laRegione
25.01.21 - 15:00
Aggiornamento: 16:24

In quarantena anche una classe delle Elementari a Roveredo

La misura è stata adottata grazie al test salivare a tappeto cui sono stati sottoposti tutti gli allievi e i docenti del Moesano

in-quarantena-anche-una-classe-delle-elementari-a-roveredo
Ti-Press

Dopo la quarta elementare delle Scuole Nord di Bellinzona posta in quarantena da venerdì scorso fino al 30 gennaio, un analogo provvedimento è stato adottato alle Elementari di Roveredo per una classe del secondo ciclo. Lo comunica lo Stato maggiore della Regione Moesa in una nota stampa nella quale riporta diverse novità in materia di coronavirus. Cominciamo dai test rapidi: l’11 gennaio è stato aperto a Cama il centro di vaccinazione e test rapido, dando alla popolazione la possibilità, previo appuntamento, di sottoporsi al tampone. Secondo le autorità grigioni si tratta di un metodo appropriato per interrompere la catena di trasmissione. Ebbene, nelle ultime due settimane sono stati effettuati 930 test (compresi i dipendenti di diverse ditte che hanno aderito) da cui sono risultate positive tre persone. I test rapidi saranno svolti anche in futuro parallelamente alle vaccinazioni.

Nelle scuole

Novità regionale per i Grigioni: in tutte le sedi scolastiche moesane sono stati svolti i test salivari su allievi e docenti. Un test non obbligatorio ma vivamente raccomandato, anche qui, per interrompere le catene di contagio. Per verificare la validità del test salivare nelle scuole secondarie e di avviamento, e con tutti gli insegnati di ogni livello, è stato eseguito anche il tampone. In totale sono stati eseguiti 666 test salivari: considerati i tre risultati positivi, il medico cantonale ha ordinato una quarantena di classe; per contro tutti i 243 test rapidi degli antigeni virali sono risultati negativi.

Case anziani

La scorsa settimana è stato somministrata anche la prima dose di vaccino nelle case per anziani della regione. In tutto circa 250 persone tra ospiti e personale di cura. L’adesione da parte dei residenti e del personale sanitario è stata molto alta.

Popolazione

Martedì 26 e mercoledì 27 gennaio nell'apposita struttura di Cama inizieranno le prime vaccinazioni per la popolazione anziana autosufficiente: a causa della disponibilità limitata del vaccino (al momento 200 dosi di Moderna), verranno vaccinate cento persone. La metà delle dosi consegnate verrà pertanto riservata per la seconda dose di vaccino da somministrare dopo 28 giorni. Al momento verranno vaccinate le persone over 75 anni e le persone over 16 affette da malattie croniche gravi. Gli appuntamenti delle persone che si sono iscritte sulla piattaforma Covac (onedoc.ch) vengono assegnati direttamente dal sistema informatico senza possibilità alcuna di modifica degli stessi. Le priorità vengono attribuite secondo il piano vaccinale e le direttive dell'Ufficio federale della sanità pubblica. All’inizio di febbraio, con l’aumento delle dosi disponibili, inizierà la seconda fase di vaccinazione. Le iscrizioni per le vaccinazioni possono essere effettuate tramite il link gr.impfung-covid.ch e per chi avesse delle difficoltà chiamando i numeri 081 254 16 00 e 091 827 37 40. Possono iscriversi solo coloro che fanno parte delle categorie a rischio definite per le vaccinazioni. Chi non appartiene a uno di questi gruppi dovrà attendere l’arrivo della prossima tranche di vaccini. La possibilità di prendere appuntamento per la seconda fase di vaccinazione sarà resa nota pubblicamente e sul sito della Regione Moesa. Per il test rapido è possibile prendere appuntamento tutti i giorni feriali dalle ore 8.30 alle 17.30 chiamndo lo 091 827 37 40.

Leggi anche:

Classe in quarantena alle Elementari Nord di Bellinzona

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
3 ore
‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’
Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Ticino
4 ore
Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’
I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
5 ore
Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma
Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Bellinzonese
5 ore
Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?
I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Ticino
6 ore
Radar: questa settimana sono in un comune su due
L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
6 ore
Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini
L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
8 ore
Acqua potabile per tutti: Locarno, Losone e Muralto solidali
Raccolti e devoluti a favore delle popolazioni dell’Africa occidentale oltre 28mila franchi. Serviranno alla realizzazione d’infrastrutture idriche
Luganese
9 ore
Lugano, incendio boschivo sul monte Brè
Il rogo è stato segnalato all’altezza di via Pineta a Brè sopra Lugano verso mezzogiorno
Locarnese
12 ore
Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive
È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
12 ore
Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus
Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
© Regiopress, All rights reserved