok al lavoro ridotto per il settore Gastro
Airolo: la decisione valida per 27 dipendenti della ristorazione è stata comunicata ieri da Bellinzona. Soddisfatto il direttore Mauro Pini
Locarnese
1 ora
Terre di Pedemonte, veicoli comunali a impatto zero
Il Gruppo LiSA presenta una mozione nella quale chiede una modifica del ROC, con l'aggiunta
Bellinzonese
1 ora
Le Officine di Bellinzona non vogliono mollare i treni merci
La Commissione del personale allargato, appoggiata dal Consiglio di Stato, chiede nuovamente alle Ffs di presentare il piano industriale per Castione
Bellinzonese
2 ore
‘Esplosioni che hanno messo in pericolo la vita di terzi’
Chiesti 4 anni e mezzo per il 22enne ritenuto il responsabile delle esplosioni avvenute tra il 2019 e il 2020. La difesa chiede al massimo 24 mesi sospesi
Bellinzonese
4 ore
Asilante incendia un giornale al palazzo delle Orsoline
Bellinzona: il richiedente l'asilo è stato identificato dagli agenti e richiamato all'ordine, ma non fermato
Grigioni
5 ore
Nei Grigioni test di massa per gli impiegati cantonali
L'adesione alla campagna di test promossa dal governo retico fra gli impiegati dell'amministrazione cantonale, dopo quelli in scuole e aziende, è dell'85%
Grigioni
5 ore
La Residenza delle Rose investe ma (al momento) licenzia
Casa anziani di Grono: dopo le prime due disdette se ne aggiungono altre tre. Da Coira si attende l'ok alla piscina per fisioterapia: ‘Riassumeremmo’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile